Sergio Fumagalli

Architect Nibionno / Italy

4
send a message
Sergio Fumagalli 4
Sergio Fumagalli
Sergio Fumagalli Nasce a Lecco nel 1957.
Si laurea presso la Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano nel 1980 (relatore prof.Alberico B.Belgiojoso) con una tesi sulla metodologia di intervento urbano applicato all’area Argelati a Milano. Consegue l’abilitazione all’esercizio professionale Febbraio 1982 e nello stesso anno si iscrive all’Ordine degli Architetti P.P.C. di Lecco.
Dal 1981 al 1992 collabora presso lo studio Tekne Planning a Milano a piani urbanistici per Biella e studi di urban planning e indagini sul traffico in diverse città italiane e del Medio Oriente.
Nel 1982 cura la pubblicazione e la mostra su piazza Duomo a Milano (con A.Grandi, A.Tosi, F.Bagatti Valsecchi).
Dal 1982 al 1993 collabora con lo studio B.B.P.R. a Milano con Lodovico e Alberico B. Belgioioso.
In questi 11 anni segue come responsabile di commessa diversi lavori, dove ha modo di sperimentare collaborazioni prestigiose, tra cui i principali sono il Piano di aggiornamento e varianti al P.R.G. di Bergamo, P.R.G. di Lumezzane, Bs (con S.Tintori e P.L.Paolillo), nuova sede dell’Impresa Pessina a Milano, nuova sede ATM di via Monterosa a Milano (con Tradital), restauro della Borsa a Milano (con L.Caccia Dominioni ), restauro dei chiostri di S.Eustorgio a Milano, 2° lotto restauro Palazzo Reale a Milano (con F.Helg e A.Piva), i due concorsi internazionali per la "Tète Defence" a Parigi e per la nuova stazione a Bologna.

Apre un proprio studio professionale a Nibionno località Tabiago in via Battisti n.7 nel 1985, che dall’ottobre 2014 si trasferisce in via California,11.
Un passaggio importante nel suo percorso formativo è costituito dall’esperienza dei primi anni novanta con il gruppo della Commissione Cultura dell’Ordine degli architetti di Como: partecipa alla creazione e cura la prima edizione del “Premio Magistri Comacini” e svolge viaggi di grande interesse formativo presso le grandi capitali europee.
In questo periodo, a partire da piccole commesse private, inizia l’esperienza dei concorsi di architettura dove sperimenta la collaborazione con diversi compagni di lavoro nella convinzione che questo sia il metodo più idoneo per stimolare la reciproca creatività e competenza.
Nel corso degli ultimi trenta anni, partecipa a oltre novantacinque concorsi di architettura, per 15 dei quali riceve il primo premio; sistemazioni urbane e piazze a Barlassina, Bergamo, S.Giuliano Milanese, Lurate Caccivio, Carnago, Cabiate e Lecco, lungolago a trementina, Co, un cimitero a Berbenno,(So) , un palasport a Carnago (Va), la sede municipale di Veduggio (Mb), una scuola a Sondrio, la sala del consiglio provinciale a Lecco, una velostazione a Cesano M.(Mb)
E’ invitato con LFLarchitetti a concorsi internazionali su selezione.
Tra le collaborazioni più significative nella progettazione concorsuale emergono quella con l’arch. Marco Castelletti di Erba e, a partire dal 2000 in maniera stabile, quella con il gruppo “LFLarchitetti” Laura e Piero Luconi, Alessandra Manzoni, Giovanni Sacchi e Dario Zappa, conosciuti in occasione della premiazione del concorso per il Tribunale di Lecco.

Lo studio si occupa principalmente di progetti pubblici per costruzioni, sistemazioni urbane e di verde pubblico, in particolare a Nibionno, Missaglia, Cesano M., Barzago, Brivio, Olgiate Molgora, Induno, Berbenno di Valtellina e Sondrio.
Ha realizzato ex-novo o curato la ristrutturazione di alcune case unifamiliari, a partire dai primi anni novanta a Seveso, Bosisio Parini, Veduggio, Cesano Maderno, Albavilla , Milano, Postalesio. e Missaglia
Ha steso diversi piani di recupero residenziale; in particolare a Masate (Mi), ha progettato il recupero del complesso monumentale di San Nabor e portato a termine la ricostruzione di un isolato urbano per residenze e negozi.
A Nibionno (Lc), ha curato la sistemazione del municipio e delle due chiese parrocchiali e dei sagrati di Tabiago e di Nibionno.
Ha fatto parte di diverse commissioni tecniche, edilizie e del paesaggio presso diversi comuni del lecchese; attualmente è presidente della commissione paesaggio del comune di Brivio, Lecco.

Ha ottenuto diversi riconoscimenti per i lavori realizzati: con LFL architettii, tra il 2004 e il 2007 il Premio di architettura Archès presso la Triennale di Milano, la targa d'argento al Premio Europeo di Architettura Luigi Cosenza 2004, il Premio Ala – Assoarchitetti under 40 nell’ambito del Premio Internazionale Dedalo Minosse alla Committenza di Architettura, ediz.2005-06 e un premio internazionale AR+D 2004.
I suoi lavori sono pubblicati su diverse riviste di settore tra cui The architecural Rewiew, Arketipo, Progettare, L’industria delle costruzioni, Abitare, Of-Arch, D’Architettura,Talea. In particolare una serie di lavori sono stati selezionati tra le migliori opere italiane "under 50" rispettivamente degli anni 1999, 2000, 2002, 2004 e 2005, e pubblicate su l'Almanacco di CASABELLA curato da M. Mulazzani: la palestra di Nibionno, la palazzina bar a Barzago, il palasport di Carnago, per l’ampliamento del cimitero di Berbenno, la sistemazione delle pertinenze di Palazzo Arese a Cesano Maderno e la palazzina servizi centro sportivo Aurora a Olgiate Molgora,. Il lavoro della scuola di Sondrio con LFL è pubblicata su CASABELLA n°742.
Sergio Fumagalli
Sergio Fumagalli
  • Address via California,11, 23895 Nibionno | Italy
  • Tel 031 690903
  • Fax 031 690903
Teams 1 teams

Sergio Fumagalli Nasce a Lecco nel 1957. Si laurea presso la Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano nel 1980 (relatore prof.Alberico B.Belgiojoso) con una tesi sulla metodologia di intervento urbano applicato all’area Argelati a Milano. Consegue l’abilitazione all’esercizio professionale Febbraio 1982 e nello stesso anno si iscrive all’Ordine degli Architetti P.P.C. di Lecco. Dal 1981 al 1992 collabora presso lo studio Tekne Planning a Milano a piani urbanistici per Biella e studi di urban planning e indagini sul traffico in diverse città italiane e del Medio Oriente. Nel 1982 cura la pubblicazione e la mostra su piazza Duomo a Milano (con A.Grandi, A.Tosi, F.Bagatti Valsecchi). Dal 1982 al 1993 collabora con lo studio B.B.P.R. a Milano con Lodovico e Alberico B. Belgioioso. In questi 11 anni segue come responsabile di commessa diversi lavori, dove ha modo di sperimentare collaborazioni prestigiose, tra cui i principali sono il Piano di aggiornamento e varianti al P.R.G. di Bergamo, P.R.G. di Lumezzane, Bs (con S.Tintori e P.L.Paolillo), nuova sede dell’Impresa Pessina a Milano, nuova sede ATM di via Monterosa a Milano (con Tradital), restauro della Borsa a Milano (con L.Caccia Dominioni ), restauro dei chiostri di S.Eustorgio a Milano, 2° lotto restauro Palazzo Reale a Milano (con F.Helg e A.Piva), i due concorsi internazionali per la "Tète Defence" a Parigi e per la nuova stazione a Bologna. Apre un proprio studio professionale a Nibionno località Tabiago in via Battisti n.7 nel 1985, che dall’ottobre 2014 si trasferisce in via California,11. Un passaggio importante nel suo percorso formativo è costituito dall’esperienza dei primi anni novanta con il gruppo della Commissione Cultura dell’Ordine degli architetti di Como: partecipa alla creazione e cura la prima edizione del “Premio Magistri Comacini” e svolge viaggi di grande interesse formativo presso le grandi capitali europee. In questo periodo, a partire da piccole commesse private, inizia l’esperienza dei concorsi di architettura dove sperimenta la collaborazione con diversi compagni di lavoro nella convinzione che questo sia il metodo più idoneo per stimolare la reciproca creatività e competenza. Nel corso degli ultimi trenta anni, partecipa a oltre novantacinque concorsi di architettura, per 15 dei quali riceve il primo premio; sistemazioni urbane e piazze a Barlassina, Bergamo, S.Giuliano Milanese, Lurate Caccivio, Carnago, Cabiate e Lecco, lungolago a trementina, Co, un cimitero a Berbenno,(So) , un palasport a Carnago (Va), la sede municipale di Veduggio (Mb), una scuola a Sondrio, la sala del consiglio provinciale a Lecco, una velostazione a Cesano M.(Mb) E’ invitato con LFLarchitetti a concorsi internazionali su selezione. Tra le collaborazioni più significative nella progettazione concorsuale emergono quella con l’arch. Marco Castelletti di Erba e, a partire dal 2000 in maniera stabile, quella con il gruppo “LFLarchitetti” Laura e Piero Luconi, Alessandra Manzoni, Giovanni Sacchi e Dario Zappa, conosciuti in occasione della premiazione del concorso per il Tribunale di Lecco. Lo studio si occupa principalmente di progetti pubblici per costruzioni, sistemazioni urbane e di verde pubblico, in particolare a Nibionno, Missaglia, Cesano M., Barzago, Brivio, Olgiate Molgora, Induno, Berbenno di Valtellina e Sondrio. Ha realizzato ex-novo o curato la ristrutturazione di alcune case unifamiliari, a partire dai primi anni novanta a Seveso, Bosisio Parini, Veduggio, Cesano Maderno, Albavilla , Milano, Postalesio. e Missaglia Ha steso diversi piani di recupero residenziale; in particolare a Masate (Mi), ha progettato il recupero del complesso monumentale di San Nabor e portato a termine la ricostruzione di un isolato urbano per residenze e negozi. A Nibionno (Lc), ha curato la sistemazione del municipio e delle due chiese parrocchiali e dei sagrati di Tabiago e di Nibionno. Ha fatto parte di diverse commissioni tecniche, edilizie e del paesaggio presso diversi comuni del lecchese; attualmente è presidente della commissione paesaggio del comune di Brivio, Lecco. Ha ottenuto diversi riconoscimenti per i lavori realizzati: con LFL architettii, tra il 2004 e il 2007 il Premio di architettura Archès presso la Triennale di Milano, la targa d'argento al Premio Europeo di Architettura Luigi Cosenza 2004, il Premio Ala – Assoarchitetti under 40 nell’ambito del Premio Internazionale Dedalo Minosse alla Committenza di Architettura, ediz.2005-06 e un premio internazionale AR+D 2004. I suoi lavori sono pubblicati su diverse riviste di settore tra cui The architecural Rewiew, Arketipo, Progettare, L’industria delle costruzioni, Abitare, Of-Arch, D’Architettura,Talea. In particolare una serie di lavori sono stati selezionati tra le migliori opere italiane "under 50" rispettivamente degli anni 1999, 2000, 2002, 2004 e 2005, e pubblicate su l'Almanacco di CASABELLA curato da M. Mulazzani: la palestra di Nibionno, la palazzina bar a Barzago, il palasport di Carnago, per l’ampliamento del cimitero di Berbenno, la sistemazione delle pertinenze di Palazzo Arese a Cesano Maderno e la palazzina servizi centro sportivo Aurora a Olgiate Molgora,. Il lavoro della scuola di Sondrio con LFL è pubblicata su CASABELLA n°742.