Enrico Realacci

Architect Rome / Italy

2
send a message
Enrico Realacci 2
Enrico Realacci
Enrico Realacci
Enrico Realacci
  • Address Piazza Guglielmo Marconi, 14d, 00144 Rome | Italy
  • Tel +390632110676

Dirigo dal 1999 lo studio ENRICO REALACCI ARCHITECTURES, attivo nella creazione e trasformazione di spazi culturali, espositivi, ambienti di lavoro, luoghi dell'abitare. Con particolare attenzione al riuso, alla riqualificazione e valorizzazione del patrimonio esistente. Lo studio ERA è una struttura creativa, flessibile e altamente specializzata, in grado di gestire progetti complessi attraverso l’integrazione di tutte le competenze professionali necessarie: dallo space planning alla progettazione architettonica, strutturale, impiantistica; dal project management alla direzione lavori. Passando attraverso discipline specialistiche quali illuminotecnica, acustica, climatizzazione attiva e passiva, integrazione domotica, progettazione multimediale, design di arredi e apparati complessi. L'intero processo progettuale viene sempre gestito attraverso una completa integrazione multidisciplinare. Tre i punti-cardine che caratterizzano la filosofia progettuale dello studio: 1. Una ricerca tesa a captare essenza ed assenza. Ricerca di senso, innanzitutto, perché i temi progettuali siano posti in forma di domanda prima ancora che di risposta. 2. La costruzione, attraverso il progetto, di un sistema di relazioni in equilibrio variabile, sensibile ad un approccio soggettivo/emotivo dell’utente. 3. Tensione costante verso l'innovazione, poiché sono da tempo convinto che la tecnologia più evoluta sia anche quella meno invasiva: più si perfeziona, più l’artificio si avvicina alla natura. Così come sono altrettanto fermamente convinto che la sfida dei prossimi decenni sarà incentrata sui temi della sostenibilità: minor consumo di suolo, di materia, di energia; riqualificazione del patrimonio edilizio esistente, delle periferie, dei non-luoghi. Un grande lavoro di ricucitura, non solo del territorio ma anche della nostra storia. Con l'obiettivo di recuperare valore e specificità dei contesti attraverso una intensificazione dei caratteri identitari. E noi, per questa sfida, ci sentiamo pronti.