Infrastruttura polivalente MACROATTRATTORE TURISTICO

Potenza / Italy / 2015

4
4 Love 2,775 Visits Published
Gara di appalto in due fasi indetta dal Comune di Senise (PZ). FASE 1: Progetto definitivo in sede offerta per la progettazione e la realizzazione di un ainfrastruttura polivalente e di un format spettacolare dal titolo "LA MAGNA GRECIA - IL MITO DELLE ORIGINI - IL GRANDE RACCONTO DEI GRECI IN OCCIDENTE" presso l'invaso di Montecotugno - Comune di Senise (PZ). FASE 2: Redazione Progetto Esecutivo 08/08/2013 DESCRIZIONE DELL'OPERA:L’opera presentata riguarda una INFRASTRUTTURA POLIVALENTE progettata e realizzata parallelamente al FORMAT SPETTACOLARE DAL TITOLO “LA MAGNA GRECIA – IL MITO DELLE ORIGINI - IL GRANDE RACCONTO DEI GRECI IN OCCIDENTE” e dedicata, in una prima fase, anche alla rappresentazione di tale spettacolo. L’intervento ricade nell’area di pertinenza della diga di Monte Cotugno, situata nel territorio della valle del Sinni, nel comune di Senise (PZ). Entrato in funzione nel 1983, l’invaso rappresenta la più grande diga d'Europa in terra battuta, realizzata sbarrando il corso del fiume Sinni nel punto in cui il letto del fiume si restringe. Il sito d’intervento, con superficie pari a circa 5 Ha, è ubicato non lontano dal caseggiato di Masseria Massanuova a margine dell’abitato di Senise, in prossimità della sua Zona Industriale, nel territorio del Parco Nazionale del Pollino. L’area è lambita, nel suo margine sud, dalla bretella di collegamento della S.S. Sinnica n. 653 con la S.S. dell’Appenino Meridionale n. 92. In prossimità del margine ovest, esiste ancora il collegamento con l’abitato di Senise, attraverso un ponte di vecchia costruzione che scavalca l’invaso nelle stagioni di magra. In particolare, la S.S. Sinnica collega l'Autostrada A3 Salerno – Reggio Calabria con la S.S. Jonica n. 106. Il contesto paesaggistico è caratterizzato da un territorio agricolo in cui si alternano aree coltivate, per lo più ad oliveti e frutteti, a macchie vegetative riparali, intervallate da vuoti incolti e da lotti con coltivazioni cerealicole. Il territorio, inoltre, è caratterizzato dalla presenza del Fosso Rosicille e di fossi e canali secondari che per la maggior parte dell’anno si presentano prosciugati con la caratteristica di regime torrentizio nella stagione invernale. Il progetto interpreta la propria funzione di edificio destinato allo spettacolo ma si propone anche come vero e proprio luogo di fruizione del paesaggio, perfettamente integrato per colori, materiali e forme. Un paesaggio che a diverse scale è costituito dall’orografia naturale, dall’invaso della diga, dai rilevati artificiali, dalle superfici in tufo, dai volumi in legno e dal bacino d’acqua della nuova struttura. Il progetto, inoltre, interpreta e risolve le esigenze di collegamento con il contesto urbanizzato, integrando nel paesaggio la nuova viabilità e le importanti aree di parcheggio previste. I principali elementi del progetto sono: La cavea, con capienza pari a circa 2500 spettatori. È integrata al rilevato in terra a forma di corona circolare che caratterizza il progetto, individuando al suo interno gli spazi scenici e costituendo il principale elemento di mitigazione visiva e acustica. Gli spazi scenici, il principale dei quali è costituito da un bacino artificiale d’acqua, pensato appositamente per lo spettacolo “LA MAGNA GRECIA”, con un’estensione di circa 3500mq e una profondità media di circa 70 cm. Gli elementi tecnici presenti sono: una torre tecnica centrale con funzione di proiezione luci, video e regia; due torri tecniche laterali con funzione di proiezione luci e video; le rovine, le quali contengono elementi tecnici e scenografici; le tre edicole interrate, posizionate alle spalle del bacino, con funzione di proiezione video. Gli spazi di servizio sono collocati interamente al disotto della gradonata inglobata nel terrapieno artificiale che delimita e definisce l’area spettacolo. Una superficie di circa 560 mq è destinata a caffetteria, ufficio, medicheria, spazio autisti, i servizi igienici per il pubblico, un guardaroba e i locali tecnici. I cameroni sono concepiti anche come spazi di servizio polivalenti e possono essere alternativamente usati come cameroni e come aula didattica/laboratorio. Le aree pedonali: il piazzale pedonale funge da elemento di mediazione fra le aree di parcheggio e l’area spettacolo; un percorso pedonale anulare circonda completamente l’area di spettacolo. Il progetto è strutturato attraverso l’integrazione di aree verdi naturali o preesistenti (l’uliveto ubicato sul fronte sud dell’area e il gruppo di querce posizionato sul fronte nord ovest) e aree verdi di nuova realizzazione (il terrapieno circolare che accoglie l’area di spettacolo). I parcheggi, con una capienza di 365 auto per il pubblico, 37 auto per gli artisti, 22 pullman.
4 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Gara di appalto in due fasi indetta dal Comune di Senise (PZ). FASE 1: Progetto definitivo in sede offerta per la progettazione e la realizzazione di un ainfrastruttura polivalente e di un format spettacolare dal titolo "LA MAGNA GRECIA - IL MITO DELLE ORIGINI - IL GRANDE RACCONTO DEI GRECI IN OCCIDENTE" presso l'invaso di Montecotugno - Comune di Senise (PZ). FASE 2: Redazione Progetto Esecutivo 08/08/2013 DESCRIZIONE DELL'OPERA:L’opera presentata riguarda una INFRASTRUTTURA POLIVALENTE...

    Project details
    • Year 2015
    • Work started in 2014
    • Work finished in 2015
    • Client Comune di Senise (PZ)
    • Contractor Totaro Costruzioni s.r.l.; Impresa Calderaro s.r.l.; San Giorgio Appalti s.r.l.; Solares Fondazione delle Arti; LimeLight s.r.l.
    • Cost 4.900.000,00
    • Status Current works
    • Type Parks, Public Gardens / multi-purpose civic centres / Multi-purpose Cultural Centres / Theatres / Concert Halls
    Archilovers On Instagram
    Lovers 4 users