ISM | 2 houses 1 patio

recupero + ampliamento Bresso / Italy / 2012

1
1 Love 1,330 Visits Published
La ristrutturazione e l’ampliamento di una casa dei primi anni Venti, situata in testata di una cortina edilizia di palazzine coeve, offrono lo spunto per una riflessione sull’accostamento di vecchio e nuovo e sull’utilizzo sostenibile di una struttura architettonica esistente. L’intervento ha dato vita a una villa unifamiliare – suddivisibile in futuro in cinque unità autonome – nella quale grande importanza hanno gli spazi di relazione esterni e interni attorno ai quali si organizzano e distribuiscono tutti gli ambienti.
Sul retro della casa un ampliamento realizzato negli anni Cinquanta e un capannone dello stesso periodo occupavano quasi metà del lotto. Dalla demolizione parziale di questi ultimi e grazie alla volumetria ancora a disposizione è stato possibile realizzare un ampliamento e recuperare il sottotetto dell’edificio esistente.
Piuttosto che completare la cortina edilizia, la scelta è stata quella di porre il nuovo volume in posizione arretrata rispetto alla strada. Ciò ha permesso da un lato di riutilizzare il vano scale esistente anche per la distribuzione dell’ampliamento e dall’altro di aprire grandi finestre verso sud senza rinunciare alla privacy.
Le grandi aperture contribuiscono inoltre a massimizzare il guadagno termico passivo: questa soluzione, insieme all’impianto geotermico per il riscaldamento e per l’impianto di acqua calda sanitaria e all’impianto fotovoltaico realizzato sulla falda sud dell’edificio esistente, consente un abbattimento sostanziale dei consumi energetici.
Nell’intento di preservare l’edificio esistente e di lasciarne integra la percezione, si è deciso di distinguerlo dai nuovi volumi attraverso un uso differenziato e complementare dei materiali. Mentre la palazzina originaria è un edificio intonacato con limitati inserti in laterizio, i volumi di ampliamento presentano facciate prevalentemente in laterizio, all’interno delle quali sono stati realizzati inserti di intonaco.
Due grandi logge separano il giardino dal patio centrale, proteggendolo dagli sguardi degli alti edifici che circondano il lotto. Tutte le unità immobiliari si affacciano sul patio che si configura come una grande stanza a cielo aperto e come fonte d’aria fresca nei mesi estivi.
Il capannone esistente viene parzialmente demolito, recuperato come garage e laboratorio e dotato di una nuova facciata leggera realizzata con listelli in legno di larice.
1 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    La ristrutturazione e l’ampliamento di una casa dei primi anni Venti, situata in testata di una cortina edilizia di palazzine coeve, offrono lo spunto per una riflessione sull’accostamento di vecchio e nuovo e sull’utilizzo sostenibile di una struttura architettonica esistente. L’intervento ha dato vita a una villa unifamiliare – suddivisibile in futuro in cinque unità autonome – nella quale grande importanza hanno gli spazi di relazione esterni e interni attorno ai quali si organizzano e...

    Project details
    • Year 2012
    • Work started in 2010
    • Work finished in 2012
    • Main structure Reinforced concrete
    • Client privato
    • Contractor GT immobili
    • Status Completed works
    • Type Apartments / Multi-family residence
    Archilovers On Instagram
    Lovers 1 users