Riqualificazione ambientale della sede ex‐ferrovia

Premio PAI 2012_Categoria strutture, infrastrutture ed impianti tecnologici Savona / Italy / 2011

76
76 Love 6,566 Visits Published
L’intervento di riqualificazione della sede dismessa della sede FFSS di Albisola Superiore, nel tratto a levante del territorio comunale, si può riassumere, nella metodologia che ne ha ispirato la realizzazione in alcune logiche generali che hanno condotto alle scelte progettuali e che meglio ne illustrano le motivazioni. Questi si possono brevemente riassumere in: • Dare continuità ai percorsi pedonali • Aumentare la fruibilità del tratto costiero • Reversibilità degli interventi • Materiali a basso impatto ambientale • Incremento del verde pubblico e riqualificazione di quello esistente • Sviluppo turistico compatibile (immaginare le forme di nuovi utilizzi che suggeriscano nuovi usi, ma che tutelino le situazioni di pregio ambientale esistente) La realizzazione della passeggiata è consistito in: • nuova pavimentazione del tracciato ferroviario; • realizzazione di impalcato a sbalzo a costituire una terrazza panoramica; • formazione di protezione lato mare in corrispondenza del rilevato; • realizzazione di centinatura strutturale all’interno della galleria; • protezione scarpata a monte; • realizzazione di nuova illuminazione pubblica, sistemazione del verde, arredo urbano. Passeggiata e Terrazza: come da prescrizioni date dalla Regione Liguria in sede di conferenza dei servizi deliberante, si è proceduto alla posa in opera di un conglomerato resinoso trasparente/neutro con inerti di pietrisco colorato, la cui colorazione si integra con la nuova passeggiata in adiacenza e continuità’ all’area di progetto con i bordi lasciati al naturale. L’intento è cercare di preservare il carattere naturalistico del luogo senza trasformarlo in una passeggiata “urbana” snaturando in tal modo l’identità di un’ area che per uno strano paradosso è stato conservato proprio dall’essere rimasto in stato di semiabbandono per 40 anni. Un percorso secondario in legno a quota –30 cm circa rispetto a quello principale, lato mare, costituisce una terrazza panoramica che allarga la sezione della passeggiata esistente e libera la vista sul paesaggio. Protezione a mare: si è previsto di rifiorire mediante la posa di massi naturali di quarta categoria la scogliera frangiflutti esistente tra la fine della galleria Torre e il promontorio del “Buco del prete”. L’intervento ha lo scopo di preservare dalle violente mareggiate di libeccio e di scirocco la muratura in pietra di sostegno della massicciata ferroviaria ottocentesca, che attualmente presenta cedimenti e crolli localizzati in corrispondenza dei vuoti provocati dalle onde. La galleria ferroviaria: si presentava per una parte rivestita in mattoni, e per una parte con roccia a vista. Sono stati quindi individuate differenti tipologie operative per gli interventi da effettuare in galleria. La parte rivestita in mattoni, discretamente conservata, è stata oggetto di un intervento di consolidamento e ricucitura del paramento, la parte con roccia in vista, con problemi legati alla sicurezza e stabilità ha portato alla progettazione di una struttura in acciaio costituita da centine in COR-TEN che hanno rivestito la parte interna costituendo un sostegno alla stessa. L'intelaiatura realizzata è stata quindi rivestita in pannelli sempre in acciaio COR-TEN, con funzione, oltre che estetica, di protezione dalla caduta di materiale, e di convogliamento ai bordi delle acque provenienti dalla volta. Protezione a monte: è stata sostituita, previo ampia pulizia e disgaggio delle parti incoerenti, nel tratto tra il termine della Galleria Torre e il promontorio, la rete esistente con barriere elastiche paramassi poste sulla testa del muro di sostegno esistente, realizzata con rete metallica montata su sostegni in profilato metallico con funi di rinforzo orizzontali. La scarpata a monte opportunamente risagomata ed alleggerita dal carico di materiale lapideo a tergo del muro, è stata anche messa in sicurezza con la creazione di un vallo atto a dissipare l’energia del materiale in caduta.
76 users love this project
Comments
View previous comments
    comment
    Enlarge image

    L’intervento di riqualificazione della sede dismessa della sede FFSS di Albisola Superiore, nel tratto a levante del territorio comunale, si può riassumere, nella metodologia che ne ha ispirato la realizzazione in alcune logiche generali che hanno condotto alle scelte progettuali e che meglio ne illustrano le motivazioni. Questi si possono brevemente riassumere in: • Dare continuità ai percorsi pedonali • Aumentare la fruibilità del tratto costiero • Reversibilità degli interventi •...

    Archilovers On Instagram
    Lovers 76 users