Casa Pantelleria Albanese

Pantelleria / Italy / 1998

238
238 Love 42,779 Visits Published
Island of Pantelleria, Mediterranean, 12° Est 36°45’ North, 80 sq. Km: a pouring of lava, on the continental shelf of Africa, in the middle of the Sicilian Channel. Thirty miles from Tunisia. An agricultural complex containing a number of dammusi, the typical construction of the local agricultural population, built with double dry-masonry walls in lavic stone and obsidian (100 to 200 cm thick), interspaces filled with rubble (“casciata”): the internal wall supports the vault, the external wall functions as a buttress; a rugged landscape, with severe level variations, each marked by e wall; Mediterranean vegetation (grapevines, olives, holm oaks and prickly pear cacti). On the pre-existing dammusi, which were partially ruined, a series of new spaces have been built using the original construction techniques, concatenated around a volume with an apse, with a vaulted roof (height 4.5 m), organized around a sequence of enclosed courtyards that can be used in the summer. The compact character of this allusive village is contrasted by the openness, defined by a simple stucco wall, of the swimming pool, whose border marks the profile of the sea. A succession of material identifies the interior: bare stone indicates pre-existing elements. A long pathway in tufa, bordered by a stone wall, leads to e depression 16 metres below the level of the house. At the centre of this volcanic depression, terraces have been built to create an open-air theatre. [ITA] - La casa di Pantelleria è il buen retiro di Flavio Albanese, un rifugio estivo immerso nel nero e impervio paesaggio della pietra vulcanica di Pantelleria. Il progetto è risultato del recupero di un borgo di abitazioni tipiche, i dammusi, (costruzioni con doppi muri a secco di pietra lavica e ossidiana con intercapedini di detriti) adagiati su una collina con notevoli dislivelli, dal quale si intravvede, a trenta miglia di distanza, la costa africana. Ai dammusi esistenti e recuperati, sono state integrate, con calibrata miscela progettuale, una serie di nuove addizioni realizzate con tecniche e materiali tradizionali. Si tratta di un approccio che Flavio Albanese definisce “innocente”: “è innocente un progetto che non nuoce, non sottrae nulla al paesaggio, aggiungendovi solo dei frammenti”. Si genera così una kasba, una matrice quasi-urbana, definita dall’alternanza di volumi, di corti interne e di saloni e sale da pranzo all’aperto protette da tende di tela o da tetti di palme. L’intero organismo si sviluppa attorno a un corpo di fabbrica centrale, di forma absidale con copertura a botte chiamata Basilica, che ospita lo spazio padronale. La densità compatta della matrice mediterranea si risolve infine nell’ampia piazza in battuto di tufo, dove una piscina a sfioro lunga 25 metri ha come unico limite l’orizzonte e il panorama del Mediterraneo. Un lungo camminamento in tufo collega questi edifici a altri piccoli dammusi-stanze per gli ospiti, e più in là, conduce a un dislivello generato da una depressione vulcanica, da cui è stata ricavata l’arena che, nelle notti d’estate, offre spettacoli e cineforum all’aperto. La casa di Pantelleria, come ogni organismo vivo, si modifica e cambia nel tempo. Se il primo approccio era all’insegna del recupero di suggestioni etnico-mediterranee, oggi la casa/kasbah di Pantelleria manifesta maggiori soluzioni architettoniche contemporanee, in una equilibrata fusione di tradizione e innovazione. La contemporaneità, tra l’altro è sempre stata di casa da queste parti. Anche sotto forma di opere d’arte: l’installazione site specific “Scirocco circle” di Richard Long, le fotografie di Helmut Newton e di Christian Boltansky, le opere di Bartolini e di Sozzi, l’installazione di Olafur Eliasson sono solo alcuni degli oggetti d’arte provenienti dalla ricca collezione di Flavio
238 users love this project
Comments
View previous comments
    comment
    Enlarge image

    Island of Pantelleria, Mediterranean, 12° Est 36°45’ North, 80 sq. Km: a pouring of lava, on the continental shelf of Africa, in the middle of the Sicilian Channel. Thirty miles from Tunisia. An agricultural complex containing a number of dammusi, the typical construction of the local agricultural population, built with double dry-masonry walls in lavic stone and obsidian (100 to 200 cm thick), interspaces filled with rubble (“casciata”): the internal wall supports the vault, the external wall...

    Project details
    • Year 1998
    • Client Flavio Albanese
    • Status Completed works
    • Type Single-family residence
    Archilovers On Instagram
    Lovers 238 users