Ex Foro Boario_Arch.Giuseppe Davanzo

Padua / Italy

0
0 Love 252 Visits Published

Ex Foro Boario di corso Australia, a Padova,
opera di Giuseppe Davanzo.


Il Foro Boario di Padova, nasce alla metà degli anni sessanta, per volontà
dell 'amministrazione comunale era l'epoca dello sviluppo e della modernizzazione ad ogni costo, spesso a sacrificio della ''forma urbis''.
La rivoluzione normativa relativa alla compravendita del bestiame bovino cambia e così, in breve tempo, il nuovo Foro Boario di Padova diventa privo di funzione.Il progetto di Davanzo si affida all 'immagine di memoria dei grandi tendoni da circo, sotto i quali avvenivano le compravendite di bestiame, durante le fiere paesane: la vivacità della stretta di mano per suggellare un contratto, gli animali che sono valutati da compratori le cui esperienze si fondono con la fenomenologia dal cinque sensi, tanto sono intrise nel loro essere.


La tecnica realizzativa è quella della prefabbricazione del calcestruzzo precompresso, con maturazione a vapore.
Se l'immagine d'insieme si affida a quella del circo a due pennoni, analogamente sostituiti da due lanterne nella compenetrazione planimetrica di due grandi quadrati che definiscono il corpo principale del complesso, il telaio strutturale è, invece, affidato a una magliamodulare quadrata impostata su pilastri tetralobati che reggono le travi principali in precompresso.
Su tali travi sono ancorate quelle secondarie. sempre in cemento armato, che vanno a formare delle piastre di copertura con modulo 10x10 ml; il passo dei pilastri corrisponde alla diagonale, 14,14 ml, del quadrato, cosicché ogni piastra è sorretta su due vertici opposti da pilastri mentre gli altri due vertici sono collegati alle piastre sovra e sottostanti da appendini metallici (di lunghezza pari a 1,80 m l) appositamente studiati per garantire l' equilibrio statico di tutta la copertura.Si ha così un doppio scostamento di matrice, sia orizzontale che verticale, con una leggera sovrapposizione di 1 mi tra le piastre di copertura, sul reticolo strutturale di base di 10x10 ml. Il risultato è una continuità strutturale e di copertura, ma che lascia passare luce ed aria. Davanzo crea, in questo modo, un grande spazio coperto senza essere chiuso, con tamponamenti laterali in pannelli di calcestruzzo con argilla espanso, dove trovano ricovero tutte le attività di trattativa, scambio, esposizione degli animali a cui si affiancano stalle di sosta, stalla contumaciale, edifici per servizi vari e parcheggi.Spazi organicamente determinati grazie anche alla scelta di ruotare il modulo compositivo a 45° rispetto a Corso Australia, dove il Foro Boario si affaccia, con "un asse di distribuzione interno all'area di mercato di facile percorrenza e in grado di corrispondere alla dinamica della trattativa: vedere i capi di bestiame, valutarli, contrattare, pattuire, scambiare informazioni, pagare, il tutto in breve tempo''.

0 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Ex Foro Boario di corso Australia, a Padova,opera di Giuseppe Davanzo. Il Foro Boario di Padova, nasce alla metà degli anni sessanta, per volontà dell 'amministrazione comunale era l'epoca dello sviluppo e della modernizzazione ad ogni costo, spesso a sacrificio della ''forma urbis''.La rivoluzione normativa relativa alla compravendita del bestiame bovino cambia e così, in breve tempo, il nuovo Foro Boario di Padova diventa privo di funzione.Il progetto di Davanzo si...

    Project details
    • Status Completed works
    Archilovers On Instagram