Nuovo Felettino

La Spezia / Italy

2
2 Love 1,090 Visits Published

Il nuovo Felettino sostituirà il Presidio esistente con una struttura in grado di offrire dotazioni sanitarie di livello regionale che comprendono 520 posti letto, di cui 70 tecnici, un Dea di secondo livello e un day service per un flusso di circa 900 pazienti al giorno. Le previsioni di Piano auspicano che il potenziamento dei servizi possa anche rendere possibile il recupero dello storico San Gabriele nel centro della città.


La complessità del progetto consiste nella volontà di affrontare tutti i temi emergenti dell’Ospedale del Terzo Millennio, senza rinunciare alla qualità architettonica e alla compatibilità ambientale del nuovo complesso che si inserisce nel pregevole contesto collinare degli uliveti sopra La Spezia. Con questa logica, il nuovo Ospedale presenta un innovativo impianto planimetrico che si apre verso il paesaggio con quattro volumi disposti a ventaglio per garantire il minor impatto ambientale e ottimizzare i benefici energetici di un corretto orientamento. Questo consente ai blocchi delle degenze di essere per la maggior parte rivolti a sud con affaccio diretto verso il mare, contribuendo così ad una climatizzazione sostenibile e al benessere psicofisico dei pazienti. 


Il layout interno propone spazi continui che facilitano la multidisciplinarità clinica con camere a due posti letto. La distribuzione è concepita per ridurre la percorrenza, facilitare la comunicazione e il wayfinding. Una generosa Hall d’ingresso, concepita come una piazza urbana coperta, ospita tutti i servizi di prima accoglienza, oltre a spazi commerciali e di ristoro: sale d’attesa, ascensori e blocchi scale si affacciano su questo spazio pubblico per offrire la massima leggibilità dei percorsi e agevolare il senso di orientamento. A questo atrio centrale sono collegate due corti di snodo distributivo dove la presenza del verde sottolinea il valore della natura anche come elemento terapeutico. 


Il complesso si sviluppa su otto piani ed è organizzato per intensità tecnologia, secondo la seguente articolazione: i primi due piani per i servizi ambulatoriali e di day hospital; i successivi tre, per il Blocco Operatorio, i laboratori e i Dipartimenti specialistici, gli ultimi per le degenze. L’intervento comprende anche un blocco autonomo per la Radioterapia ed un parcheggio multipiano per 823 posti (702 auto, 78 moto, 43 mezzi tecnici e di servizio), che segue i naturali terrazzamenti del terreno.


La collaborazione con Hopkins Architects valorizza il ruolo dell’ingegnerizzazione e l’integrazione delle specialistiche al fine di ottenere massima flessibilità strutturale e impiantistica, ma anche prestazionalità termica dell’involucro per  un ottimale comfort delle degenze e di tutti gli spazi di cura che rappresenteranno un’eccellenza per la realtà sanitaria ligure.  


 


FOCUS tecnologico_ Arch. Giuseppe Cacozza, Coordinatore Generale progetto, progettista opere architettoniche


L’edificio principale, costituente l’ospedale vero e proprio, ha una pianta a forma di emiciclo con corpi avanzati che, pur presentando un asse di simmetria, è irregolare, con una altezza complessiva di circa 39m su 8 livelli. I corpi avanzati hanno pianta rettangolare di circa 75x22.5 m.


Il sistema strutturale è costituito da setti in c.a. e pilastri composti in acciaio e calcestruzzo, disposti secondo una maglia quadrata 7.50 x 7.50 m. Per i primi due ordini i pilastri sono circolari di diametro 50 cm con un profilo metallico laminato inglobato nel getto di calcestruzzo, invece per i piani superiori essi sono costituiti da un getto di calcestruzzo confinato all’interno di un profilo metallico circolare cavo. I pilastri sostengono solai costituiti da una soletta in cemento armato di spessore 30 cm eseguita in opera. La funzione di controventamento è garantita dai nuclei presenti in corrispondenza dei corpi scala e ascensori, attorno ai quali sono concentrati i cavedi per le distribuzioni impiantistiche. Gli interpiani sono variabili da 420 a 490 cm.


Il sistema di fondazione è costituito da un reticolo di travi rovesce di altezza 2 m disposte lungo i fili della maglia strutturale. Vista l’importanza dell’edificio per la sua funzione e il suo contenuto, specie in caso di calamità, si è adottato un sistema di protezione sismica della struttura di tipo passivo, basato sull’utilizzo di isolatori, che consente di abbattere drasticamente gli effetti di terremoti di notevoli intensità, permettendo di mantenerne intatte le parti strutturali e l’operatività. In particolare si utilizzano isolatori del tipo “a doppio pendolo”.

2 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Il nuovo Felettino sostituirà il Presidio esistente con una struttura in grado di offrire dotazioni sanitarie di livello regionale che comprendono 520 posti letto, di cui 70 tecnici, un Dea di secondo livello e un day service per un flusso di circa 900 pazienti al giorno. Le previsioni di Piano auspicano che il potenziamento dei servizi possa anche rendere possibile il recupero dello storico San Gabriele nel centro della città. La complessità del progetto consiste nella...

    Project details
    • Work started in 2010
    • Client Infrastrutture Liguria
    • Status Current works
    • Type Hospitals, private clinics
    Archilovers On Instagram
    Lovers 2 users