9/11 Memorial

Reflecting Absence - National September 11 Memorial & Museum at the World Trade Center New York / United States / 2014

40
40 Love 9,484 Visits Published

The National September 11 Memorial is a tribute of remembrance and honor to the nearly 3,000 people killed in the terror attacks of September 11, 2001 at the World Trade Center site, near Shanksville, Pa., and at the Pentagon, as well as the six people killed in the World Trade Center bombing in February 1993.


The Memorial’s twin reflecting pools are each nearly an acre in size and feature the largest manmade waterfalls in the North America. The pools sit within the footprints where the Twin Towers once stood. Architect Michael Arad and landscape architect Peter Walker created the Memorial design selected from a global design competition that included more than 5,200 entries from 63 nations.


The names of every person who died in the 2001 and 1993 attacks are inscribed into bronze panels edging the Memorial pools, a powerful reminder of the largest loss of life resulting from a foreign attack on American soil and the greatest single loss of rescue personnel in American history.



The 9/11 Memorial is located at the site of the former World Trade Center complex and occupies approximately half of the 16-acre site. The Memorial features two enormous waterfalls and reflecting pools, each about an acre in size, set within the footprints of the original Twin Towers. The Memorial Plaza is one of the most eco-friendly plazas ever constructed. More than 400 trees surround the reflecting pools. Its design conveys a spirit of hope and renewal, and creates a contemplative space separate from the usual sights and sounds of a bustling metropolis.


Swamp white oak trees create a rustling canopy of leaves over the plaza. This grove of trees bring green rebirth in the spring, provide cooling shade in the summer and show seasonal color in fall. A small clearing in the grove, known as the Memorial Glade, designates a space for gatherings and special ceremonies.


 


[IT]
“Reflecting Absence” è il nome del progetto dell’architetto israeliano Michael Arad scelto per il World Trade Center Memorial, il memoriale dell’11 settembre.


Due grandi vasche ed una cascata d’acqua a formare un velo ai piani inferiori. Attraverso il vuoto di due grandi vasche situate dove un tempo sorgevano le due torri, il progetto di Arad evoca il senso di perdita e assenza causate dalla tragedia del World Trade Center.
I visitatori possono raggiungere lo spazio interrato attraverso un percorso di discesa che li isola dalla luce e dai suoni della città accompagnandoli solo col suono generato dalle cascate d’acqua.

Le vasche saranno realizzate in uno spazio profondo tredici piedi rispetto al livello della strada, in corrispondenza di una grande piazza all’aperto. Attorno alle due vasche, costantemente fornite d’acqua da un flusso simile a quello di una cascata, sorgeranno due edifici inclinati che guideranno i visitatori lungo la discesa verso i sentimenti della memoria.
Michael Arad e Peter Walker
Il vuoto costante vuole essere metafora dell’assenza, della dolorosa perdita provocata dalla tragedia. In un comunicato pubblicato a novembre, quando Arad veniva scelto tra i finalisti, l’architetto israeliano dichiarava: “I due vuoti possono essere letti come contenitori di perdita, vicini ma inaccessibili”.
Un lunghissimo nastro sul quale compariranno i nomi delle vittime circonderà la grande vasca, sottolineando l’enormità della tragedia.
Il percorso si concluderà con l’ascesa verso la città. Il visitatore sarà nuovamente immerso nell’oscurità, ma questa volta l’uscita lo riporterà nella dimensione luminosa della città con i suoi suoni, in una grande piazza all’aperto. Alti pini faranno da cornice alla piazza creando al suo interno grandi spazi ombreggiati. La piazza fungerà da mediatore tra la città ed il memorial, suggerendo al tempo stesso contemplazione e quotidianità.

Entrando in uno dei due edifici, si darà inizio ad un percorso attraverso il quale si scenderà per raggiungere lo spazio interrato. Gradualmente il visitatore sarà isolato dalla luce e dai suoni della città, e l’unico suono ad accompagnarlo sarà quello delle cascate d’acqua, sempre più incalzante man mano che si procederà col percorso. Giunto alla fine, si troverà dietro un velo di acqua e potrà contemplare un enorme lago sfociante ininterrottamente nel vuoto di una vasca che non si riempirà nonostante il flusso continuo.

40 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    The National September 11 Memorial is a tribute of remembrance and honor to the nearly 3,000 people killed in the terror attacks of September 11, 2001 at the World Trade Center site, near Shanksville, Pa., and at the Pentagon, as well as the six people killed in the World Trade Center bombing in February 1993. The Memorial’s twin reflecting pools are each nearly an acre in size and feature the largest manmade waterfalls in the North America. The pools sit within the footprints where the...

    Archilovers On Instagram
    Lovers 40 users