Marco Ambrosanio

Architect salerno / Italy

0
send a message
Marco Ambrosanio 0
Marco Ambrosanio
Marco Ambrosanio nasce a Napoli nel 1973. Si laurea in Architettura con una tesi di ricerca sulla progettazione e costruzione degli edifici teatrali in area austro-tedesca dal 1876 al 1927. L'edificio teatrale è un luogo di sperimentazione dove far dialogare la fisica acustica e la tecnologia dei materiali nella costruzione dello spazio dell'architettura.
Collabora presso la B.M. engineering s.r.l. alla progettazione della viabilità di accesso al nuovo polo fieristico di Rho-Pero (MI) e dal 2004, con il prof. Pierluigi Cervellati, all'elaborazione di piani urbanistici ed interventi di progettazione urbana. Svolge attività di consulenza tecnica con la Galileo progetti s.r.l. nell'ambito della progettazione civile ed industriale, calcoli strutturali e direzione lavori architettonica e strutturale. Nel 2010, dopo un esperienza maturata dal 2008 in Autorità Portuale di Salerno a supporto del R.U.P. per Interventi di consolidamento del Molo Trapezio e della testata del Molo Manfredi – Porto Commerciale di Salerno, sceglie la Svizzera per implementare il suo know-how professionale. Si trasferisce nel Kanton Graubünden e si occupa del consolidamento e restauro di una prestigiosa struttura ricettiva del XIX secolo. Dal 2012 inizia una proficua collaborazione con l’Architekturbüro diretto dall’ arch. Renato Maurizio, in qualità di progettista civile. Di particolare interesse l'attività di recupero e la riconversione ad uso residenziale o ricettivo di antiche strutture agricole dell’Engadina.


Nel 2015 Fonda AiU_(architecture engineering urban planning): un team working sul dibattito culturale, di approfondimento per i professionisti delle discipline tecniche allo scopo di veicolare gli scambi delle esperienze di lavoro per un approccio condiviso al tema del progetto. Promuovere e divulgare la consapevolezza che il progetto è il risultato finale di un processo ideativo complesso che vede l’architettura e l’ingegneria quali attività inseparabili che tengono insieme la triade vitruviana dell’ "Utilitas", la "Firmitas" e la "Venustas".


Partecipa a concorsi internazionali di progettazione ed è impegnato nell'attività di studi e ricerche nelle discipline specialistiche dell’acustica ambientale e architettonica, dell’illuminotecnica, della verifica energetica di edifici ed impianti, dell’analisi strumentale delle patologie edilizie e della diagnosi dei dissesti.

Marco Ambrosanio
Marco Ambrosanio

Marco Ambrosanio nasce a Napoli nel 1973. Si laurea in Architettura con una tesi di ricerca sulla progettazione e costruzione degli edifici teatrali in area austro-tedesca dal 1876 al 1927. L'edificio teatrale è un luogo di sperimentazione dove far dialogare la fisica acustica e la tecnologia dei materiali nella costruzione dello spazio dell'architettura. Collabora presso la B.M. engineering s.r.l. alla progettazione della viabilità di accesso al nuovo polo fieristico di Rho-Pero (MI) e dal 2004, con il prof. Pierluigi Cervellati, all'elaborazione di piani urbanistici ed interventi di progettazione urbana. Svolge attività di consulenza tecnica con la Galileo progetti s.r.l. nell'ambito della progettazione civile ed industriale, calcoli strutturali e direzione lavori architettonica e strutturale. Nel 2010, dopo un esperienza maturata dal 2008 in Autorità Portuale di Salerno a supporto del R.U.P. per Interventi di consolidamento del Molo Trapezio e della testata del Molo Manfredi – Porto Commerciale di Salerno, sceglie la Svizzera per implementare il suo know-how professionale. Si trasferisce nel Kanton Graubünden e si occupa del consolidamento e restauro di una prestigiosa struttura ricettiva del XIX secolo. Dal 2012 inizia una proficua collaborazione con l’Architekturbüro diretto dall’ arch. Renato Maurizio, in qualità di progettista civile. Di particolare interesse l'attività di recupero e la riconversione ad uso residenziale o ricettivo di antiche strutture agricole dell’Engadina. Nel 2015 Fonda AiU_(architecture engineering urban planning): un team working sul dibattito culturale, di approfondimento per i professionisti delle discipline tecniche allo scopo di veicolare gli scambi delle esperienze di lavoro per un approccio condiviso al tema del progetto. Promuovere e divulgare la consapevolezza che il progetto è il risultato finale di un processo ideativo complesso che vede l’architettura e l’ingegneria quali attività inseparabili che tengono insieme la triade vitruviana dell’ "Utilitas", la "Firmitas" e la "Venustas". Partecipa a concorsi internazionali di progettazione ed è impegnato nell'attività di studi e ricerche nelle discipline specialistiche dell’acustica ambientale e architettonica, dell’illuminotecnica, della verifica energetica di edifici ed impianti, dell’analisi strumentale delle patologie edilizie e della diagnosi dei dissesti.

Activities