Casa DOVA, THIRD PRIZE BRONZE IDA 2012 - Los Angeles / California

emotion in the center

by Alessandro Marchelli
1

Il 10.04.2013 in seguito all’esito della giuria, Hossein Farmani, fondatore dell’ Internatonal Design Awards, comunica che Alessandro Marchelli vince THIRD PRIZE BRONZE all’ International Design Awards ‘12  con il progetto di Interior Design trasformando un ambiente austero in provocanti suggestioni sensoriali di “antica modernità”.

Work: “Casa DOVA” ... emotion in the centre Category: Interior Design Renovation - professional 

“Il progetto casa DOVA, spiega l’Interior Architect Alessandro Marchelli, è stata una fine trasformazione di un ambiente austero in un rincorrersi di provocanti suggestioni sensoriali di un’ antica modernità.

 Master of Light design by Alessandro Marchelli per CFO.Lighting

Il centro storico, una via pedonale, una palazzina del ‘700, pietre, corte interna, abitazioni di ringhiera ... il tutto si plasma, mantenendo inalterata la struttura architettonica, dando vita alla nuova veste, in una miscellanea di emozioni. Un corridoio austero si trasforma in un percorso “sensoriale”, costruito sulla base della provocazione latente delle suggestioni, che esiste in ognuno di noi.

 Mosaico Digitale della PEPE & Con design by Alessandro Marchelli

Smuovendo, in una cornice quasi asettica, ovattata, conturbante, dalle forme assolutamente volute non regolari, un turbinio di ricordi, pensieri, gesti, forse dimenticati ma sempre presenti. Giocando, prendendo quasi in giro l’individuo, con la luce che illumina, ma che non da punti di riferimento, usando materiali innovativi, tecnologicamente perfetti e perfettamente integrati.

Mosaico Digitale della PEPE & Con design by Alessandro Marchelli

Le scale in pietra che ritornano alla loro bellezza naturale. Pavimenti che si rianimano nei colori caldi del bronzo ossidato, le murature che riacquistano il loro splendore antico con peculiari effetti di lavorazioni ormai scomparse. Volte a crociera di un tempo che ritrovano la luce.

Finizione Ironic e colori serie Swahili della Novacolor

Nuovi soffitti che sembrano nascere dal nulla rimanendo sospesi nel vuoto, avvolti da quel minuscolo mistero di imbarazzo delle curve modellate e plasmate con fasci di luce quasi a sostenere le volute con scenari scenografici.

Manlike design by Alessandro Marchelli per Artesuperfici

Piccoli elementi ormai nascosti da troppi interventi senza logica, riemergono fieri. Apportando con i loro segni quell’architettura straordinaria che “Maestri” hanno tramandato e, che, oggi ritrovano, mettendoli in risalto, la loro giovinezza. Abbinando l’antico splendore con la conoscenza, la tecnica e l’utopia di emozionare quello, che una volta era magnifica manualità, in una sorprendente cornice di modernità “antica” e unica.”

"The project Casa DOVA, says interior architect Alessandro Marchelli, was a fine transformation of an austere environment in a succession of provocative sensorial suggestions of an 'ancient modernity. The historical center, a pedestrian street, a building of the '700, stones, courtyard homes railings... everything takes shape, while maintaining the architectural structure, creating a new look, in a mix of emotions. An austere corridor turns in a "sensory" path, built on the basis of provocation of latent impressions, which exists in each of us. Shaking up, in a frame almost muffled, disturbing, with absolutely no regular shapes, a whirlwind of memories, thoughts, gestures, perhaps forgotten but always present. Playing, almost trying to make a fool of the individual, with a light that enlightens, but doesn't give reference points, using innovative materials, technologically perfect and perfectly integrated. Stone stairs return to their natural beauty. Floors come to life in the warm colors of oxidized bronze, walls regain their ancient splendor with peculiar effects of processes long gone . Old Vaults regain their light. New ceilings seem to arise from thin air and there remain suspended, wrapped in that tiny mystery of embarrassment by curves molded and shaped with beams of light almost to support the volutes with spectacular scenery. Small items once hidden by too many illogical interventions, now proudly emerge. Bringing with their signs that extraordinary architecture which "Masters" have passed on, and that today find themselves, putting them into prominence, their youth. Matching its former glory with the knowledge, technology and utopia to excite one, which was once wonderful dexterity, in a surprising setting of "antique" modernity and unique."

 

Comments
    comment
    Author
    • Alessandro Marchelli

      Designer

      Nizza Monferrato / Italy

      "... Lasciarsi guidare in un sogno, dove l'emozione della sensorialità legge la luce come essenza. Stupirsi con un gesto, innamorarsi ogni istante, apprezzare quella miscellanea di suoni silenzi, luci ombre, pieni vuoti, colori non colori, trasparenze e opalescenze, non come un gioco ma come il proprio “lifestyle. Un nuovo punto di vista focalizzato al mondo dei sensi, libero da “paletti” tradizionali, calibrato alla semplificazione dei gesti, finalizzato all’esaltazione delle sensazioni ...")

    Casa DOVA 8

    Casa DOVA

    Nizza Monferrato / Italy / 2012