L'Europa non è un paese per designer

Gijs Bakker, una vecchia signora petulante e una tigre (asiatica) molto creativa

by Gaia Miacola
2

Secondo Gijs Bakker, designer, docente alla Delft University of Technology (dopo aver insegnato per 15 anni alla Design Academy di Eindhoven) e direttore creativo di Yii a Taiwan. non c'é niente di innovativo nel design europeo degli ultimi anni.

L'Europa sta diventando una vecchietta petulante e piena di acciacchi. La situazione appare diversa in Asia, dove i giovani designers possono dirsi affamati di nuove idee. in fervore e costantemente alla ricerca di un'identità personale.

Come insegnante. Gijs é fermamente convinto che una buona educazione personale non derivi dal numero di anni di studio frequentati. ma dall'avere avuto docenti con una vera vision.

Yii, il gruppo di designers di Taiwan di cui Gijs é "guru", promuove oggi collaborazioni tra designers e validi artigiani locali, associando tecniche del posto a forme contemporanee. Per quanto gli risulta, il futuro del design sta in Asia, non più in Europa.

La crisi europea sta inevitabilmente separando il grano dalla paglia secca. Ogni designer non dovrebbe seguire il dio denaro, ma più che altro la sua intuizione. Dovrebbe essere aperto e sensibile ai nuovi sviluppi.

Ogni professionista deve essere abbastanza "visionario" da reinventare se stesso. Non c'è un approccio più corretto e uno più sbagliato. Ce ne sono tanti. Sicuramente la rinnovata domanda di funzionalità può essere una guida. Insieme all'estetica. Entrambe sono state ampiamente criticate, ma non e più possibile evitare di dar loro una nuova e più concreta interpretazione.

(Pubblicato anche sul mio blog: http://www.gaiamiacola.it/blog/?p=1772)

Comments
    comment
    Author
    References