Design italiano: è venuto a mancare oggi il maestro Angelo Mangiarotti

Ultimo saluto per il noto architetto, scultore e designer di Milano

by Valentina Ieva
6

Oggi 2 luglio 2012 muore l'architetto Angelo Mangiarotti, uno tra i più grandi maestri italiani nel panorama dell'architettura e del design.

Il noto progettista, dal profilo quanto mai poliedrico, ci saluta con una frase che domina l'home page del suo sito web: "La felicità viene dalla correttezza".

Angelo Mangiarotti nasce a Milano il 26 Febbraio 1921. Nel 1948 si laurea in architettura al Politecnico della stessa città. Negli anni 1953-1954 svolge attività professionale negli Stati Uniti partecipando, tra l’altro, al concorso per il “LOOP” di Chicago. Durante questo periodo di permanenza all’estero conosce Frank Lloyd Wright, Walter Gropius, Mies van der Rohe e Konrad Wachsmann. Nel 1955 di ritorno dagli Stati Uniti, apre uno studio a Milano con Bruno Morassuti fino al 1960.   Nel 1989 dà vita al Mangiarotti & Associates Office con sede a Tokyo.   Dal 1986 al 1992 è art director della Colle Cristalleria.   Mangiarotti affianca all’attività professionale, le cui opere sono pubblicate su libri, riviste specializzate e quotidiani, una intensa attività didattica svolta nelle Università italiane ed estere. Nel 1953-1954 è visiting professor all’Institute of Design dell’Illinois Institute of Tecnology a Chicago; nel 1963-1964 tiene un corso all’Istituto Superiore di Disegno Industriale di Venezia; nel 1970 è visiting professor all’University of Hawaii; nel 1974 all’Ecole Politecnique Fédérale di Losanna, nel 1976 all’Univesity of Adelaide e al South Australian Institute of Technology di Adelaide; nel 1982 è professore a contratto presso la Facoltà di architettura di Palermo; nel 1983 è professore supplente presso la cattedra di Composizione alla Facoltà di Architettura di Firenze, nel 1989-90 è professore a contratto presso la Facoltà di Architettura di Milano; nel 1997 è professore a contratto presso il corso di laurea in Disegno Industriale della Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano. Tiene numerosi seminari e conferenze a livello internazionale.   L’attività progettuale di Mangiarotti, i cui fondamenti teorici sono stati espressi nel libro intitolato “In nome dell’architettura” e pubblicato nel 1987, tende ad evidenziare le caratteristiche intrinseche di ogni oggetto, in quanto solo una progettazione “oggettiva” è in grado di evitare prevaricazioni nei confronti della propria utenza per diventare invece riconoscibile collettivamente. Il linguaggio architettonico diventa l’espressione di un nuovo rapporto tra uomo e ambiente, mentre nell’attività di designer Mangiarotti riserva un ruolo molto importante alla ricerca plastica. Obiettivo della sua ricerca, condotta sempre nel rigoroso rispetto delle caratteristiche della materia, è la definizione della forma dell’oggetto come qualità della materia. 

L’attività progettuale è contrassegnata da numerosi riconoscimenti sia nel campo del design che in quello delle costruzioni:

- Premio Domus Formica (1956)

- Premio In/Arch per la Lombardia (1962)

- Primo Premio Nazionale del Golfo di La Spezia per l’Industrial Design (1963)

- Premio AIP-Associazione Italiana Prefabbricatori (1972)

- Prix Européen de la Construction Métallique (1979)

- Medaglia e diploma onorario alla III Biennale Mondiale di Architettura di Sofia (1986)

- Primo premio “Concorso Targa Alcan” (1989)

- Menzione speciale Premio Nazionale In/Arch (1989)

- Premio Design Plus per la collezione “Ergonomica” (1991)

- Marble Architectural Awards (1994)

- Compasso d’oro ADI alla carriera (1994)

- Laurea “Honoris Causa” in Ingegneria - Facoltà di Architettura. Technischen Universitat di Monaco (1998)

- Medaglia d’oro categoria architettura - Accademia della Torre di Carrara (1998)

- Laurea “Honoris Causa” in Disegno Industriale - Facoltà di Architettura. Politecnico di Milano (2002)

- Medaglia d'oro di “Apostolo del Design” da Rima Editrice (2006)

- Marble Architectural Awards 2007, menzione speciale

 

 

 

Comments
comment
Author
  • Valentina Ieva

    Architect

    Bari / Italy

    Laureata in Ingegneria edile-architettura, giornalista per professione, web writer per diletto. Amante di architettura, design, fotografia e libri di carta. Dipendente dai social, Instagram e InstaStories su tutti. Affamata di vita, viaggi e storie da scoprire. Qualunque forma d'arte mi affascina da sempre e non posso pensare una vita senza: emozioni forti, immaginazione, buona musica, cucina pugliese, sole e gatti. Per dirla con le parole di Battiato, non potrei vivere senza: ‘un soffio al cuore di natura elettrica’!)

References