Arte e arte applicata / Art and applied art

Nelle stanze dell'arte, un pavimento ad arte / At the art gallery: when the wood floor is an art work Verona / Italy

7
7 Love 2,308 Visits Published
Fondata nel 1968, la Galleria dello Scudo è uno degli spazi espositivi storici del panorama italiano, che ospita mostre d’arte moderna e contemporanea, con un particolare interesse per i maggiori artisti italiani della prima metà del Novecento. Titolare è Massimo Di Carlo, presidente dei Galleristi Italiani. L’allestimento nel 1981 dedicato a Carlo Carrà, ha segnato l’inizio, per la prima volta in Italia, della collaborazione con enti pubblici per l’organizzazione di importanti rassegne a carattere strettamente scientifico, che per il taglio inedito hanno suscitato viva attenzione di critica e di pubblico. Tra le mostre storiche più significative troviamo De Chirico, gli anni Venti ( 1986-1987) e Realismo Magico – Pittura e Scultura in Italia 1919 – 1925 ( 1988 – 1989 ) , entrambe trasferite poi a Milano nella sede di Palazzo Reale. Ci troviamo a Verona, in vicolo dello Scudo di Francia, una laterale della centralissima via Mazzini. Scordatevi i grandi spazi asettici delle gallerie contemporanee: qui siamo in un palazzo del Quattrocento, all’interno di una situazione abitativa che richiama alla mente le gallerie londinesi e che si sviluppa su una superficie di oltre 200 metri quadrati. L’esigenza di restyling nasce nel 2007, sia per ragioni strutturali che estetiche. Viene contattato quindi lo studio di architettura Baldessari e Baldessari di Rovereto che interviene su questi due aspetti. Innanzitutto viene ripensato e riorganizzato l’archivio interno, di fondamentale importanza, e la zona operativa; in seguito vengono abbattuti alcuni tramezzi per realizzare un secondo grande spazio dotato di una finestra e rispondere così all’esigenza degli allestimenti di arte contemporanea, caratterizzati spesso da sculture di dimensioni piuttosto consistenti. Il risultato è un percorso ad ampio respiro. Dal punto di vista estetico il cambiamento più importante riguarda senza dubbio il pavimento: il parquet a lisca di pesce risalente ai primi anni del Novecento è stato ricoperto e sostituito da un rovere Fiemme 3000 leggermente sbiancato, le cui assi lunghe danno un senso di continuità permeando tutti i passaggi architettonici tra una stanza e l’altra. Il legno fa da contraltare alla “fodera” delle pareti costituita da pannelli rasati a gesso, con il battiscopa sostituito da uno zoccolo grigio rientrante alto due centimetri che alleggerisce la percezione visiva degli spazi. Caratteristiche anche le porte bianche , che si fregiano di mostre eleganti in stile anglo-sassone e i passaggi ad arco tra una stanza e l’altra. Un ambiente caldo ed elegante, diventato un perfetto contenitore per opere di un certo rilievo, soprattutto sculture, com’è accaduto nell’esposizione che si è appena conclusa dedicata a Mattiacci. Founded in 1968, the Galleria dello Scudo is one of the historical exhibition on the Italian scene , which hosts exhibitions of modern and contemporary art , with a particular interest in the major Italian artists of the first half of the twentieth century . Holder is Massimo Di Carlo, president of Italian Gallery. The exhibition dedicated to Carlo Carrà in 1981 , marked the beginning, for the first time in Italy , of the collaboration with public bodies for organizing important exhibitions in strictly scientific areas, and for the unpublished cutting it has aroused great attention to critics and audiences. Among the most significant historical exhibitions are De Chirico, the Twenties (1986-1987) and Magical Realism - Painting and Sculpture in Italy 1919 - 1925 (1988 - 1989) , then both transferred to Milan at the Palazzo Reale. We are located in Verona , in the alley of the Scudo of Francia, a side of the central Via Mazzini. Forget the big aseptic spaces of contemporary galleries : here we are in a building of the fifteenth century , in a living situation that remind the London galleries and it is spread over an area of over 200 square meters. The need to redesign the space born in 2007 , both for structural and aesthetic reasons . It was then contacted the architectural firm Baldessari Baldessari from Rovereto, that intervenes on these two aspects . First of all it is rethought and reorganized the internal storage , of huge importance, and the area of operation; after that some partitions are cut down to make a second large room with a window and thus meet the need of the contemporary art installations , often characterized by sculptures of quite substantial size. The result is a wide-ranging path. From the aesthetic point of view the most important change is he floor : the old parquet of the twentieth century was capped and replaced by a slightly bleached Fiemme 3000 oak, on which the long boards give a sense of continuity permeating all the architectural passages between a room and the other. The wood is in contrast to the " lining " of the walls made of panels of shaved plaster, with the baseboards replaced by a two centimeters high gray plinth that lightens the visual perception of space. Features also the white doors , which bear exhibit elegant style Anglo- Saxon and arched passages between one room and another. A warm and elegant setting that becomes a perfect container for works of some importance , especially sculptures, as happened in the exposition that has just ended dedicated to Mattiacci.
7 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Fondata nel 1968, la Galleria dello Scudo è uno degli spazi espositivi storici del panorama italiano, che ospita mostre d’arte moderna e contemporanea, con un particolare interesse per i maggiori artisti italiani della prima metà del Novecento. Titolare è Massimo Di Carlo, presidente dei Galleristi Italiani. L’allestimento nel 1981 dedicato a Carlo Carrà, ha segnato l’inizio, per la prima volta in Italia, della collaborazione con enti pubblici per l’organizzazione di importanti rassegne a...

    Project details
    • Status Completed works
    • Type Art Galleries
    Archilovers On Instagram
    Lovers 7 users