Concorso d'idee per la riqualificazione dell'area posta in corrispondenza dell'ingresso del centro abitato di Monno

Monno / Italy / 2013

4
4 Love 1,414 Visits Published
ANALISI E CRITICITÀ DEI LUOGHI ESISTENTI L’ambito d’intervento è posto in una zona cruciale dell’abitato del Comune di Monno, costituisce la strada principale di collegamento con il fondovalle ma anche con il Passo del Mortirolo, oltre che il punto principale d’ingresso al centro storico. Allo stato attuale l’area è già destinata a parcheggio risulta accessibile solamente in corrispondenza dell’incrocio, ovvero nel punto di minor visibilità e soprattutto nel punto di maggior pericolosità del bivio stesso. Un forte elemento di disturbo è costituito dal muro di sostegno che si sviluppa sino ad un’altezza di m. 10.00 circa, è realizzato in cemento armato a vista de è senza dubbio un elemento che necessita di un’attenta proposta di riqualificazione architettonica. Certamente non è un aspetto qualificante neppure la situazione in cui si trovano le aree a verde e le aree pavimentate poste tra la strada e il muro stesso, va detto che questa necessita di una maggior cura e soprattutto di una riorganizzazione dello spazio d’attesa degli autobus che per altro risulta collocato all’interno della sede stradale creando interferenza con la circolazione. DESCRIZIONE DEL PROGETTO La viabilità è stata ridisegnata e definita riducendo la larghezza stradale in prossimità dell’intersezione tra via Roma e via Valtellina, individuando un incrocio stradale con tre stop, risolvendo così il problema della messa in sicurezza dell’area stessa, facendo particolare attenzione alle interferenze tra gli spazi a parcheggio e la circolazione su strada, oltre alle interferenze tra la viabilità e i percorsi pedonali. I percorsi pedonali sono stati progettati in modo da essere distinti dalla pubblica viabilità, integrati ove possibile con gli spazi a verde, e realizzati con pavimentazioni in porfido e granito in analogia con le pavimentazioni esistenti. Particolare attenzione è stata riposta nell’individuazione degli attraversamenti pedonali, al fine di renderli più funzionali. Gli spazi a verde sono concepiti come spazi di separazione tra le aree carrabili e i percorsi pedonali, oltre che tra la pubblica viabilità e gli spazi a parcheggio, prevedendo delle essenze arboree perenni e di facile gestione. Il verde in progetto non è più concepito come uno spazio privo di identità ma diventa un elemento fondamentale nell’identificazione del luogo, in armonia con gli spazi e le funzioni individuate nella soluzione proposta. Il verde diventa: un elemento di coronamento sul muro di sostegno, uno spazio di ritrovo e di separazione con la viabilità in prossimità dell’incrocio, un elemento di raccordo tra le diverse quote altimetriche, uno spazio ludico, un elemento di separazione e di mitigazione per le aree individuate alla raccolta differenziata, un elemento d’arredo urbano. Il muro di sostegno, potrà essere totalmente riqualificato attraverso la rimozione totale della cartellonistica esistente, l’estirpazione delle ramaglie e degli arbusti, la rimozione dei graffiti presenti sulla muratura mediante idro-sabbiatura. Una volta terminata la pulizia si potrà procedere con la posa di un insieme incrociato di travature in legno, la cui geometria trae ispirazione da due lavorazioni molto diffuse nel Comune di Monno, la prima è l’intelaiatura dei “GERLI” e dei “CAVAGN”, la seconda è la tecnica di chiusura del “COVONE o COF” della segale e del grano. All’interno degli spazi liberi che si verranno così a formare con la posa delle travature lignee, sarà possibile rappresentare attraverso dei murales, le arti, i mestieri e le lavorazioni che hanno sino a oggi caratterizzato il lavoro e la storia nel comune di Monno. Le insegne pubblicitarie sono state razionalizzate e concepite con una nuova veste, individuando un unico punto di collocazione e prevedendo un elemento bifacciale a struttura metallica, con possibilità di illuminazione interna notturna. L’illuminazione pubblica è stata appositamente studiata per valorizzare le aree a verde e i percorsi comunali posti nelle vicinanze, per mettere in risalto ogni aspetto e rendere fruibile in totale sicurezza ogni percorso anche nelle ore notturne. Particolare attenzione è stata riposta nel sistema d’illuminazione del muro di sostegno, al fine di valorizzare l’aspetto scenografico. L’illuminazione pubblica degli spazi di parcheggio è stata studiata per rendere fruibili le aree stesse proponendo sistemi con corpi illuminanti a torretta per le aree a parcheggio scoperte e attigue aree a verde, oltre a lampade a basso consumo fissate a soffitto per le aree coperte, ed a sistemi a incasso in prossimità del muro di contenimento a monte e dell’area di sosta per autobus. Il piano autorimessa individuato a livello -1 è stato concepito con un ingresso diretto da via Roma, in prossimità dei due box comunali esistenti ed è costituito da 26 nuove autorimesse. L’accesso carrabile all’autorimessa realizzato da via Roma, sarà affiancato da un passaggio pedonale al fine di soddisfare i requisiti minimi in materia antincendio, è stata altresì progettata una seconda uscita di sicurezza che si collega a mezzo di una scala, costituendo inoltre una seconda possibilità di accesso all’autorimessa. Le aree a parcheggio pubblico, individuate al livello 0 e al livello +1, risultano facilmente accessibili rispettivamente da via Roma e da via Valtellina, senza creare alcuna interferenza con l’area dell’incrocio stradale. E’stata inoltre individuata un’area di sosta per gli autobus del TPL, fino a una lunghezza di 12.00 m. servita di pensilina e di spazi di carico e scarico su marciapiede. La localizzazione dei raccoglitori per i rifiuti solidi urbani e per la raccolta differenziata è stata individuata a tergo di via Valtellina in posizione accessibile in qualsiasi momento agli automezzi dedicati alla raccolta, così da ovviare alle note difficoltà esistenti. Particolare attenzione è stata riposta anche nella mitigazione dei raccoglitori per la raccolta differenziata, sfruttando la possibilità d’interramento parziale degli stessi, la parte fuori terra sarà infine mitigata con un rivestimento in pietrame. Per quanto riguarda i raccoglitori per i rifiuti solidi urbani, non essendo possibile un loro interramento è stato previsto un mascheramento parziale a mezzo di essenze arboree. I raccordi altimetrici tra i vari livelli sono stati accuratamente studiati allo scopo di eliminare impattanti murature come quelle esistenti, in particolare attraverso il raccordo a verde tra l’area del parcheggio e la sede stradale di via Roma si è ottenuto un impatto visivo notevolmente migliore, dove i muri in pietrame sono ridotti alla minima altezza e la sistemazione a verde diventa l’elemento predominante quale elemento di arredo urbano. I muretti di contenimento rivestiti in pietrame, sono stati altresì mitigati da terrazzamenti con sistemazioni a verde con essenze rampicanti e cadenti.
4 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    ANALISI E CRITICITÀ DEI LUOGHI ESISTENTI L’ambito d’intervento è posto in una zona cruciale dell’abitato del Comune di Monno, costituisce la strada principale di collegamento con il fondovalle ma anche con il Passo del Mortirolo, oltre che il punto principale d’ingresso al centro storico. Allo stato attuale l’area è già destinata a parcheggio risulta accessibile solamente in corrispondenza dell’incrocio, ovvero nel punto di minor visibilità e soprattutto nel punto di maggior pericolosità del...

    Project details
    • Year 2013
    • Status Competition works
    • Type Parking facilities
    Archilovers On Instagram
    Lovers 4 users