PADIGLIONE ARCHEOLOGICO DI CA' CIMA

museo archeologico Adria / Italy / 2004

0
0 Love 1,483 Visits Published
L'area di progetto si trova a nord est di Adria ed é una delle zone interessate dai ritrovamenti di tombe romane e pre-romane. All'interno di questa situazione urbanistica la Sovrintendenza ha lanciato una sfida singolare: progettare una padiglione espositivo che contenga i reperti originali di due gruppi di tombe etrusche e romane, provenienti dagli scavi di Cà Cima. La singolarità di questo spazio museale , preciso e definito, sta nella sua fruibilità in due livelli: il primo in quanto "oggetto misterioso" che mostra dall' esterno per singole parti il suo contenuto, oggetti e geometrie della necropoli; il secondo più approfondito si compie entrando all'interno del padiglione in un determinato giorno della settimana. Il fascino delle tombe etrusche ad inumazione disposte apparentemente in modo casuale ma con orientamenti ben precisi, il ricordo delle ricchezze espressive degli oggetti a corredo dei defunti hanno fornito le prime suggetioni progettuali: il padiglione doveva risentire di una geometria già definita dagli etruschi e doveva infondere un senso di raccoglimento consono ad un pezzo di città dei morti riportato alla luce.
Il padiglione é dunque costruito con una regola geometrica derivata dalle tombe: il prolungamento dei lati genera dei fasci di rette che seguono punti cardinali ruotati. Questi linee delimitano fisicamente la pianta del padiglione e definiscono attraverso dei totem un recinto esterno visivamente permeabile; alcune si prolungano e formano i principali percorsi di attraversamento del parco pubblico. La disposizione planimetrica delle tombe come rinvenute ha plasmato l'allungamento del padiglione nella direzione est-ovest orientando due grandi aperture:ad est l'ingresso e ad ovest l'inquadramento prospettico del parco e del verde. Ortogonalmente sono disposte due aperture secondarie che ,segnando una sorta di transetto, inquadrano puntualmente una delle aree di ritrovamento e lasciano intravedere dall'esterno parti delle tombe esposte.
La geometria delle tombe ritorna anche nella distribuzione della luce naturale: lucernari diffusori sono disposti in copertura e disegnano con la luce ciò che é disposto a terra. La suggestione dell costruzioni arcaiche su palafitte ed il fenomeno del bradisismo ha suggerito una costruzione leggera: struttura portante in acciaio rivestita esternamente in lastre di acciaio courtain usate anche per la pavimentazione interna sospesa. Internamente il rivestimento é in pannelli di compensato marino, suggerito forse dalle pareti interne di rivestimento delle tombe. Il disegno di tutti i pannelli deriva dalla geometria delle stesse.
Nelle pareti e nel pavimento questo sistema di pannelli modulari (non regolari) permette l'inserimento di pannelli informatici ed informativi flessibili nonché una disponibilità delle intercapedini per l'adeguata impiantistica per il controllo termo
igrometrico dei reperti. Economia dei materiali e dello spazio sono sottolineati anche nei dettagli architettonici:serramenti secondari con vetro a filo struttura, portoncino d'ingresso apribile in lastre di acciaio e la parte fissa in lastre di cristallo stratificato e temperato. L'illuminazione notturna é data da lampade a scomparsa che illuminano le sole tombe ad inumazione. Nella piazza degli accessi sono presenti alcune tombe ad incinerizione sotto il livello di calpestio protette da prismi di cristallo illuminato che ne segna la presenza.
0 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    L'area di progetto si trova a nord est di Adria ed é una delle zone interessate dai ritrovamenti di tombe romane e pre-romane. All'interno di questa situazione urbanistica la Sovrintendenza ha lanciato una sfida singolare: progettare una padiglione espositivo che contenga i reperti originali di due gruppi di tombe etrusche e romane, provenienti dagli scavi di Cà Cima. La singolarità di questo spazio museale , preciso e definito, sta nella sua fruibilità in due livelli: il primo in quanto...

    Project details
    • Year 2004
    • Client comune di adria
    • Status Current works
    • Type Museums
    Archilovers On Instagram