CONCORSO DI IDEE PER LA PROGETTAZIONE DI UN’ AREA AGRITURISTICA-RICETTIVA CON ANNESSA ZONA SPORTIVA A PALMI (RC)

Palmi / Italy / 2013

4
4 Love 1,835 Visits Published
• 1.0_Premessa L’idea del progetto ruota principalmente sui punti di vista panoramici che dettano gli orientamenti, secondo i quali gli edifici si orientano, che diventa il cuore pulsante dell’intera proposta progettuale. L’intera area risulta attualmente in condizioni di disorganizzazione, per questo motivo la prima fase progettuale, successiva alla fase di conoscenza del contesto, è stata quella più importante. Infatti in questa fase si è trovato un nuovo assetto dell’intera area che ripristinasse un ordine compositivo dell’intero sito. Così facendo sono stati individuati i punti dell’area che permettono l’affaccio diretto sulla vallata, ad est e a nord del complesso, che dettano le direttrici principali di progetto. Individuate le direttrici, avendo le aree già suddivise ed individuate nel bando di concorso, il corpo del centro turistico-recettivo è stato il fulcro intorno al quale si sviluppano tutti i volumi proposti. • 2.0_Struttura alberghiera e parco Il ragionamento per l’individuazione del volume principale è partito dalle disposizioni del bando che afferma di dover realizzare un edificio con determinate funzioni su più livelli , massimo due. Formalmente si è partiti da due volumi sovrapposti di base 750mq cadauno. Successivamente i volumi sono stati separati in 4 elementi e ruotati perpendicolarmente alle direttrici dettate dai punti di vista panoramici. Ciò permette che ogni funzione dell’edificio abbia visuale privilegiata sulla vallata. Al centro della separazione fra i volumi è stato posto l’ingresso in modo che potesse collegare tutte le funzioni. Il fruitore, nel percorso per giungere all’ingresso, tramite le grandi vetrate, può visivamente comprendere in anticipo tutte le funzioni ed indirizzarsi verso quella richiesta. Come sistema di oscuramento delle vetrate, esposte ad ovest quindi non hanno un sole tagliente ma in fase calante, è stato scelto un sistema di “cavi verdi”. Tale sistema è composto da cavi in acciaio collegati da terra al solaio di copertura, che fungono da guida alla vegetazione rampicante. L’utilizzo della vegetazione rampicante come sistema di oscuramento ha notevoli vantaggi. Primo fra tutti è un sistema naturale basato sui principi della sostenibilità. Inoltre consente in estate, quando è in fiore, un’ottima rifrazione ai raggi solari, ed in inverno, quando invece la rampicante è sfoglia, consente ai raggi solari di entrare all’interno dell’edificio per riscaldare gli ambienti. I benefici di questo sistema sono notevoli anche dal punti di vista economico e non richiede nessun tipo di smaltimento. • 2.1_Strategia interna Al piano terra (quota0,00m), nel braccio ovest dell’edificio, è presente la reception con uffici di amministrazione annessi, l’area dei servizi igienici secondo norma vigente, l’area ristoro composta da un unico ambiente che può essere utilizzata anche come sala ricevimenti interna con annessa area preparazione cibi con spogliatoi e servizi per il personale. Nel lato est dell’edificio, sempre al piano terra si sviluppano le funzioni di bar, con annessa sala preparazioni, servizi igienici e spogliatoio per il personale, un’area relax per l’ascolto di musica dal vivo, e la sala conferenze. Al piano primo (quota +3,60m) si dislocano le funzioni alberghiere con camere disposte lungo i fronti est e sud per permettere un ottimo microclima interno al fine di limitare al minimo il consumo di energia elettrica. Le camere sono di due tipi, camera singola/doppia da 16mq con servizi interni e camera doppia/tripla da 20mq con servizi interni. Inoltre sono presenti anche aree per servizi di piano e lavanderia. • 2.2_Strategie esterne Una volta individuato il primo tassello le stesse direttrici che ne hanno definito l’architettonico hanno poi dettato la disposizione dell’intera area. Intorno al corpo del albergo si sviluppa l’intero parco. All’interno del parco si sviluppano una serie di funzioni divise per aree: l’orto L’introduzione del lotto all’interno stesso della struttura è il primo passo per soddisfare i criteri della sostenibilità che sono alla base dell’architettura contemporanea. Così facendo infatti si limitano i consumi per il trasporto dei prodotti, che invece vengono coltivati stesso all’interno del parco; La fitodepurazione La fitodepurazione è un sistema di depurazione naturale delle acque reflue domestiche, agricole e talvolta industriali, che riproduce il principio di autodepurazione tipico degli ambienti acquatici e delle zone umide. Gli impianti di fitodepurazione, a livello internazionale, vengono chiamati “costructed wetlands” e possono essere utilizzati o come trattamento secondario o come trattamenti terziari. • 2.3_Strategia costruttiva Tecnologia X-LAM. Si tratta di un sistema costruttivo basato su elementi piani costituiti da pannelli in legno massiccio incrociati, resi solidali da apposite tesine, con i quali vengono composti solai e pareti. La fase di assemblaggio è molto veloce e riduce del 50% i tempi di realizzazione rispetto al c.a. Gli elementi, quali pareti e solai, vendono realizzati e tagliati direttamente in fabbrica in modo che, giunti in cantiere vengono assemblati tramite l’utilizzo di connessioni con connettori metallici e chiodatura. L’utilizzo del legno come materiale di base rende l’intera struttura al riparo da ponti termici e dispersioni di calore riducendo al minimo i consumi del fabbricato. L’intera struttura può essere smaltita senza generare scarti nocivi o particolari opere di rimozione. Queste costruzioni si distinguono per l'ottimo comportamento termoigrometrico, il buon isolamento acustico, la velocità di costruzione, la resistenza a forti sismi e la protezione dal fuoco; sono bioecologiche e, con la corretta progettazione dei particolari costruttivi unita alla corretta realizzazione degli stessi in cantiere, hanno una durata che va ben oltre le aspettative di vita di un edificio. • 2.4_Strategie per l’efficienza energetica e uso razionale delle risorse -controllo climatico passivo 1. Ombreggiamento attraverso verde naturale rampicante in facciata 2. Ventilaziona naturale attraverso la copertura 3. Orientamento varchi e prese geotermiche opportune per sfruttare i venti dominanti 4. Ombreggiamento estivo naturale -massimizzare l’uso dell’energia solare 1. Celle fotovoltaiche integrate nei lucernai e superfici trasparenti in facciata 2. Impiego di pannelli solari termici a svuotamento per produzione centralizzata acqua calda sanitaria -recupero acque meteoriche E' urgente un impegno di tutti che permetta di ridurre i consumi d'acqua e valorizzare le fonti alternative, prima fra tutte il risparmio dell' acqua piovana. Il recupero e l'accumulo delle acque piovane, e il riutilizzo delle acque usate. -ottimizzazione della luce naturale 1. Utilizzo di piante a foglia caduca 2. Illuminazione interna con tunnel solare 3. Utilizzo di un sistema di illuminazione dimmerabile a controllo automatico -dotazioni impiantistiche 1. Impiego di pannelli radianti a pavimento 2. Impiego di pompe di calore ad alta efficienza con recupero termodinamico sul condensatore/evaporatore 3. Ventilazione meccanica controllata ad alta efficienza (>70%) • 3.0_Centro sportivo Il progetto nasce dalla volontà di non voler turbare il paesaggio con un intervento invasivo. Per questo motivo la creazione di una piazza coperta, genera la possibilità di essere vissuta sia sopra che sotto, in caso di intemperie o temperature elevate. Al di sotto della piazza si sviluppano nuovi luoghi per l’aggregazione a favorire la socializzazione. Al di sopra, il tetto giardino ha la funzione di uniformare il progetto con il contesto generale dell’intera area, caratterizzato da una grande quantità di vegetazione. La volontà del progettista è quella di ottenere un’architettura viva e dinamica che vada ad inserirsi nel ”organismo” del paesaggio. • 3.1_Funzioni All’interno dell’area destinata al centro sportivo si dislocano, a quota -5.60m, diverse funzioni. Il corpo centrale contiene le funzioni a servizio dell’intera area come l’ufficio gestione, l’infermeria e gli spogliatoi. La posizione di tale corpo è centrale in modo da poter servire, in maniera ottimale, i diversi campi da gioco. Il tetto giardino, a copertura parziale dell’area, lascia liberi i campi da gioco in modo che gli osservatori possono sostare tranquillamente in copertura e avere un punto di vista privilegiato. Tale struttura si sorregge tramite una maglia regolare composta da una struttura in X-lam già esposta in precedenza. L’area a quota -5.60m è collegata al tetto giardino tramite una scala ed una rampa che ha una pendenza dell’8% e consente l’abbattimento delle barriere architettoniche. • 4.0_Centro benessere Il centro benessere è costituito da un volume puro basato sulla regola del rettangolo aureo che ne definisce la perfezione geometrica. Tale volume si innesta nel complesso di forme geometriche dettato dalle dimensioni standard dei campi da gioco, amalgamandosi all’intero sistema tanto da confondersi in pianta. Grazie alla posizione individuata, il centro benessere può essere raggiunto sia da visitatori che vogliono usufruire soltanto della struttura, grazie all’area parcheggio posta prospiciente all’ingresso del centro benessere, e sia dai fruitori della struttura alberghiera tramite uno dei collegamenti privilegiati che costeggia anche la rampa di accesso all’area sottostante. In tal modo tutte le funzioni sono strettamente collegate anche al parco circostante. Il centro, essendo realizzato sulla copertura dell’area sportiva, è circondato dal tetto giardino che presenta un’area attrezzata per la sosta e per la visione delle attività sportive. • 4.1_Strategia di oscuramento Come sistema di oscuramento è stato scelto di utilizzare il verde verticale per migliorare il già basso impatto ambientale. A differenza della struttura alberghiera, come struttura di contenimento delle facciate verdi è stata utilizzata una struttura in legno a trama orizzontale per enfatizzare la purezza della geometria. • 4.1_Strategia interna Il centro benessere, quota +0,10m, è composto da due macro aree che si collocano intorno alla reception. Alle spalle della stessa, invece è disposto l’ufficio direzione. L’ambiente disposto a sud è l’area relax composta da spogliatoi, un percorso che costeggia le facciate “verdi”, la sauna, il percorso kneip, la minipiscina idromassaggio con relativa area prendisole. L’ambinte disposto a nord, invece, riguarda l’area delle cure estetiche e fisiche, che racchiude un ambiente per i massaggi, e le vasche per la fangoterapia. • 5.0_Struttura residenziale L’area residenziale, posta ad est del lotto oggetto di concorso, è stata progettata come fosse un’oasi immersa nel verde. Il concetto che si è voluto esprimere è quello del “cohausing” applicato, per la prima volta, ad un sistema residenziale composto da 8 villette a schiera. Tale scelta contiene intrinseca la volontà di voler imporre un nuovo modo di coabitare, è un intervento che vuole sviluppare un maggiore senso civico nei fruitori. Il ragionamento per l’individuazione della disposizione dei volumi è partito dalle disposizioni del bando che imponeva l’affaccio sulla vallata. Il progetto dell’area residenziale, in linea con l’intero progetto,si sviluppa secondo geometrie che, contemporaneamente si distaccano ma si intersecano aspirando alla metafora della civiltà contemporanea. I volumi sono nati da tagli nell’elemento classico di villette a schiera e rotazioni in base al tema di affaccio sulla vallata, ma restano collegate in determinati punti chiave che sono i poli di rotazione. Tale disposizione consente una visuale sulla vallata a 180°, consentendo ad ogni modulo abitativo di avere una visuale differente dagli altri.Il singolo elemento abitativo è formato da due volumi sovrapposti, con quello più alto che fuoriesce dalla facciata in direzione della valle, come se avesse una volontà propria. L’area residenziale comprende l’area parcheggio che si sviluppa secondo le linee dettate dalla disposizione dei volumi, l’area prettamente residenziale che è composta dagli 8 fabbricati, l’area parco con piscina comune, e l’area gioco per i bambini. A copertura dell’area parcheggio sono state pensate delle pensiline fotovoltaiche che, oltre alla funzione di riparare le auto dalle intemperie, producono energia da fonti rinnovabili. • 5.1_Funzioni La singola unità immobiliare, da 100mq, è suddivisa su due livelli, al piano terra è stata disposta la zona giorno, mentre al piano superiore la zona notte creando un netto distacco tra le funzioni collegate da una scala interna. La zona giorno comprende l’ingresso, il soggiorno, la cucina abitabile e un bagno di servizio. La zona notte comprende la camera matrimoniale, una camera da letto doppia, un ripostiglio ed il bagno padronale. Il tutto è stato dimensionato secondo le direttive europee in materia di vivibilità degli ambienti. • 5.2_Strategie per l’efficienza energetica e uso razionale delle risorse -controllo climatico passivo 1. Ventilaziona naturale attraverso la copertura 2. Orientamento varchi e prese geotermiche opportune per sfruttare i venti dominanti 3. Ombreggiamento estivo naturale -massimizzare l’uso dell’energia solare 1. Celle fotovoltaiche integrate nei lucernai e superfici trasparenti in facciata 2. Impiego di pannelli solari termici a svuotamento per produzione centralizzata acqua calda sanitaria -ottimizzazione della luce naturale 1. Utilizzo di piante a foglia caduca 2. Illuminazione interna con tunnel solare -dotazioni impiantistiche 1. Impiego di pannelli radianti a pavimento 2. Ventilazione meccanica controllata ad alta efficienza (>70%)
4 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    • 1.0_Premessa L’idea del progetto ruota principalmente sui punti di vista panoramici che dettano gli orientamenti, secondo i quali gli edifici si orientano, che diventa il cuore pulsante dell’intera proposta progettuale. L’intera area risulta attualmente in condizioni di disorganizzazione, per questo motivo la prima fase progettuale, successiva alla fase di conoscenza del contesto, è stata quella più importante. Infatti in questa fase si è trovato un nuovo assetto dell’intera area che...

    Project details
    • Year 2013
    • Main structure Wood
    • Client Melfer srl
    • Status Competition works
    • Type Parks, Public Gardens / Public Squares / multi-purpose civic centres / Single-family residence / Sport halls / Sports Facilities / Hotel/Resorts / Wellness Facilities/Spas / Tourist Facilities / Graphic Design / Modular/Prefabricated housing / Leisure Centres / Urban Renewal
    Archilovers On Instagram
    Lovers 4 users