Riqualificazione ex-salumificio Maletti

Secondo classificato Casinalbo / Italy / 2013

4
4 Love 1,365 Visits Published
La lettura dei caratteri intrinseci del paesaggio - sia del territorio antropizzato che del tessuto agricolo e naturale - ha permesso di definire un approccio unitario per la proposta progettuale basato sulla volontà di coinvolgere nelle dinamiche di riqualificazione territoriale e urbanistica un’area più vasta di quella determinata dai confini d’intervento. Questo metodo favorisce e innesca uno sviluppo aperto della pianificazione e introduce un insieme di opportunità per riqualificare e ricostruire un eco-sistema territoriale di convivenza tra l’uomo e la natura. L’idea su cui si sviluppa il progetto di riqualificazione dell’area oggetto del Concorso parte dai concetti di frammentazione (territoriale) e di riconnessione (fisica e naturalistica). La lettura del territorio alla scala vasta ci ha permesso di individuare gli elementi resilienti capaci di innescare processi di recupero territoriale e di ricostruzione degli eco-mosaici utili a ridurre l’isolamento forzato cui sono costrette le aree naturali relitte. Questa analisi di Metastabilità del sistema territoriale ha orientato le scelte progettuali verso un intervento di riconnessione ai diversi livelli. La metastabilità rappresenta la capacità di un sistema di reagire a eventuali disturbi mantenendo sistemi resistenti o recuperando sistemi resilienti. Raggiungere una soglia di metastabilità significa cambiare la configurazione paesaggistica in atto. Se tale metamorfosi non è compatibile con un paesaggio di scala maggiore, o non è in grado di incorporare il regime locale di disturbi, ciò può indicare che tutto il sistema è in degrado e vi è la necessità di un’azione di risanamento. Ci si è posti l’obiettivo di realizzare un progetto organico in grado di raccordare i diversi ambiti urbani di interesse: l’ex Salumificio Maletti e la Stazione ferroviaria, la via principale di Casinalbo (via Giardini), la Chiesa e il Cimitero. Con un insieme di elementi fluidi e connessi tra loro si vuole favorire l’integrazione, la partecipazione e l’inclusione sociale a partire dalla riconnessione fisica e funzionale degli spazi e la qualità ambientale e funzionale dei servizi e dell’architettura proposti. L’obiettivo è di rendere permeabile il tessuto storico, con l’apertura di passaggi tra le corti e i vicoli interni per permettere ai cittadini di fruire dell’area di progetto attraverso la ferrovia così da sviluppare una vera centralità per il paese. A fronte della trasformazione semipubblica degli spazi di attraversamento tra le case si potranno realizzare, da parte del Comune, opere a supporto e valorizzazione delle attività commerciali e residenziali esistenti. Per conseguire questo ambizioso obiettivo è altrettanto importante la definizione di una nuova logica trasportistico-territoriale. La soluzione innovativa che porterebbe a ridurre l’impatto della ferrovia lungo il paese potrebbe essere l’introduzione di un sistema di Tram-Treno.
4 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    La lettura dei caratteri intrinseci del paesaggio - sia del territorio antropizzato che del tessuto agricolo e naturale - ha permesso di definire un approccio unitario per la proposta progettuale basato sulla volontà di coinvolgere nelle dinamiche di riqualificazione territoriale e urbanistica un’area più vasta di quella determinata dai confini d’intervento. Questo metodo favorisce e innesca uno sviluppo aperto della pianificazione e introduce un insieme di opportunità per riqualificare e...

    Project details
    • Year 2013
    • Client Socedil S.p.a.
    • Status Competition works
    • Type Neighbourhoods/settlements/residential parcelling / Restoration of old town centres / Adaptive reuse of industrial sites / Landscape/territorial planning
    Archilovers On Instagram
    Lovers 4 users