Restauro Chiesa Di Gesù Redentore, Torino

Turin / Italy / 2003

0
0 Love 2,572 Visits Published
Riconosciuto tra i migliori esempi di architettura sacra del XX secolo, il complesso parrocchiale di Gesù Redentore venne costruito tra il 1953 e il 1957, salvo ulteriori opere di completamento che protrassero il cantiere fino al 1967.

Ne fu autore Nicola Mosso, architetto inizialmente futurista, poi entusiasta esponente della corrente organica , che lavorò col figlio Leonardo e con l’ing. Livio Norzi per le parti di cemento armato.

Il composito organismo della chiesa, notevole soprattutto per l’imponente volta sfaccettata in cemento armato, si fonda su un tracciato formato da un’ostinata ripetizione di triangoli equilateri di lato 3,46 ed altezza 3,00 metri. I muri perimetrali assecondano l’andamento scattante dei triangoli di base, dando origine ad un sistema di movimenti a zig-zag, interessante anche dal punto di vista statico. La volta è impostata sulle murature come naturale prosecuzione verso l’alto, dove i gruppi di triangoli più esterni danno origine a camere di luce appuntite in forma di cristallo.

La lunghissima avventura di cantiere, le crescenti difficoltà economiche e le successive difficoltà manutentive, fecero sì che già nel 2001 si dovesse pensare ad un piano di restauro.

Tale piano si articola in diverse fasi: rifacimento delle coperture e pulizia delle facciate; recupero degli spazi sotto chiesa (vedi scheda “La Piazza Coperta”); spazi interni (ancora in fase di progettazione definitiva).

Il lavoro di manutenzione delle compagini esterne ha dovuto affrontare tutto il campionario dei fenomeni di degrado tipici di una muratura particolarmente esposta all’inquinamento atmosferico.

Nel caso delle murature, ci si è potuti limitare ad un’accurata pulitura del mattone, con sporadici episodi di trattamento cuci-scuci.

Le parti di cemento armato sono state trattate con le ormai consolidate tecniche di restauro.

Il manto di copertura, originariamente eseguito con guaine bitumate sperimentali rivestite da sottilissima pellicola di rame, ha dovuto invece essere integralmente sostituito. Si è adottato un aggiornato sistema di lastre di lunghezza illimitata, con particolare aggraffatura che esclude quasi completamente l’uso di chiodi.

Il lavoro è stato occasione anche per alcuni piccoli episodi di completamento decorativo, che qui vengono presentati.
0 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Riconosciuto tra i migliori esempi di architettura sacra del XX secolo, il complesso parrocchiale di Gesù Redentore venne costruito tra il 1953 e il 1957, salvo ulteriori opere di completamento che protrassero il cantiere fino al 1967.Ne fu autore Nicola Mosso, architetto inizialmente futurista, poi entusiasta esponente della corrente organica , che lavorò col figlio Leonardo e con l’ing. Livio Norzi per le parti di cemento armato.Il composito organismo della chiesa, notevole soprattutto per...

    Project details
    • Year 2003
    • Work started in 2002
    • Work finished in 2003
    • Client parrocchia Gesù Redentore, Torino
    • Status Completed works
    • Type Churches
    Archilovers On Instagram