MOBILITA': PUNTO DI PARTENZA PER UNA NUOVA CONNESSIONE URBANA

Syracuse / Italy / 2013

0
0 Love 801 Visits Published
I comparti a nostra disposizione sono il punto di partenza che ha scaturito i nostri ragionamenti,dopo aver deciso le vare destinazioni d'uso abbiamo pensato a un modo per relazionarli tra di loro.Il nostro obbiettivo era quello di migliorare i trasporti,diminuire il traffico veicolare e ridurre l'inquinamento atmosferico nel territorio siracusano.Ma allo stesso tempo volevamo tutelare la flora,la fauna e il paesaggio.In questo angolo di Sicilia il paesaggio unico è tenacemente custodito da una comunità orgogliosa e sapiente,e i valori ambientali e il patrimonio culturale si fondono in un disegno unitario in cui si coniugano conservazione,protezione e valorizzazione.Cossi abbiamo pensato a una soluzione che sia un compromesso a quanto precedentemente detto.Una linea di trasporti,che prevede un servizio di tram che attraversa Siracusa da nord a sud,che parte dallo stesso punto, e si dirama in due direzioni diverse,il primo serve i comparti che costeggiano il litorale,dove il P.R.G prevede attrezzature d'interesse comune,attrezzature per verde,gioco e sport e parcheggi.Di conseguenza abbiamo destinato nella zona della scala greca,un parcheggio auto,un'asilo ,una scula materna,una scuola elementare e le poste.Nella zona del Teatro Greco una scuola media,un campo di calcio,delle giostre e un comando dei carabinieri e altri due parcheggi auto nella zona di Scala Greca e Teatro Greco.Il secondo servizio di tram,permette di raggiungere i comparti che si inoltrano nel cuore della città,dove il P.R.G, prevede zone adibite ad attrezzature d'interesse comune,attrezzature per verde, gioco e sport e parcheggi. Cosi abbiamo deciso di destinare un parco nella zona di Santa Panagia, un parcheggio auto,uno skate park,un campo di basket,un campo di beach volley e parco divertimenti.Proseguendo per il quartiere Mazzarona tentando di riqualificare la zona,abbiamo previsto un parco,un asilo,le scuole materne,elementari e medie,un parcheggio auto,un campo da beach volley.Nella zona della borgata Santa Lucia una biblioteca. Il servizio del primo tram prevede il capolinea di partenza Città Giardino,includendo le seguenti fermate;Santa Panagia,Scala Greca,Teatro Greco, e capolinea di arrivo Ortigia.Il secondo tram prevede lo stesso capolinea di partenza;Citta Giardino,per proseguire Mura Dionigiane,Mazzarona,Borgata e stesso capolinea a Ortigia.Non abbiamo volutamente previsto il servizio tram nella zona del Plemmirio,dove la mobilità è assicurata attraverso l'uso di battelli,ma sempre applicando lo stesso principio combinatorio delle fermate in corrispondenza dei comparti.Il P.R.G della zona del Plemmirio,prevede attrezzature di interesse comune,attrezzature per verde,gioco e sport,parcheggi d'interscambio.Di conseguenza noi abbiamo pensato a delle soluzioni che comprendessero un parco un parcheggio auto a Punta Del Pero,nella zona di Via Isola un campo di brach volley,una piscina e un campo di tennis.Nella parte interna della costa bianca;un campo di basket,una stazione dei carabinieri e un parcheggio auto.A Fontane Bianche un parcheggio,un parco ed un'arena.L'idea dei battelli nasce da un doppio fine,non solo per salvaguardare,ma anche per poter ammirare una delle aree marine protette di maggior pregio naturalistico al mondo,anticipando persino il riconoscimento Unesco,che ha da poco dichiarato la città patrimonio dell'umanità.Inizialmente questo progetto sembrava più un utopia,considerando che percorrendo la costa dell'area marina protetta del Plemmirio da sud verso nord,possiamo notare una costa denominata bassa costituita da calcareniti.Ma approfondendo le nostre ricerche con carte batimetriche,forniteci dalla guardia costiera,e dalla sede centrale del Plemmirio,che hanno pienamente concordato la possibilità della realizzazione del progetto,l'idea utopica si allontanava sempre di più,per trasformarsi in un idea concreta. La rotta prevista dai battelli della linea ERMETE (nome che prende spunto dalla mitologia Greca) prevede il capolinea di partenza dal porto di Ortigia,proseguendo per, Elorina,Punta Catelluccio,Tonnara,Porto Ognina e capolinea di arrivo nel porticciolo di Fontane Bianche.Abbiamo cercato di sfruttare al massimo l'esistente per intervenire il meno possibile sulla costa,infatti abbiamo previsto quattro fermate nei porti preesistenti di Ortigia,Elorina,Ognina e Fontane Bianche,mentre per le due rimanenti fermate,Tonnara e Punta Castelluccio,la realizazzione in queste due fermate è assicurate mediante dei pontili amovibili nei mesi invernali,che si allontanino di circa dieci metri dalla costa,dove i fondali permettono la realizazzione.
0 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    I comparti a nostra disposizione sono il punto di partenza che ha scaturito i nostri ragionamenti,dopo aver deciso le vare destinazioni d'uso abbiamo pensato a un modo per relazionarli tra di loro.Il nostro obbiettivo era quello di migliorare i trasporti,diminuire il traffico veicolare e ridurre l'inquinamento atmosferico nel territorio siracusano.Ma allo stesso tempo volevamo tutelare la flora,la fauna e il paesaggio.In questo angolo di Sicilia il paesaggio unico è tenacemente custodito da una...

    Project details
    • Year 2013
    • Status Competition works
    • Type Parks, Public Gardens / Railway Stations / Port Areas / Parking facilities / Urban development plans / Landscape/territorial planning / Urban Renewal / Cycle Paths / Underground Stations
    Archilovers On Instagram