Concorso di idee per la realizzazione di plesso scolastico comprendente Scuola dell’infanzia Scuola

Turin / Italy / 2007

0
0 Love 1,597 Visits Published
Relazione descrittiva.
Il plesso scolastico proposto si articola come richiesto dal bando, per singoli lotti funzionali, rispettivamente denominati lotto A) blocco palestra/attività sportive ad utilizzo pubblico connesse alla struttura scolastica e con essa interagente, lotto B) blocco scuola primaria con annessa piccola biblioteca/polivalente ad utilizzo pubblico, lotto C) blocco scuola per l’infanzia. I blocchi sono disposti in modo longitudinale rispetto all’area individuata dal PRGC dell’Ente Banditore, con caratteristiche costruttive analoghe, concepite in semiprefabbricazione. Nel dettaglio i blocchi funzionali sono così organizzati:

Lotto A – blocco palestra
con campo da gioco regolamentare per attività sportive quali basket, volley, tennis, calcetto, ed attività motorie in generale correlate strettamente all’utilizzo scolastico e a rotazione all’utilizzo pubblico. L’ingresso avviene direttamente dalla zona parcheggio per il pubblico ed attraverso percorsi esterni coperti nelle fasce orarie di utilizzo scolastico; gli spogliatoi trovano sistemazione sotto la tribuna, con accessi separati come impone la norma. Vista la richiesta esplicita da parte dell’Ente banditore, tale blocco potrà essere costruito per primo in ordine di tempo ed in maniera indipendente dai restanti lotti grazie alla sua separazione fisica. Gli spazi esterni attigui sono sistemati a verde con attrezzature sportive sia di utilizzo pubblico che scolastico. quest’ultima è collocata nella zona di rispetto cimiteriale indicata dalle prescrizioni delle NUEA del PRGC.

Lotto B – blocco scuola primaria con biblioteca polivalente. La scuola primaria è disposta su due livelli, in due blocchi funzionali distinti. Questi sono accomunati da un ampio atrio distributivo ad illuminazione zenitale, servito da due blocchi scala, un vano ascensore per disabili ed un terzo blocco scala esterno per l’evacuazione in caso di incendio. Le aule didattiche e le aule speciali sono organizzate attorno a questo spazio con i relativi locali di servizio. Sono previsti spazi comuni polivalenti sia interni che esterni posizionati in modo equidistante fra le varie aule. Al piano terreno trovano posto gli spazi della mensa e della refezione, direttamente connessi agli spazi esterni attrezzati per il gioco a la ricreazione. Gli spazi della refezione potranno all’occasione essere utilizzati come sale destinate ad attività polivalenti. Accanto ai volumi della scuola primaria trova collocazione la piccola biblioteca ad utilizzo scolastico e pubblico, collegata da una galleria vetrata. Lo spazio esterno protetto di separazione tra i due corpi è destinato anch’esso alle attività esterne ricreative, direttamente connesse con le aule. Questi spazi ricreativi al piano superiore sono garantiti da ampie logge. La piccola biblioteca è conformata a manica semplice, illuminata in maniera naturale con luce zenitale ed all’occorrenza potrà essere utilizzata per attività varie quali piccoli convegni, mostre, piccoli eventi culturali ad utilizzo anche pubblico.

Lotto C – blocco scuola per l’infanzia.
E’ stato collocato nella zona diametralmente opposta al blocco della scuola primaria, conformato anch’esso a manica semplice, concepito con le aule organizzate attorno ad un ampio cavedio illuminato in modo zenitale. Le zone comuni, con superfici di ampio respiro, potranno essere utilizzate per attività ludiche fra le due sezioni. Al piano secondo è sistemato il blocco Amministrativo del plesso scolastico dotato di propri spazi di servizio. Gli spazi eterni sistemati a verde per il gioco sono direttamente connessi alle aule e sono fisicamente protetti per la sicurezza e la sorveglianza.

Tecniche costruttive e materiali previsti.
L’idea progettuale è basata sulla sequenza longitudinale scandita dai nastri continui delle coperture piane, articolate in modo da creare una sorta di “collegamento ideale” tra i diversi blocchi, strutturati e caratterizzati ciascuno dalle diverse funzioni sopra descritte. In questo modo, in previsione di una un cronoprogramma operativo per singoli lotti funzionali da realizzarsi in tempi differenti, il complesso generale, potrà essere connotato da un preciso disegno organico, con tecniche costruttive e materiali del tutto analoghi. Nello specifico si riporta una descrizione sintetica del plesso per “componenti costruttivi”.

Struttura:
Il sistema strutturale è concepito per “involucri scatolari” a base di setti prefabbricati portanti antisismici in calcestruzzo armato costituiti da casseri “a perdere” con elevata capacità isolante termoacustica. L’applicazione di questa tecnica costruttiva, con pannelli strutturali prefiniti ed isolati, aventi anche funzione di casseforme a perdere, permetterà di ottenere un notevole risparmio in termini economici ed efficienza energetica oltreché una notevole velocità relativa ai tempi di esecuzione delle Opere. Più nel dettaglio i setti sopra descritti saranno costituiti da due lastre in polistirene espanso, armate con reti metalliche elettrosaldate e collegate tra loro, all’interno del quale sarà eseguito un getto di cls in opera. Le tracce per l’impiantistica saranno ricavate sulla lastra superficiale di polistirene, risparmiando anche qui notevolmente sia i tempi che l’economia di realizzazione.
Tutte le strutture relative ai solai saranno realizzate con prefabbricati composti da pannelli isolati in polistirene espanso confinati da reti in acciaio elettrosaldate e collegate e con getto di completamento in cls armato secondo le direttive e le normative antisismiche.
Le parti di collegamento tra i vari blocchi funzionali, gli atri ed i cavedi ad illuminazione zenitale sono concepiti con sistemi strutturali in acciaio a giunzioni flangiate e vetro strutturale a camera doppia.

Materiali di rivestimento esterno:
i blocchi funzionali posti sotto le coperture “a nastro” saranno rivestiti interamente in listelli di legno vulcanizzato posati “a correre” secondo una disposizione verticale. Tutte le aperture saranno dotate di serramenti in legno e vetro camera antisfondamento ottemperando così alle norme in materia di efficienza energetica e sicurezza. I blocchi funzionali saranno quindi connotati da un colore bruno vibrante in contrasto con le coperture in cls faccia a vista che saranno trattate con smalti epossidici di colore chiaro.

Impianti ed efficienza energetica.
Si prevede l’utilizzo, di sistemi a pompa di calore bivalente, per la climatizzazione degli ambienti, in alternativa ai sistemi convenzionali composti da refrigeratore più caldaia. La stessa centrale, mediante una semplice valvola, sarà in grado di scambiare tra loro le funzioni dell’evaporatore e del condensatore, fornendo così calore in inverno e freddo in estate (tipo Invertibile).
L’applicazione della pompa di calore alla climatizzazione ambientale (riscaldamento+ raffrescamento) è la più conveniente poiché comporta un minor tempo di ammortamento del costo d’impianto rispetto ad un utilizzo per il solo riscaldamento. La pompa di calore sarà utilizzata anche per la produzione di calore per il riscaldamento dell’acqua sanitaria.
Ad integrazione potranno essere utilizzati sistemi basati sul solare termico.
0 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Relazione descrittiva. Il plesso scolastico proposto si articola come richiesto dal bando, per singoli lotti funzionali, rispettivamente denominati lotto A) blocco palestra/attività sportive ad utilizzo pubblico connesse alla struttura scolastica e con essa interagente, lotto B) blocco scuola primaria con annessa piccola biblioteca/polivalente ad utilizzo pubblico, lotto C) blocco scuola per l’infanzia. I blocchi sono disposti in modo longitudinale rispetto all’area individuata dal PRGC...

    Project details
    • Year 2007
    • Client comune di Genga
    • Status Competition works
    • Type Schools/Institutes
    Archilovers On Instagram