ARREDO DELLA CASA DEL MAGISTER CARPENTARIUS

MEDITERRANEO Belpasso / Italy / 2004

0
0 Love 1,129 Visits Published
L’ARREDAMENTO - E LA CULTURA MEDITERRANEA – NELL’OTTICA DELLA PROFESSIONE

La nozione di mediterraneità dice tutto e niente: il Partendone e i templi di Sicilia, le piramidi egiziane e l’artigianato del Nord Africa in vendita nei grossi ipermercati, i monumenti di Roma imperiale e quelli della Provenza gallica, lo stile mudejar e il Barocco di Sicilia e Spagna, le fabbriche Normanne, sveve e angioine dell’Italia meridionale e così via ……..
Per gli architetti ed artisti, non tutti per fortuna, all’idea di un arredo mediterraneo associano una sorta di vagheggiamento, su una scialuppa di salvataggio, per il mare nostrum.
Esiste un arredamento distintivo dei paesi mediterranei?
Per quelle che sono le mie conoscenze, magari per difetto di informazioni, al di là di una produzione folkloristica, non esistono costanti negli oggetti e nei sistemi di arredamento che possano legittimare un arredo definibile mediterraneo.
La mia formazione a riguardo è espressamente di tipo accademico e quindi rispecchia quello che veniva impartito nell’aula universitaria durante le lezioni del corso di arredamento e storia dell’arredamento.
Pertanto, in questa mia breve “speculatura” su che cosa possa intendersi per arredamento, mi viene di aiuto parlare attraverso le parole di un grande e famoso studioso quale è stato Mario Praz.
Egli sulla pratica che noi chiamiamo arredamento scriveva:
“non c’è che una parola per dirlo, e questa parola è nordica, come nordico è in origine il sentimento che esprime: Stimmung”
Iniziamo col dire cosa non è:
- non è l’amore per gli oggetti preziosi;
- non è il gusto della sontuosità degli arredi;
ma è “il senso di intimità della casa, della casa concepita come specchio dell’animo, che è scoperta moderna …….. È proprio in questi ambienti nordici, in apparenza tetri, che nasce la Stimmung, il senso dell’intimità”.
Raramente ho incontrato la Stimmung nei luoghi sicuramente definibili mediterranei.
Mi è capitato di vedere nelle case dei ricchi sacrificata l’intimità alla monumentalità, e ancor peggio al collezionismo, mentre in quelle dei poveri costrette a sacrificare l’intimità alla confusione: nelle prime, una folla di oggetti, un senso di museo fissista e di staticità fossilizzata; nelle seconde una folla di persone, un senso di indigenza al punto da rendere fuori luogo lo stesso parlare di arredamento.
Nella pratica professionale ho sempre ricercato la Stimmung come principio base attraverso la quale esprimere le idee ricercandole con la trasposizione volontaria, su di me di ciò che la committenza attraverso il dialogo mi comunica dei propri desideri e di cosa vogliono vedere nella loro casa, dove prevale il privato, l’intimo, il personale, in una parola la Stimmung, una condizione qualitativa prettamente domestica.
Si tratta per caso di isolamento “borghese”?
Esasperato senso della privacy?
Idolatria del confort?
Riflusso?
Forse, niente di tutto questo, ma segni della storia del quotidiano nel suo farsi e svolgersi.
La vita domestica nella casa ove l’anima di ognuno di noi desidera abitare in antitesi all’ambiente esterno, al mondo del lavoro e delle prestazioni a tutti i costi, dove la storia si muove per moti collettivi o di gruppo, in casa la storia non è più quella della nazione, della regione, della città, ma quella della famiglia, della coppia, del singolo individuo; una storia alla quale evidentemente siamo più sensibili delle altre e della quale pensiamo di essere gli artefici.
0 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    L’ARREDAMENTO - E LA CULTURA MEDITERRANEA – NELL’OTTICA DELLA PROFESSIONELa nozione di mediterraneità dice tutto e niente: il Partendone e i templi di Sicilia, le piramidi egiziane e l’artigianato del Nord Africa in vendita nei grossi ipermercati, i monumenti di Roma imperiale e quelli della Provenza gallica, lo stile mudejar e il Barocco di Sicilia e Spagna, le fabbriche Normanne, sveve e angioine dell’Italia meridionale e così via ……..Per gli architetti ed artisti, non tutti per fortuna,...

    Project details
    • Year 2004
    • Work started in 2004
    • Work finished in 2004
    • Client MAGISTER P.M.
    • Status Completed works
    • Type Interior Design / Custom Furniture
    Archilovers On Instagram