Centro Sportivo a Campione d'Italia

Campione d'Italia / Italy / 1996

0
0 Love 1,130 Visits Published
Gli antichi castelli di Campione mutarono, fino alla distruzione, la loro destinazione assumendo con forza ed indifferenza le più varie funzioni, e noi, ora, con il nostro progetto, ne riprendiamo il tipo, per ritrovarne la memoria, e insieme uno strumento concreto del fare architettura.
Questo nostro, di Scirée, è allora, un progetto della memoria, di architettura e archeologia della memoria, un progetto che parte da un riuso delle tracce delle civiltà precedenti, e queste tracce diventano, come metafora, ma anche come forma fisica, materiali del progetto.
Abbiamo analizzato la storia urbana dei luoghi per cercarle, queste tracce, perché non sono così evidenti, sepolte e nascoste sotto un'uniformità senza carattere, ma ci sono, e vanno scoperte, disvelate, per riannodare i fili della lettura chiara di una trama perduta.
Siamo convinti che occorra operare per segni, per caposaldi forti, ma discreti ed insieme carichi di significato.
E allora abbiamo pensato al castello, ad un'opera fatta di muri per reggere la terra, di muri in dialogo con la natura, muri per racchiudere degli spazi, qui non piazza d'armi, ma di gioco, e, tra i muri, una costruzione, un riparo per “abitare” e per “guardare fuori”: un edificio lineare, semplice e panoramico, forte, qui, della sua funzione ed essenzialità.
La nostra vuol essere una piccola acropoli (e però agli archetipi dell'antichità con modestia si inchina), consapevole ma insieme rispettosa della natura dei luoghi, architettura, non arredamento ambientale, opera d'arte umana, non fragile mimetismo.
Questo vuol essere un luogo costruito nella natura, di dialogo pacifico con la natura, indifferente alla funzione, ossia ottimo per ogni funzione, sito possibile per destinazioni diverse nel tempo, e insieme forte della sua identità e dell'autonomia della sua forma.
Ci siamo riferiti, nel disegno del luogo, al tipo del castello come fortificazione, come baluardo in cui i muri hanno funzione di contenimento della terra, per la costruzione di uno spiazzo pianeggiante, dove il terreno naturale è in pendenza.
Abbiamo poi ripreso la tipologia del palazzo fortificato, dove la funzione diventa più difensiva, con l'andar dei secoli, e per le mutate tecniche belliche, diventa più che altro, metaforica, e si arricchisce di attributi attinenti allo splendore e alla qualità della vita del signore.
E così i giardini, passeggi, cortili, prospettive panoramiche, conferiscono al luogo magnifica complessità e ricchezza. Anche noi abbiamo voluto aggiungere ricchezza e complessità di episodi e funzioni al progetto di un luogo per il quale la monofunzionalità sarebbe sterile e limitativa e, in fondo, sproporzionata all'entità dell'intervento.
Il nostro centro sportivo non vuole essere allora solo luogo frequentato da chi fruisce direttamente dei campi da gioco, ma anche giardino pubblico, luogo di svago, meta e percorso per passeggiate o per la sosta per ammirare, dalle terrazze panoramiche, in particolare da quella del posto di ristoro, le magnifiche viste del lago.
Non abbiamo dimenticato, infine, la memoria delle attività che i Campionesi più umili svolgevano per sopravvivere: i terrazzamenti del paesaggio agrario, ora cancellato dall'urbanizzazione del territorio, sono ricordati dalla disposizione dei muri che disegnano appunto, terrazze coltivate, e fra gli alberi che vi abbiamo posto, uno, il ciliegio selvatico, sta a rammentare, all'ingresso, l'origine del toponimo, il nome del luogo che “i terrazzani, in lingua vernacola” hanno chiamato Scirée .


0 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Gli antichi castelli di Campione mutarono, fino alla distruzione, la loro destinazione assumendo con forza ed indifferenza le più varie funzioni, e noi, ora, con il nostro progetto, ne riprendiamo il tipo, per ritrovarne la memoria, e insieme uno strumento concreto del fare architettura.Questo nostro, di Scirée, è allora, un progetto della memoria, di architettura e archeologia della memoria, un progetto che parte da un riuso delle tracce delle civiltà precedenti, e queste tracce diventano,...

    Project details
    • Year 1996
    • Work started in 1995
    • Work finished in 1996
    • Client Comune di Campione d'Italia
    • Status Completed works
    • Type Sports Facilities
    Archilovers On Instagram