Torre Agbar

Un grattacielo in acciaio e cristallo che si innalza sullo skyline della città per 142 metri Barcelona / Spain / 2004

43
43 Love 10,046 Visits Published
The Agbar tower is a 35-story and 142 m high “small skyscraper”, located in Plaza de las Glorias. It fits exactly in the acute angle formed by Diagonal Ave. and Badajoz St. The shape of the building emulates a fountain having a constant and perfectly stable pressure. This is a very suitable image for the headquarters of a water company, reinforced by the idea that the building does not lean on the ground floor of the plot but it emerges from a crater in whose bed there is a water sheet. Four basement floors fill the whole plot and include support functions and the parking. The auditorium, located in the first basement, appears in the surface as a hill in the undulating topography that makes up the open space planned around the tower. The structure of the building is supported by an interior core and an exterior perimeter, both load-bearing. This arrangement allows floors to be free of structural columns It is constructed by means of two oval concrete cylinders, which support a system of metallic beams. This system, in turn, supports a composite layer of metal and concrete deck. The eccentricity of the core arranges the typical floor plant. The free area gets compressed in the lifts hall and gradually expands to the rest of the floor, generating the work area of the offices. The exterior wall seems to be “pixelated” according to a mesh of almost square modules. The window openings are irregularly arranged on this net, creating a “calligraphy” determined by the isolated accumulation of structural tensions, the flexibility of the offices and the density of perforations in the wall proportional to the sun radiation for every direction. Following this network, the façade shows modules of aluminium corrugated plate lacquered in 25 colours. This coating protects a rockwool fixed to the exterior face of the wall and provides the shaft of the building with a backing, which gradually changes colour. It begins in the base with reddish shades, earthy like the ground they emerge from and ends in the upper floors with blue shades that blend with the sky in a dematerialisation exercise. The exterior cylinder is upright just to the 18th floor where its generators start to curve to the interior, gradually diminishing their section up to the 26th floor where the concrete stops and the siding is completed with a metal structure glass dome. This dome ends the building with its 142 m of height. The last 6 floors, built with concrete post-tensioned noggins of several thicknesses, are cantilevered from the central core, sharing the big space under the dome. These floors will be used for management purposes. All the building is wrapped in a second skin of laminated glass slats with different degrees of transparency, blur the coloured façade behind, and behave as a vibrant veil shrouding the tower. The slats are treated and tilt depending on their location and a thorough study of the sun rays incidence. [IT] Il progetto della Torre Agbar a Barcellona è frutto della collaborazione dei due architetti Jean Nouvel e Fermin Vazquez. Il progetto è promosso dal gruppo immobiliare Layetana. Si tratta di un grattacielo in acciaio e cristallo che si innalza sullo skyline della città per oltre 142 metri con 32 piani di altezza. L’edificio sorge nel punto in cui confluiscono le tre grandi strade di Barcellona: l’Avenida Diagonal, la Meridiana e la Gran Via, in linea d’aria non troppo distante dalla Sagrada Familia di Antoni Gaudi. Nel progetto convivono i due concetti opposti di leggerezza e solidità; la prima data dal generoso utilizzo del vetro, la seconda dal calcestruzzo, che costituisce il cuore dell’edificio. La struttura della torre è costituita da due cilindri di calcestruzzo non concentrici, a pianta ovale, che si innalzano sino al 26° piano. Il cilindro esterno è in calcestruzzo, mentre quello interno, in cristallo e alluminio, ospita le scale, i montacarichi, gli impianti e gli ascensori; lo spazio tra i due elementi cilindrici è aperto, libero da pilastri. Dopo il 26 piano di altezza sorge la cupola in vetro e acciaio, i cui sei piani sono fissati al cilindro centrale senza toccare la parete esterna. L’idea della facciata a doppia “pelle” nasce dalla volontà di seguire criteri bioclimatici. Il doppio strato di copertura consente, infatti, di creare uno scudo termico che isola sia dal caldo che dal freddo. Peculiarità del progetto sono senza dubbio le 4.400 finestre in cristallo trasparente che vestono l’edificio, distribuite in maniera asimmetrica. A disegnare le finestre sono dei fori che, posizionati lungo tutta la facciata apparentemente in maniera casuale, evocano l’immagine di un frattale. L’idea di una foratura “pixellata” viene da uno studio sull’esposizione solare; le lastre di vetro serigrafate sono infatti in grado di regolare l’incidenza dei raggi solari. “La parte di muro che sta sotto – spiega inoltre Vazquez – è dipinta con quaranta tonalità diverse scelte da un artista amico di Nouvel. Questo fa sì che il suo colore cambi con il passare delle ore del giorno”. Le tonalità vanno dalla terra al grigio, dall’azzurro chiaro al verde. “Non si tratta - spiega l’architetto francese - di un grattacielo nel senso americano del termine: è un singolare movimento ascensionale nella quiete della città. Non rappresenta uno slancio verticale nervoso come le guglie o i campanili che marcano il panorama orizzontale. Si tratta piuttosto di una grande massa fluida, un geyser a pressione permanente che ha forato il suolo”. “La superficie dell’edificio – continua Nouvel – evoca l’acqua: liscia e continua ma al tempo stesso così vibrante e trasparente che si percepiscono in profondità la sua lucentezza e le sue sfumature. È un’architettura che viene dalla terra ma che non ha il peso della pietra”.
43 users love this project
Comments
View previous comments
    comment
    Enlarge image

    The Agbar tower is a 35-story and 142 m high “small skyscraper”, located in Plaza de las Glorias. It fits exactly in the acute angle formed by Diagonal Ave. and Badajoz St. The shape of the building emulates a fountain having a constant and perfectly stable pressure. This is a very suitable image for the headquarters of a water company, reinforced by the idea that the building does not lean on the ground floor of the plot but it emerges from a crater in whose bed there is a water sheet. Four...

    Archilovers On Instagram
    Lovers 43 users