RIQUALIFICAZIONE A CENTRO CULTURALE E POLO DI AGGREGAZIONE SOCIO-EDUCATIVO DELLA STAZIONE FERROVIARIA “SAN MARCO” | Giuseppe Giunta

Paternò / Italy / 2018

0
0 Love 128 Visits Published

La “Stazione San Marco”, appartenente all’ex tratta ferroviaria Motta S. Anastasia-Regalbuto, rappresenta un’area strategica di relazione del sistema urbano con il paesaggio circostante. Qui, aree d’interesse archeologico, storico e naturale configurano un scenariounico,in cui é necessario definire strategie di riqualificazione e dinamizzazione del luogo, con l’obiettivo di recuperare un territorio formatosi nel tempo.


L’ambito di progetto, ricadente sulle pendici della collina di Paternó, elemento di relazione funzionale e visuale del centro urbano con la Valle del Simeto ed il paesaggio circostante, si estende su un’area di 7.733 m2, sul versante ovest della cittá.


Ad oggi, la distribuzione degli ecosistemi naturali appare molto limitata a causa delle attività antropiche che hanno profondamente influenzato ed alterato il paesaggio naturale, riducendo drasticamente le comunità vegetali forestali e favorendo al contempo lo sviluppo di colture produttive. Le formazioni boschive, che un tempo ricoprivano l’intero comprensorio in modo pressoché uniforme, hanno subito nel tempo un notevole depauperamento, fino ad arrivare in alcuni casi alla completa scomparsa. I boschi sono stati progressivamente sostituiti da uliveti ed agrumeti, che costituiscono oggi un mosaico in continuo dinamismo evolutivo.


Il progetto del parco, riconoscendo i valori e le fragilità legati alle due matrici paesaggistiche presenti, diviene così testimone della ricchezza culturale e della stratificazione storica del luogo;opportunità di ricerca verso l’attuale tendenza progettuale, da una parte più compatibile con i processi che si svolgono in natura (affrontando la progettazione del parco sulla base di presupposti essenzialmente biologici), dall’altra più attenta ai contenuti programmatici (arricchendo di contenuti didattici, pedagogici, culturali, di svago, etc.).


Con l’adeguata sensibilità ambientale e architettonica, nel rispetto delle peculiarità territoriali, il progetto paesaggistico si sviluppa quindi tenendo conto delle caratteristiche proprie del luogo:


La forte connotazione di affaccio del parco rispetto al territorio e alla Valle Simeto
La necessaria riqualificazione paesaggistica del luogo, in un processo di riscoperta dello stesso.
L’area di progetto si articola in tre zone:


-  Il piazzale d’accesso alla Stazione dalla via San Marco
-  L’area antistante i fabbricati della Stazione e dei Servizi-Accessorio (banchina accesso binari)
-  L’area del piano ferroviario con accesso dal passo carrabile sul lato est del piazzale esterno.


Importante nodo di scambi commerciali nel passato, l’ex Stazione si ripropone come nuovo centro propulsore di energie e sinergie della comunità simetina, polo di attrazione, punto d’incontro per promuovere non solo l’emozione estetica nella natura, ma anche l’incontro sociale, le attività culturali (didattiche, espositive, pedagogiche, etc.) come motore di sviluppo del territorio.


Idea progettuale


Rispettando le peculiarità del luogo, l’idea di progetto si propone di:


-  Conservare e, in alcuni casi, reinterpretare gli elementi caratterizzanti dell’ambito: i binari, il piazzale antistante la stazione, i muri esistenti in pietra lavica, la vegetazione che nel tempo ha colonizzato il luogo.
-  Potenziare la struttura spaziale e visuale dell’ambito, individuando le aree funzionali alle attività verso la valle e le aree di servizio nella zona nord.
-  Organizzare gli spazi esterni per assicurare la massima flessibilità d’uso, permettendo la fruizione di utenze diverse e di attività di carattere culturale, ludico, didattico, sportivo, in modo che la Stazione possa divenire un nuovo polo di attrazione per il comune di Paternò e per i centri limitrofi.
-  Utilizzare materiali ecologici, superfici drenanti, specie vegetali autoctone, con minime necessità idriche, innescando un processo di rinaturalizzazione e gestione sostenibile grazie a bassi costi di manutenzione.
-  Piantumare specie vegetali che, migliorando la qualità spaziale del parco (zone d’ombra, masse arboree che migliorino il confort ambientale riducendo l’impatto visuale negativo che si è riscontrato puntualmente sul luogo), riattivino le dinamiche ecologiche in uno spazio alterato dall’attività antropica.

0 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image
    Project Authors
    • Giuseppe Giunta

      Giuseppe Giunta

      Principal Architect

    La “Stazione San Marco”, appartenente all’ex tratta ferroviaria Motta S. Anastasia-Regalbuto, rappresenta un’area strategica di relazione del sistema urbano con il paesaggio circostante. Qui, aree d’interesse archeologico, storico e naturale configurano un scenariounico,in cui é necessario definire strategie di riqualificazione e dinamizzazione del luogo, con l’obiettivo di recuperare un territorio formatosi nel tempo. L’ambito di progetto, ricadente...

    Project details
    • Year 2018
    • Main structure Mixed structure
    • Client Comune di Paternò
    • Status Competition works
    • Type Parks, Public Gardens / Urban Furniture / multi-purpose civic centres / Railway Stations / Office Buildings / Schools/Institutes / Colleges & Universities / Research Centres/Labs / Multi-purpose Cultural Centres / Associations/Foundations / Pavilions / Tourist Facilities / Bars/Cafés / Interior Design / Lighting Design / Graphic Design / Advertising / Photography / Web Design / Student Halls of residence / Leisure Centres / Exhibitions /Installations / Urban Renewal / Recovery/Restoration of Historic Buildings / Restoration of façades / Furniture design
    Archilovers On Instagram