Villa unifamiliare | Giuseppe Albanese

Aversa / Italy / 2022

5
5 Love 995 Visits Published

La richiesta iniziale della committenza è stata quella di intervenire con un progetto di rigenerazione urbana attraverso la demolizione di un immobile preesistente e la costruzione di un nuovo edificio unifamiliare a due piani con giardino e piscina.


Il lotto che ricade in una zona urbanistica B di edilizia residenziale di completamento, grazie alla premialità volumetrica consentita dalla normativa regionale, ha visto crescere il potenziale edificatorio di ben il 35%.


Il contesto in cui ricade il lotto è quello tipico delle zone marginali delle città contemporanee, in cui si condensano in modo caotico le più disparate funzioni: infatti la villa è contornata da una serie di edifici come un albergo, una scuola e un supermercato.


Quindi il progetto è stato influenzato unicamente dalle prescrizioni urbanistiche che hanno definito in modo quasi obbligatorio l’area del lotto edificabile rispettando tutte le distanze dal confine stradale e dalle costruzioni adiacenti che con la loro mole asfissiano letteralmente l’area di sedime.


L’architettura, in definitiva, non ha potuto dialogare col contesto esterno a causa della sua eccessiva povertà semantica.


La composizione della villa si sviluppa con due parallelepipedi sovrapposti e ortogonali tra di loro. Lo sbalzo del volume superiore diviene la copertura dell’ingresso al piano terra.


Il trattamento delle superfici esterne enfatizza la differenza tra i volumi che sono quindi caratterizzati di volta in volta da linee orizzontali, verticali o campiture lisce.


L’idea alla base del progetto è stata quella di avere un unico spazio fluido al piano terra che grazie alle grandi aperture mette continuamente in rapporto l’interno e l’esterno. Inoltre, è stato scelto di avere un living al piano terra completamente aperto, senza filtri, dove le varie funzioni della convivialità, dello stare assieme, del pranzare e del cucinare sono tutte percepibili da ogni zona. Questa scelta nasce dall’esigenza dei genitori di avere sotto controllo i quattri figli piccoli che abitano la casa.


Una scala aperta caratterizzata da una balaustra in lamiera metallica verniciata conduce al piano superiore: il piano notte con quattro camere da letto.


 


Collaboratori Elita Genovese, Carmela Caputo, Stefania De Simone, Roberta Sansone, Maria Luisa Kitzman, Martina Cozzolino, Andrea Ruggiero

5 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    La richiesta iniziale della committenza è stata quella di intervenire con un progetto di rigenerazione urbana attraverso la demolizione di un immobile preesistente e la costruzione di un nuovo edificio unifamiliare a due piani con giardino e piscina. Il lotto che ricade in una zona urbanistica B di edilizia residenziale di completamento, grazie alla premialità volumetrica consentita dalla normativa regionale, ha visto crescere il potenziale edificatorio di ben il 35%. Il...

    Project details
    • Year 2022
    • Work started in 2020
    • Work finished in 2022
    • Main structure Reinforced concrete
    • Client dott.ssa Paola Cantone
    • Contractor IDEA srl
    • Cost 500000,00 €
    • Status Completed works
    • Type Single-family residence
    Archilovers On Instagram
    Lovers 5 users