A PO GEO

concorso a premi 'Punto Panoramico sul fiume Po' Rome / Italy / 2010

5
5 Love 1,396 Visits Published
L’intervento proposto, per la sua natura di punto panoramico, dialoga fortemente col paesaggio descritto e col fiume. Esso è anche in stretta relazione con il progetto del nuovo ponte di attraversamento stradale, pur mantenendo una propria individualità rispetto ad esso. Il criterio di base è stato quello di progettare un intervento che sia profondamente rispettoso della natura dei luoghi, ma che allo stesso tempo possa divenire un punto focalizzatore di un’attenzione, legata ad una funzione aggiunta a quella di attraversamento del fiume Po: una “bolla” simbolo di leggerezza che associa una funzione di statico godimento di un fiume e di una viabilità storica. La terrazza panoramica garantisce allo stesso tempo una agevole lettura del paesaggio. La forma esterna della struttura è quella di una bolla sferica semitrasparente, aperta verso la direzione nord-ovest. La copertura è costituita da una struttura di forma geodesica con geometria poliedrica a facce esa-pantagonali. La griglia strutturale in acciaio, di sostegno del rivestimento di copertura, lascia in evidenza tale geometria. La copertura è costituita da Etil Tetra Fluoro Etilene (EFTE), un materiale plastico innovativo scelto per contraddistinguere fortemente la presente proposta progettuale. L’EFTE è un polimero parzialmente florurato che forma un materiale plastico trasparente, più leggero e più resistente del vetro, più isolante e di più semplice ed economica installazione . La copertura in EFTE consente un maggiore passaggio di luce e calore del vetro tradizionale, consentendo una riduzione di circa il 30% dei costi energetici legati all'illuminazione ed al riscaldamento. L’involucro interamente trasparente a “bolla” implica una particolare attenzione sia alla riduzione della trasmittanza termica, al fine di ridurre i carichi termici invernali, sia al controllo della radiazione solare, per annullare i rischi di surriscaldamento. Si ipotizza, pertanto, un sistema di copertura basato sull’impiego di Etilene TetrafluoroEtilene (EFTE). Gli strati di EFTE vengono fissati intorno al loro perimetro alla struttura esa-pentagonale e gonfiati con aria a bassa pressione a formare dei cuscini. Tale tecnologia consente un buon isolamento e di resistere all'usura provocata dal vento. Confrontandolo al vetro, l'ETFE pesa circa l'1%, trasmette più luce ed è anche resiliente, auto-pulente (per l'inattaccabilità dalla maggior parte degli agenti chimici) e riciclabile. Si prevede di integrare l’impianto di ventilazione meccanica con un sistema di Ventilazione Naturale Controllata (VNC), che contribuirà a ridurre ulteriormente il fabbisogno termico connesso alla ventilazione oltre a rendere più gradevole le condizioni termo igrometriche interne. La VNC è una tecnica volta a soddisfare, in modo passivo, il requisito di ricambio d’aria negli ambienti, nei periodi dell’anno, e del giorno, termicamente “neutri”, vale a dire, quando l’aria esterna può essere utilizzata senza bisogno di riscaldarla o raffreddarla. Il sistema VNC si realizza con flussi d’aria indotti dalle differenze di pressione generate dal vento e vento, o dal gradiente termico esterno-interno, attraverso serramenti ad apertura vento, o dal gradiente termico esterno-interno, attraverso serramenti ad apertura motorizzata, comandata da sensori di temperatura. Le aperture esterne sono poste ad altezza diversa per consentire l’innesco del flusso d’aria per effetto camino (o caduta, in funzione del segno della differenza di temperatura tra interno e esterno). Una retroilluminazione con tecnologia RGB consentirà di presentare l’oggetto architettonico con effetti cromatici ed illuminanti mutevoli, a seconda della variabile stagionale e nelle fasi giorno-notte. Ciò mitigherà o evidenzierà l’impatto visivo della struttura, dalle immagini prospettiche di percezione del ponte da e verso la città di Piacenza.
5 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    L’intervento proposto, per la sua natura di punto panoramico, dialoga fortemente col paesaggio descritto e col fiume. Esso è anche in stretta relazione con il progetto del nuovo ponte di attraversamento stradale, pur mantenendo una propria individualità rispetto ad esso. Il criterio di base è stato quello di progettare un intervento che sia profondamente rispettoso della natura dei luoghi, ma che allo stesso tempo possa divenire un punto focalizzatore di un’attenzione, legata ad una funzione...

    Project details
    • Year 2010
    • Client Camera di Commercio di Piacenza
    • Status Competition works
    • Type Bridges and Roads / Bars/Cafés / Restaurants
    Archilovers On Instagram
    Lovers 5 users