Parco Lineare Verde di Archeologia Industriale | Atelier(s) Alfonso Femia / AF517

Trieste / Italy / 2022

8
8 Love 1,740 Visits Published

CONNESSIONI CON LA STORIA


Il Porto Vecchio conta cinque moli, più di tre chilometri di banchine e 23 magazzini e hangar ed è direttamente collegato all’antica ferrovia. Si differenzia da tutti gli altri porti mediterranei, perché somiglia, nell’impianto urbanistico, ai grandi porti del nord-Europa. Costruito in appena due decenni, negli anni Settanta e Ottanta dell’Ottocento, evoca, ancora oggi, lo spirito austro-ungarico, tipico del tempo.


Qui si innesterà una grande porzione del Parco Lineare, attraverso un disegno coerente, semplice, riconoscibile e attraverso la capacità di intersezione, sovrapposizione e connessione con le altre aree del Porto e della città.
Il Porto Vecchio e la città di Trieste nel suo insieme hanno, da sempre, un carattere europeo e internazionale e, dunque, il progetto si rapporta a questa dimensione sovra-nazionale.


CONNESSIONI PROGETTUALI


Il percorso si estenderà tra la seconda e la terza fila dei magazzini del Porto Vecchio. Il progetto prevede una connessione sia a sud con il centro di Trieste, sia a nord con il parcheggio Bovedo.
Il tracciato del nuovo parco asseconderà le tracce dei binari e degli scartamenti, mentre le geometrie cilindriche degli scambiatori ferroviari definiranno il disegno delle piazze, determinando gli incroci. 


Su questo concept progettuale, si innesta il percorso ciclo-pedonale.
Sono quattro le aree di competenza progettuale: l’asse lineare di collegamento tra la rotonda e il parcheggio di Barcola e la stazione Bovedo; la piazza della stazione Vecchio Porto e la sua propaggine nord della ex locanda piccola; il boulevard dell’asse Natura che si snoda tra le testimonianze storiche; la piazza della stazione Trieste e la connessione del Porto Vecchio con il centro storico di Trieste.
Il progetto è orientato alla sostenibilità ambientale, anche con riferimento all’efficientamento energetico, alla mobilità e agli aspetti edilizi: il Parco Lineare è un’occasione di riqualificazione urbana e insieme opportunità di valorizzazione del trascorso storico, simbolico e identitario.


CONNESSIONI SOSTENIBILI E IL PROGETTO DEL PAESAGGIO


Il progetto del Parco Lineare è orientato alla riduzione del consumo di energia del consumo di suolo e acqua, del risparmio energetico e della resilienza nei confronti dei cambiamenti climatici.
Sotto l’aspetto paesaggistico lo snodo del Parco avverrà mantenimento gli assi del rapporto con il mare con gli assi dei moli e la città.


Verrà realizzata una sequenza di spazi verdi sostenuti dalla struttura longitudinale dei percorsi, sul tracciato dei binari.
Cuore del progetto sei aree paesaggistiche orientate a favorire la condivisione spaziale, contenute da due specchi d’acqua sulle teste: il canneto; il cretto fiorito - il giardino minerale,_lo spacca pietre, le colline, il labirinto; i prati; la landa del sommaco , l’acqua affiorante.


Le stazioni della cabinovia poste ai due estremi dell’asse definiscono la fine del percorso, determinano la fine fisica del Parco Lineare.


CONNESSIONI BLU


L’acqua è il grande elemento che connette, appare e scompare lungo la linea del parco. Una linea d’acqua corre lungo tutto l’asse tra i due laghetti, agli estremi del percorso, a volte visibile a volte sotterranea. L’acqua sotterranea collega il tracciato con un sistema misto di canalizzazione, recupero, depurazione e ricircolo delle acque piovane, di acquedotto e di falda. Fontane e un sistema di chiuse e cascatelle sono posizionate lungo le undici vasche


CONNESSIONI VERDI


Per aumentare la valenza ecologica, la vegetazione prevalente è mista di latifoglie. Le specie arboree sono autoctone per garantire massima naturalità̀. Gli interventi progettati potranno innescare dei processi evolutivi della vegetazione, che acquisteranno nel tempo sempre maggiore autonomia. Su 31.829 metri quadrati di superficie totale, verranno recuperati 30 000 metri quadrati di superficie drenante. Verranno piantumati 700 alberi di prima seconda e terza grandezza e selezionate 13 varietà di specie arboree. Allo sport verranno dedicati 3500 metri quadrati, alle superfici d’acqua 2450 metri quadrati.


GLI ASSI PROGETTUALI


Il Parco Lineare si sviluppa in momenti progettuali significativi:
● L’asse barcolano - lungo la fascia compresa tra i bagni a mare e l’area dei campi sportivi a est - con pista pedonale, pista ciclabile doppio senso di marcia e una pista di servizio. Lo spazio residuale a verde darà ombra e definizione ai percorsi.
● Tra la locanda Piccola e il giardino della piazza della stazione Porto Vecchio, il progetto prevede un intenso sistema di relazione che concilia il viale del nuovo Parco naturale, le provenienze dal viale monumentale e dal tessuto cittadino a est. La Locanda Piccola con il suo giardino sarà la porta di accesso al Parco, con funzioni di info point, orientamento, espositivo e tutto quanto serva a garantire l’accoglienza, al Porto Vecchio.
● La piazza triangolare, che è attualmente un parcheggio a raso, verrà trasformata in area completamente pedonale. La geometria della stazione Trieste, attraverso il mantenimento e la valorizzazione degli scambiatori ferroviari esistenti, sarà cuore della piazza, determinandone i flussi pedonali. Nelle aree ridisegnare troveranno ideale collocazione differenti attività, il verde inaccessibile, l’acqua, lo sport, le fioriture.


 


Credits:
Committenti: Ministero della Cultura, Comune di Trieste


progettazione: Alfonso Femia
coordinamento: Simonetta Cenci
responsabile di progetto: Sara Traverso


design team
Sara Traverso, Francesca Recagno, Carlo Occhipinti, Roxana Calugar, Leandro Esposito, Fabio Marchiori, Alessandro Bellus, Silvia Persico, Gianmatteo Ferlin
Architetto locale: Damiani Architettura+ paesaggista: arch. Michelangelo Pugliese Immagini: ©AF517& ©Diorama

8 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    CONNESSIONI CON LA STORIA Il Porto Vecchio conta cinque moli, più di tre chilometri di banchine e 23 magazzini e hangar ed è direttamente collegato all’antica ferrovia. Si differenzia da tutti gli altri porti mediterranei, perché somiglia, nell’impianto urbanistico, ai grandi porti del nord-Europa. Costruito in appena due decenni, negli anni Settanta e Ottanta dell’Ottocento, evoca, ancora oggi, lo spirito austro-ungarico, tipico del tempo. Qui si innesterà una grande...

    Archilovers On Instagram
    Lovers 8 users