Casa AL | VPS  ARCHITETTI

Castelmuzio / Italy / 2019

146
146 Love 20,308 Visits Published

The farmhouse is located near the historic centre of Castelmuzio, a small village in Val d'Orcia along the road leading to Pienza. It is nestled halfway up a hillside and looks towards the parish church of S. Anna in Camprena, a former 15th-century Benedictine Monastery whose refectory has a splendid cycle of frescoes (1503) by Antonio Bazzi, known as Il Sodoma, and where Anthony Minghella filmed some scenes of 'The English Patient'.


The original farm building, whose typological characteristics and construction methods seem to date to the second half of the 19th century, was subject to subsequent additions and alterations until the 1950s.


The project for the main building and separate guesthouse adapted the buildings to the client's requirements by spatially redistributing and reinterpreting the interiors and introducing new mechanical systems without increasing or altering the existing volumes and without changing the original architectural features of the façades, regulated by landscape protection codes.


The orientation, view and relationships between the interiors and the surrounding spaces guided the main design choices.


On the ground floor, the south side was chosen as the best orientation for activities like dining and kitchen - well-lit during the winter and in direct contact, through French doors, with the open-air space in front of the dining room and kitchen. This space overlooks the valley and the Pieve, and becomes a paved terrace shaded by surrounding trees; it is used as an outdoor dining/living area. The entrance, with the staircase to the first floor, is located to the west in relation to the new access to the property; it also has a south-facing window with a view over the valley. On the north side is the large former stable space - now the living room with fireplace and two French doors opening to the outdoors and two windows to the east and west, respectively. The living room is connected by a large interior opening and some steps to the dining are so that south light can enter during the winter. The north-facing exterior space was created by containing and terracing the uphill slope. The paved courtyard is accessible through the two French doors, virtually expanding the living room outdoors in good weather. It is particularly shady, cool and pleasant during the warmest summer months. On the east, the existing exterior stair was extended with a ramp in cor-ten steel to allow direct access to one of the bedrooms located on the highest level, distinguishing it from the existing stair. On the east side of the ground floor is a small paved open-air space defined by the exterior staircase, the bread/pizza oven and the small farm outbuilding converted into a wine cellar.


On the first floor is the master 'suite' with a study, bedroom, bathroom and walk-in wardrobe. It faces south, overlooking the Pieve, and east, with two windows that allow the morning sun to bathe the space. The other bedrooms face east and west respectively.


The farmhouse was built at different times. The main part, characterised by a hipped roof, is certainly the oldest. At a later date. a lower structure with a single-pitch roof was added on the west side, as was the exterior staircase on the side and, in more recent years - given the building characteristics - the rear two-level structure with a gable roof. The annexes on the east seem to have been built at the same time as the exterior staircase, while the barn on the west seems to have been built at the same time as the more recent extension.


The heterogeneity of all these different parts with different characteristics had to be taken into account in determining the new spatial and functional programme.


Due to the presence of a large exterior arched opening and its plan and volumetric characteristics, the west structure - a relatively narrow space in terms of area and height - was reinterpreted as a double-height entry space with a visible staircase. The new entrance leads to a sequence of openings whose axis crosses the farmhouse, connecting the various interior spaces both preceptively and functionally and to the two open spaces to the west and east. The staircase leads to a "bridge" overlooking another double-height space located almost at the building’s centre, corresponding to a "quadrant" of the hipped roof. This bridge leads to the master 'suite' and, with some steps, to the two bedrooms and a bathroom and, via another staircase, to a small study in the highest part of the structure with a view to the parish church.


The façades and roofs were treated conservatively using materials and techniques belonging to local tradition. The new windows, in addition to the existing ones, were partly obtained from reopening existing walled-in windows and openings, and partly from new openings, necessary for the proper use of some of the rooms, respecting traditional forms and proportions.


Exterior finishes


- extra-hard pietra serena stone for outdoor spaces


- extra-hard pietra serena stone or terracotta for thresholds and sills;


- restoration of existing facing;


- cor-ten steel profiles for railings and gates;


- cor-ten steel profiles and elements for the new stairs on the east side


- new copper downpipes and gutters;


- painted wood exterior window frames;


 


Interior finishes


- painted plaster for the walls


- painted plasterboard for suspended ceilings;


- extra-hard sandstone and handcrafted parquet for the floors;


- green travertine and extra-hard pietra serena for bathrooms and services;


- painted wood interior fixtures.


Architecture Firm
VPS Architects


Photography 
studio_vetroblu
https://www.vetroblu.com/


Other participants
Ing Luca Rossi, Studio Eco-Tek, Geom Gianni Mencacci 


Collaborators
Gianluca Anolfo, Luigi Depperu


 


[IT] 


Il casale si trova ai piedi del centro storico di Castelmuzio, un piccolo borgo della Val d’Orcia, lungo la strada che porta a Pienza. E' ubicato a mezza costa e guarda verso la pieve di S.Anna in Camprena, un ex Monastero Benedettino Olivetano del XV Secolo nel cui refettorio è conservato uno splendido ciclo di affreschi (1503) di Antonio Bazzi, detto Il Sodoma, e dove Anthony Minghella ha girato alcune scene del film “Il Paziente Inglese “.


Il fabbricato colonico originario, che per i suoi caratteri tipologici e costruttivi sembra risalire alla seconda metà dell’ottocento, è stato oggetto di aggiunte e superfetazioni fino agli anni “50” del secolo scorso.


Il progetto ha adeguato il fabbricato alle nuove esigenze ridistribuendo e reinterpretando spazialmente gli ambienti interni e inserendo i nuovi impianti, senza aumentare o alterare la volumetria storica esistente e senza modificare i caratteri architettonici e costruttivi originari delle facciate, vincolati dalla norma.


L’orientamento, la vista e le relazioni tra gli spazi interni del casale e gli spazi circostanti hanno guidato le principali scelte di progetto.


AI piano terra i lati da privilegiare, per quanto riguarda gli spazi da destinare ad attività come il pranzo e la cucina, sono apparsi essere quelli a sud, ben illuminati durante l’inverno e in diretto contatto, tramite porte finestre, con lo spazio all’aperto antistante pranzo e cucina, prospiciente la valle e la Pieve, che diventa una terrazza pavimentata ombreggiata dagli alberi circostanti, da utilizzare come pranzo/soggiorno all’aperto. L’ingresso, con la scala che porta al primo piano, è ubicato ad ovest in corrispondenza del nuovo accesso alla proprietà, ma presenta anche una finestra a sud che consente di traguardare la vista principale sulla valle. Sul lato nord si trova il grande spazio (prima erano le stalle) del soggiorno con il camino, che presenta due porte finestre a nord e due finestre rispettivamente a est e a ovest ed è collegato, tramite un grande varco interno ed alcuni gradini, al pranzo in modo da far penetrare la luce da sud durante l’inverno. Lo spazio all’aperto retrostante, ricavato attraverso operazioni di contenimento e terrazzamento del versante a monte, è un cortile pavimentato, accessibile tramite le due porte finestre, dove espandere all’aperto le funzioni del soggiorno nella bella stagione. Infatti, data la sua esposizione - risulta compreso tra il casale e il pendio retrostante ed è esposto a nord – è particolarmente fresco e gradevole durante l’estate. Sul lato est è stata prolungata la scala esterna esistente in modo da consentire l’accesso diretto dall’esterno ad una delle camere da letto poste al livello più alto del primo piano. Tale prolungamento è stato previsto con una rampa, chiaramente distinta da quella esistente, realizzata in profili ed elementi di acciaio cor-ten. Sempre su quel lato, al piano terra, è stato realizzato un piccolo spazio all’aperto pavimentato definito dalla scala esterna, dal forno e dal piccolo annesso agricolo trasformato in cantina/dispensa.


Al primo piano si trova la “suite” padronale formata da studio, letto, bagno e cabina armadio, che affaccia a sud, con due finestre che guardano la Pieve, e ad est, con due finestre che intercettano il sole del mattino. Le altre due camere da letto sono esposte rispettivamente ad est e ad ovest.


La “vocazione” delle varie parti del casale ad essere reinterpretate alla luce del nuovo utilizzo è stato il secondo aspetto di cui si è tenuto conto nelle scelte di progetto principali.


Il casale è stato realizzato in momenti diversi. Al corpo principale contraddistinto dal tetto a padiglione, sicuramente il più antico, si sono aggiunti in un secondo tempo un corpo più basso con copertura ad una sola falda sul lato ovest, la scala esterna sul lato est e, in anni più recenti – date le caratteristiche costruttive - il corpo posteriore su due livelli con copertura a due falde. Gli annessi sul lato est sembrano essere stati realizzati contemporaneamente alla scala esterna, mentre il fienile sul lato ovest sembra essere coevo all’ampliamento più recente. L’eterogeneità delle varie parti componenti la sua struttura fa sì che le stesse abbiano caratteri differenti da considerare in relazione al nuovo programma spaziale e d’uso.


Il corpo sul lato ovest, sia per la presenza di una grande apertura esterna ad arco che per le sue caratteristiche planimetriche e volumetriche - si tratta infatti di uno spazio relativamente angusto sia come superficie che come altezze interne - è stato reinterpretato come uno spazio di ingresso a doppia altezza con la scala a vista. Il nuovo ingresso introduce ad una sequenza di varchi il cui asse attraversa il casale, connettendo, sia percettivamente che distributivamente sia i vari spazi interni che i due spazi all’aperto ad ovest ed est. Salita la scala si arriva su un “ponte” che affaccia su un altro ambiente a doppia altezza posizionato pressoché al centro della costruzione, che corrisponde ad un “quadrante” del tetto a padiglione del corpo originario. Tramite questo ponte si accede sia alla “suite” padronale che, tramite alcune alzate, alle due camere da letto e ad un bagno e, tramite un’altra scala, ad uno studiolo ricavato nella parte più alta del tetto da cui si traguarda la Pieve.


Gli interventi sulle facciate e sulle coperture consistono soprattutto in operazioni di restauro conservativo eseguite utilizzando materiali e tecniche appartenenti alla tradizione locale. Le nuove finestrature, in aggiunta a quelle esistenti, sono state in parte ricavate dalla riapertura di finestre e varchi esistenti murate e in parte da nuove aperture, necessarie per un corretto utilizzo di alcuni ambienti, realizzate nel rispetto delle forme e delle proporzioni tradizionali.


Finiture esterne


•               pietra serena extra dura per le sistemazioni all’aperto;


•               pietra serena extra dura o cotto per soglie e copertine;


•               restauro del paramento esistente;


•               profili di ferro cor-ten per ringhiere e cancellate;


•               profili ed elementi in ferro cor-ten per la nuova rampa di scale sul lato est


•               nuovi pluviali e gronde in rame;


•               infissi esterni in legno verniciato;


 


Finiture interne


•               intonaco tinteggiato per le pareti;


•               cartongesso tinteggiato per i controsoffitti;


•               pietra serena extra dura e parquet a listoni artigianale per i pavimenti;


•               travertino “verde” e pietra serena extra dura per i bagni e per i servizi;


•               infissi interni in legno verniciato.

146 users love this project
Comments
View previous comments
    comment
    user
    Enlarge image

    The farmhouse is located near the historic centre of Castelmuzio, a small village in Val d'Orcia along the road leading to Pienza. It is nestled halfway up a hillside and looks towards the parish church of S. Anna in Camprena, a former 15th-century Benedictine Monastery whose refectory has a splendid cycle of frescoes (1503) by Antonio Bazzi, known as Il Sodoma, and where Anthony Minghella filmed some scenes of 'The English Patient'. The original farm building, whose typological...

    Project details
    • Year 2019
    • Work finished in 2019
    • Status Completed works
    • Type Single-family residence / Country houses/cottages / Interior Design / Building Recovery and Renewal
    Archilovers On Instagram
    Lovers 146 users