casa dritta-curva | Filippo Bombace

Rome / Italy / 2021

114
114 Love 15,099 Visits Published

In una di quelle pregevoli palazzine che caratterizzano spesso il panorama edilizio romano degli anni ‘70 si sviluppa il progetto di ristrutturazione dell’abitazione per una coppia con figli, inevitabilmente condizionato dal disegno dei balconi che in maniera netta caratterizzano l’aspetto esterno dell’edificio.


La sequenza geometrica semplice ma efficace della linea retta, del semicerchio e del quarto di cerchio, diviene infatti il layout dell’operazione, definendo in maniera coerente agli spazi esterni il disegno delle partizioni interne e di tutti gli elementi di arredo che completano l’abitazione.


Sposata l’impostazione generale e lo schema distributivo fondato su questo principio geometrico si è avviato con i Committenti il classico appassionante lavoro di definizione materica e cromatica dell’intervento, che ha portato attraverso diverse versioni ad approdare ad un’impostazione sostanzialmente fondata sull’utilizzo del legno di rovere contrapposto al bianco delle pareti; in questo netto dualismo si inseriscono alcune citazioni di marmo calacatta, laddove la funzione, soprattutto per ragioni di resistenza richiede un materiale da questo punto di vista più indicato.


La versione definitiva vede quindi lo spazio giorno diaframmato da delicate ma efficaci partizioni in setti di legno di rovere che innescano un piacevole effetto vedo-non vedo, definendo così l’ingresso, gli spazi di distribuzione, la zona cucina e lo studio.


Ancora il legno di rovere viene impiegato per la maggior parte delle armadiature, degli arredi e soprattutto per la boiserie doghettata che riveste tutta la lunga parete a margine del corridoio che costeggia la zona giorno.


La suite padronale, caratterizzata da un’armadiatura a centro stanza che funge da testata letto, accede direttamente al bagno da un pannello scorrevole che svela dapprima la vasca da libera installazione, quindi il grande vano doccia, la doppia postazione lavabo e infine, appartata, la zona sanitari.


Anche le camere da letto dei figli e i rispettivi bagni risultano organizzati secondo la filosofia di progetto opportunamente interpretata nelle cromie più consone all’età.


E’ così che la piccolina di casa ritrova anche un simpatico nascondiglio dietro la grande parete tessile retrattile che racchiude il suo guardaroba, ovviamente secondo una geometria dritta curva.


 


insufflaggio pareti esterne e gestione clima interno


L’insufflaggio è stato eseguito con Isover Insulsafe 33 della Saint-Gobain (lana di vetro in fiocchi di colore bianco, prodotto con vetro riciclato, senza resina termoindurente) previa verifica delle condizioni dell’intercapedine mediante endoscopio, per verificare lo stato dei paramenti e l’eventuale presenza di infiltrazioni d’acqua.


Appurata l’idoneità delle condizioni si è proceduto all’esecuzione dei fori necessari per l’applicazione, sigillando le possibili vie di fuga, quindi all’insufflaggio vero e proprio mediante macchina iniettore, partendo dal basso per salire poi gradualmente verso il soffitto.


Le travi sono state coibentate con pannelli Isover Clima 34 della Saint-Gobain.


 


Impianto radiante a pavimento e ventilazione meccanica controllata.


L’impianto radiante a pavimento si è dovuto confrontare con il ridotto spessore disponibile a massetto, pari a 6 cm, impegnati da 20 mm di isolamento, 20 mm tubazione, 20 mm di massetto autolivellante realizzato con Termoanidro Premium, massetto premiscelato autolivellante a base di pura anidrite naturale, aggregati calcarei selezionati ed additivi atti a migliorare le prestazioni del prodotto, indicato in interventi di bioedilizia, ideale per sistemi di condizionamento a pavimento radiante.


La messa in opera è avvenuta mediante idoneo mezzo di trasporto dotato di pompa. L’unità esterna che alimenta l’impianto è un’unità split a bassa temperatura Daikin Altherma EPGA11DAV3, una pompa di calore aria-acqua a pavimento per riscaldamento, raffrescamento e produzione di acqua calda sanitaria, ideale per abitazioni con bassi fabbisogni di energia.


Le unità interne sono invece le Daikin INTEGRATED R32 H/C 230L 16 kW.


Per la presenza di travi che inibivano il corretto passaggio delle tubazioni si è dovuto ricorrere a due distinti deumidifcatori, due macchine sempre della Daikin RER050AE000 Deumidificatore Recuperatore 050 IsoT .


Un impianto fotovoltaico in copertura da 4kWh, contribuisce all’alimentazione dell'impianto di condizionamento.

114 users love this project
Comments
View previous comments
    comment
    user
    Enlarge image

    In una di quelle pregevoli palazzine che caratterizzano spesso il panorama edilizio romano degli anni ‘70 si sviluppa il progetto di ristrutturazione dell’abitazione per una coppia con figli, inevitabilmente condizionato dal disegno dei balconi che in maniera netta caratterizzano l’aspetto esterno dell’edificio. La sequenza geometrica semplice ma efficace della linea retta, del semicerchio e del quarto di cerchio, diviene infatti il layout dell’operazione,...

    Project details
    • Year 2021
    • Work started in 2020
    • Work finished in 2021
    • Contractor Stemar snc
    • Status Completed works
    • Type Apartments / Interior Design / Custom Furniture / Refurbishment of apartments
    Archilovers On Instagram
    Lovers 114 users