PROGETTO PARTECIPANTE AL CONCORSO DI PROGETTAZIONE "PONTèPIGNETO" - ROMA

PONTE PIGNETO 02_COMPLEMENTARE Rome / Italy / 2010

1
1 Love 2,053 Visits Published
PONTèPIGNETO 02_COMPLEMENTARE
L’ immagine tipologica risultante è quella di un ponte ad arco a via inferiore perché più sopportabile dal contesto urbano, come risposta alla cesura esistente della linea ferroviaria per la creazione di uno spazio pubblico sospeso ad uso della collettività e simbolo del quartiere.
Il ponte pedonale di progetto è caratterizzato da una struttura in acciao costituita da due tubolari cavi dello spessore di 40 mm. che, viaggiando da una spalla all’altra del vallo ferroviario, sorvolano il Ponte Pigneto esistente e intercettano le sub-strutture portate sospese che rappresentano il cuore del sistema-piazza.
Sui lati del Ponte Pigneto corrono parallelamente 2 travi primarie HSD in acciao, alte 750 mm. a cui sono agganciate le strutture laterali del nuovo ponte pedonale, queste ultime sono costituite da travi in acciaio a sezione variabile connesse ai tubolari degli archi ed irrigidite da traverse e diagonali; completa l’impalcato una lamiera in acciaio orsogrill per una facile posa in opera della pavimentazione in legno teak.
Le travi HSD sono connesse da elementi trasversali che posizionati a quote variabili ripristinano il passaggio centrale ciclopedonale riportando la quota a zero; l’ estradosso del Ponte Pigneto è visibile all’occhio di un passante attraverso l’inserimento di lastre in vetro strutturale.
Quest’ultimo è costituito da un doppio spessore al cui interno è inserito un pannello fotovoltaico trasparente per la produzione di energia sufficiente a permettere all’architettura stessa di produrre elettricità per il proprio mantenimento.
Il vetro costituente il passaggio dei cicli e motocicli ha una superficie trattata per assicurarne l’aderenza delle ruote.
Le travi secondarie a ridosso dei tubolari, sono irrigidite da un lato attraverso diagonali in acciaio pieno e dall’altro, attraverso una struttura spaziale che da vita ad una cavea per spettacoli all’aperto; le sedute sono rivestite in lamierino ed hanno una larghezza di 800 mm. e sono posizionate ad un’altezza pari a 500 mm..
Il tutto viene messo in sicurezza da un sistema di balaustre che raggiungono la quota di 1100 mm., ad esclusione di quella spartitraffico del passaggio ciclopedonale centrale che, partendo dalla quota di 850 mm. alle estremità, scende verso il centro fino a terminare alla stessa quota delle pavimentazioni laterali.
L’ illuminazione del nuovo ponte pedonale, non è fine a se stessa, ma segue la struttura del ponte, plasmandolo ed esaltandolo nelle ore notturne:
luci a neon seguono i due tubolari degli archi evidenziandoli, mentre fari
unidirezionali sono posizionati all’interno degli stessi per illuminare la cavea da un lato e la piazza dall’altro.
All’interno delle traverse costituenti il passaggio ciclopedonale sono incassati i faretti per l’illuminazione dell’estradosso del Ponte Pigneto che è completato sui fronti da un sistema di fari posizionati sulle travi di bordo delle strutture sospese.
L’illuminazione notturna viene alimentata da pannelli fotovoltaici trasparenti caratterizzati da una sostanza amorfa a base liquida, al cui interno viene iniettata una struttura cristallina di silicio inserito nei doppi vetri degli elementi costituenti la rampa centrale ciclopedonale; questo gel cattura l’energia solare, trasformandola in elettricità.
L’elettricità così prodotta viene catturata e assorbita da piccoli terminali elettrici installati nelle travi longitudinali HSD e veicolata nell’impianto di illuminazione notturna del ponte, permettendo una produzione fino a 100 wattora per ogni metro quadro di superficie.
I vetri del passaggio centrale hanno una superficie di 110 mq., quindi è prevista la creazione di 11 Kilowattora con perdita pressoché nulla in quanto le lastre di vetro sono orizzontali per via della leggerissima pendenza della rampa.
L’ illuminazione del nuovo ponte pedonale, unita alla sua tipologia, permette una grande flessibilità ed una molteplicità di utilizzo in tutte le ore del giorno; la cavea oltre a garantire una notevole disponibilità di posti a sedere è fondamentale per il godimento di spettacoli all’aperto, mentre la piazza, oltre a garantire un luogo adatto per rappresentazioni con la scenografia del grande arco illuminato, è lo spazio ideale per mostre temporanee di opere d’arte ed allestimento di stands.
Le connessioni e i particolari costruttivi del ponte sono realizzate in acciaio Corten molto resistente ad un ambiente aggressivo, tutti gli elementi strutturali salvo i tubolari degli archi e le travi HSD sono facilmente reperibili in commercio per una economicità e fattibilità dell’opera.
Nel nuovo ponte pedonale sono tutti gli elementi che concorrono alla “unità potenziale dell’opera” (C. Brandi), resa riconoscibile grazie ad una colorazione bianca dei componenti che evidenzia la sua contemporaneità.
Il nuovo ponte ciclopedonale del Pigneto è complementare al vecchio Ponte e l’immagine dei due archi è la metafora del quartiere, il ponte come un oggetto unitario vuole unire le parti, accorciare le distanze, eliminare le differenze con l’istanza estetica applicata ad un’opera pubblica.
Gli archi sghembi che ripristinano la diversità, sorreggono la piazza e la cavea, luogo dello stare e della rappresentazione della vita , luogo della cultura che attrae tutte le diversità, le razze, le religioni, le tradizioni per vivere la vita amando… … …in attesa che il vallo ferroviario venga coperto per esaltare ancora di più l’immagine complessiva:
il vallo si arresterà sotto la forza degli archi che difenderanno il vecchio Ponte Pigneto, l’effetto plastico aumenterà, la scenografia anche ed il Maestro sarà salvo!
1 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    PONTèPIGNETO 02_COMPLEMENTAREL’ immagine tipologica risultante è quella di un ponte ad arco a via inferiore perché più sopportabile dal contesto urbano, come risposta alla cesura esistente della linea ferroviaria per la creazione di uno spazio pubblico sospeso ad uso della collettività e simbolo del quartiere.Il ponte pedonale di progetto è caratterizzato da una struttura in acciao costituita da due tubolari cavi dello spessore di 40 mm. che, viaggiando da una spalla all’altra del vallo...

    Project details
    • Year 2010
    • Client IN/ARCH ROMA
    • Status Competition works
    • Type Bridges and Roads
    Archilovers On Instagram
    Lovers 1 users