Amphitheatrvm Therandae | Ugo Brancato

TAW Tirana Architecture Week 2016 - Transformations that matter Tirana / Albania / 2016

1
1 Love 612 Visits Published

AMPHITHEATRVM THERANDAE
 
 
[ENG]
 
In collaboration with the Albanian Ministry of Culture. Project selected for the poster of the exhibition at Destil Hostel Tirana. 
 
Project description:
 
Accessibility, quality of the buildings, customs and proper practices, they depend on the context but also on the actions of individuals. With the assumption that a well-designed building is not the solution to improve twenty more in bad conditions, the project works through an anti-gentrification dynamic and a bottom-up approach that encourages good behaviors thanks to public spaces and good living practices.
 
Human dimension and architectural heritage are the central themes of the project, especially considering that the need of green is offset by proximity to blue and green infrastructures: what is already there should not be changed, we just have to get into a position to give the best and change its community dynamics from below.
 
Working as on a single block, the design action is limited to interventions as noninvasive as possible: restoring and completing building envelope; replacing the road surface to disadvantage vehicular mobility and encourage slow mobility; displacing the electric cables under the road surface to improve and clear up the physical/perceived space; delimiting through an ephemeral and permeable fence the living space to enhance it from the outside and make it unique and safer on the inside.
 
Spatially, this fence is described by an ellipse with a perimeter of 527 meters, whose axes measure 187.5 and 156.5 meters, the same measures of the Flavian Amphitheatre. The process then manages to create interest on the delineated neighborhood, improving the internal conditions.
 
The neighborhood behaves as a regenerative city, socially inclusive, with a singular identity and sense of place. According to time specifications, the possibility of exploiting new open spaces gives rhythm to urban life: morning (school, activities for children, open market, health care), afternoon (discussion on current affairs, leisure activities and courses, information technology support), evening (leisure activities and events, cinema).
 
 
[ITA]


In collaborazione con il Ministero della Cultura albanese. Progetto selezionato per il poster dell'esibizione al Destil Hostel Tirana.


Descrizione del progetto:
 
Accessibilità, qualità degli edifici, costumi e pratiche corrette, dipendono dal contesto ma anche dalle azioni degli individui. Partendo dal presupposto che un edificio ben progettato non è la soluzione per migliorare altri venti in cattive condizioni, il progetto opera attraverso una dinamica anti-gentrificazione e un approccio dal basso verso l'alto che incoraggia buoni comportamenti grazie agli spazi pubblici e alle buone pratiche di vita.
 
La dimensione umana e il patrimonio architettonico sono i temi centrali del progetto, soprattutto considerando che la necessità del verde è compensata dalla vicinanza alle infrastrutture blu e verdi: ciò che è già lì non dovrebbe essere cambiato, dobbiamo solo mettersi in posizione di trarre il meglio e cambiare le sue dinamiche di comunità dal basso.
 
Lavorando come su un singolo blocco, l'azione progettuale è limitata ad interventi il ​​più possibile non invasivi: il ripristino e il completamento dell'involucro edilizio; la sostituzione del manto stradale per svantaggiare la mobilità veicolare e incoraggiare la mobilità lenta; spostare i cavi elettrici sotto la superficie stradale per migliorare e chiarire lo spazio fisico / percepito; delimitare attraverso una recinzione effimera e permeabile (“il Colosseo”) lo spazio vitale per valorizzarlo dall'esterno e renderlo unico e più sicuro all'interno.
 
Spazialmente, questa recinzione è descritta da un'ellisse con un perimetro di 527 metri, i cui assi misurano 187,5 e 156,5 metri, le stesse misure dell'Anfiteatro Flavio. Il processo poi tenta di creare interesse per il quartiere delineato, migliorandone le condizioni interne.
 
Il quartiere si comporta come una città rigenerativa, socialmente inclusiva, con un'identità e un senso del luogo singolari. In base alle specifiche temporali, la possibilità di sfruttare nuovi spazi aperti dà ritmo alla vita urbana: mattina (scuola, attività per bambini, mercato all’aperto, assistenza sanitaria), pomeriggio (discussione su attualità, attività e corsi di svago, supporto della tecnologia dell'informazione), sera (attività ricreative ed eventi, cinema).

1 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    AMPHITHEATRVM THERANDAE    [ENG]  In collaboration with the Albanian Ministry of Culture. Project selected for the poster of the exhibition at Destil Hostel Tirana.  Project description:  Accessibility, quality of the buildings, customs and proper practices, they depend on the context but also on the actions of individuals. With the assumption that a well-designed building is not the solution to improve twenty more in bad conditions, the project works through an...

    Project details
    • Year 2016
    • Client Tirana Architecture Week
    • Status Competition works
    • Type Parks, Public Gardens / Public Squares / Urban Furniture / Bridges and Roads / Neighbourhoods/settlements/residential parcelling / Graphic Design / Urban Renewal / Cycle Paths / Markets
    Archilovers On Instagram
    Lovers 1 users