ITALIA, LOMBARDIA, MILANO, RISTORANTE GIAPPONESE MY SUSHI | STEFANO MARIGA

MILANO / Italy / 2006

0
0 Love 473 Visits Published

PROGETTAZIONE A CURA DI LORENZO CLERICI, ALBA GALLIZIA, GIACOMO TUTUCCI, ARCHITETTI MILANO. FOTOGRAFIE DI STEFANO MARIGA.


 


DESCRIZIONE DEL PROGETTO (tratta dal servizio pubblicato sulla rivista di architettura, ACCIAIO ARTE ARCHITETTURA, www.acciaioartearchitettura.com)


La logica orientale della sovrapposizione giustapposizione
e abbinamento in discordanza
di elementi differenti e fortemente caratterizzati
muove il progetto architettonico di questa
facciata.
Come la linguistica semiotica applicata all'arte
ci vuole insegnare ogni segno ha una sua
funzione, e nella trasposizione formale ecco
che l'edificio diviene perfetta rappresentazione
dall'esterno delle funzioni che avvengono
all'interno. Le parti chiuse rivestite e le parti
vetrate si differenziano a seconda degli spazi
contenuti all'interno.
Al piano terreno le grandi vetrate del fronte
completamente trasparenti e contrapposte
alla cortina con “texture” decisa, rivelano al
passante il locale, svelandogli improvvisamente
cosa vi succede all'interno.
Al piano superiore la cortina in zinco titanio
cela le zone private delle cucine. Un rivestimento
continuo in materiale metallico per il
puro piacere di vedere dall'esterno una pelle
architettonica omogenea e contemporanea a
trasposto ricordo di uno scrigno. Il fronte si
apre poi improvvisamente nel cubo aggettante
dello spazio di preparazione dei cibi, il
rituale perfetto di questo momento viene
esaltato e diviene quasi rappresentazione teatrale,
limpida dimostrazione della sua importanza
per la cucina orientale.
L'arredo dalle linee fluide e di tendenza, è in
perfetta armonia progettuale con l'involucro.
E' consentito porsi di fronte alla vetrata ed
essere parte della città, non perdere la visione
dinamica dell'esterno che si muove, e
poterne godere la tensione del movimento,
energetica e rinvigorente. E' un interno che
consente di mantenere vivi tutti i sensi attraverso
la vivacità della visione esterna, le pietanze
e non ultime le immagini accattivanti
del cibo crudo su visi e corpi.


I dettagli delle finestre seguono questa scelta ragionata e caratterizzante, differente a seconda delle aperture e della loro funzione. Dove la parete non è trasparente la presenza degli infissi è dichiarata dai telai che incorniciano il foro in maniera visibile. Laddove le vetrine di piano terra vogliono mostrare chiaramente il contenuto dello spazio interno, ecco che il profilo scompare all'esterno, nascosto dal rivestimento esterno come a dimostrazione della prosecuzione ideale esterno-interno, allo stesso tempo da dentro i profili sono visibili e incorniciano il paesaggio metropolitano. Quasi un invito per l'ospite lì seduto a riflettere sulll'apertura di un frammento d'oriente verso un luogo occidentale. L'apice della espressività è rappresentato del volume vetrato che contiene le cucine, una finestra tridimensionale e porta all'esterno la realtà di quello che vi succede all'interno. Insieme alla completa trasparenza, la forma
sublima il concetto di voler rendere quello spazio un luogo senza segreti. I profili finestra proprio non esistono più, il volume diviene trasparente unico e omogeneo. E' lì che si prepara il cibo, con attenzione zen.
Nulla del dettaglio è stato tralasciato dai progettisti che nel realizzare un luogo contemporaneo di ristoro, hanno rappresentato l'oriente in maniera gioiosa trasparente e accattivante, facendoci immediatamente pensare: benvenuto il “My sushi” a Milano!

0 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    PROGETTAZIONE A CURA DI LORENZO CLERICI, ALBA GALLIZIA, GIACOMO TUTUCCI, ARCHITETTI MILANO. FOTOGRAFIE DI STEFANO MARIGA.   DESCRIZIONE DEL PROGETTO (tratta dal servizio pubblicato sulla rivista di architettura, ACCIAIO ARTE ARCHITETTURA, www.acciaioartearchitettura.com) La logica orientale della sovrapposizione giustapposizionee abbinamento in discordanzadi elementi differenti e fortemente caratterizzatimuove il progetto architettonico di questafacciata.Come la linguistica semiotica...

    Project details
    • Year 2006
    • Work finished in 2006
    • Client MY SUSHI
    • Contractor EDILPIETRO S.R.L.
    • Status Completed works
    • Type Restaurants
    Archilovers On Instagram