CHIESA DELLA SANTA FAMIGLIA DI NAZARETH

Perugia / Italy / 1998

1
1 Love 693 Visits Published

 Opera inserita nel regesto del Ministero dei Beni Culturali dal 2018, considerata tra le più significanti della seconda metà del '900 realizzate in Umbria. Progetto risultato vincitore di concorso a livello nazionale bandito dalla CEI. Sia il progetto andato in concorso che la sua rivistazione, su sollecito della parrocchia,sono a firma dell'Arch. Roberto Gresleri sotto la comunque la costante guida dell'Arch. Glauco Gresleri nell'organizzazione dello spazio e le sue funzioni. Nel progetto rivisto e andato in esecuzione si distingue lo spazio liturgico: L’altare genera l’articolazione degli spazi e dei comportamenti. La sua positura verso valle è evidenziata in modo emblematico dall’ampia curvatura dell’andamento murario che, ricordando come genesi il fondale ad abside, amplia il senso dell’abbraccio a tutto lo spazio liturgico, generando così una situazione di energia espressiva che invade tutto l’ambito dell’interno. Domina su tutta la composizione l’idea dell’Altare-Cristo a mensa quadrangolare che non si costituisce a barriera tra officiante ed assemblea e che permette l’officiatura comunitaria sui tre lati. L’onda luminosa che cade a pioggia dal grande tiburio e che è proiettata verso l’altare della lama pensile che scende dall’alto come strumento appunto di luce, rende al luogo eminente dell’altare senso di maestà gioiosa. Il Fonte battesimale – Photisterion, come luogo della luce, a fianco della grande vetrata e sotto un lucernaio zenitale collocato sull’asse monte-valle dell’altare, si posiziona tangente al percorso d’ingresso, preceduto da un’area di raccolta e preparazione, dando così respiro e dimensione dignitosa alla celebrazione del battesimo nella sua forma più significativa dell’immersione in vasca.  I due poli eminenziali – altare e fonte – si trovano disposti sull’asse portante dello spazio liturgico comunicando senso d’ordine liturgico primario a tutto lo spazio. Il Luogo della parola, che si colloca nell’area stessa ed a livello dell’assemblea si relaziona con questa in modo diretto, rafforzato il rapporto dalla positura diagonale che accentua il senso di interagire con lo spazio generale in modo attivo e dinamico. La conservazione del Santissimo è collocata in una positura riconoscibile a dare risposta a chi entrando in chiesa ne cerchi con lo sguardo la presenza. L’evidenziazione e la definizione spaziale di un piccolo ambito rialzato, in cui sono collocate le panche per il momento dell’adorazione, risolvono così, pur nell’ambito del disegno unitario dello spazio, sia il senso della zona riservata, sia la situazione di visibilità dell’elemento Ciborio, e del momento gestuale della reposizione.

1 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

     Opera inserita nel regesto del Ministero dei Beni Culturali dal 2018, considerata tra le più significanti della seconda metà del '900 realizzate in Umbria. Progetto risultato vincitore di concorso a livello nazionale bandito dalla CEI. Sia il progetto andato in concorso che la sua rivistazione, su sollecito della parrocchia,sono a firma dell'Arch. Roberto Gresleri sotto la comunque la costante guida dell'Arch. Glauco Gresleri nell'organizzazione dello spazio e le sue...

    Project details
    • Year 1998
    • Work started in 2000
    • Status Completed works
    • Type Churches
    Archilovers On Instagram
    Lovers 1 users