ARCES GROTTAGLIE

Grottaglie / Italy / 2017

1
1 Love 811 Visits Published

Le soluzioni stilistiche e architettoniche progettate dall’interior designer Ketty Salfa per la villa privata ubicata a Grottaglie, in provincia di Taranto, sono state profondamente influenzate dall’arte delle ceramiche, simbolo emblematico di questa particolare zona della Puglia.
L’effetto sorpresa è il leitmotiv dell’intero progetto: porte a scomparsa, armadi raso muro, mobili che celano passaggi nei locali di servizio, sono solo alcuni espedienti utilizzati per creare un divertente incrocio di stanze che s’intersecano come scatole cinesi. L’obiettivo del progetto è stato di creare un ambiente animato e dinamico, offrendo ad ogni singolo spazio abitativo una particolare espressione. L’edifico si articolata su quattro livelli, per un totale di 450 mq di copertura; si tratta di una struttura contemporanea, confortevole ed efficiente ispirata ai criteri del benessere psicofisico. Ogni piano e ogni angolo della casa ha una storia diversa da raccontare grazie a sapienti contrasti materici e cromatici: la leggerezza del vetro è accostata alla durezza della pietra, il caldo legno sposa il freddo alluminio, i toni caldi si accostano a quelli freddi, generando un perfetto equilibrio di convivenza secondo i principi dello yin e yang.


Il centro di gravità della casa è il living, situato al livello zero; il gioco delle simmetrie dà vita ad uno spazio aperto in cui l’utilizzo di una quinta muraria permette di accedere in modo discreto alla zona cucina.
Gli ambienti della zona notte posti al piano primo sono dei micro nuclei che garantiscono agli abitanti della casa una totale autonomia essendo dotati ognuno di bagno, cabina armadio e balcone.
Nel piano seminterrato è collocata la tavernetta, il cui spazio è stato ridisegnato con un nuovo codice stilistico pur conservando il fascino della tradizione pugliese e grottagliese, che prevede le volte in pietra di Trani.


Per l’intero edificio sono stati scelti i serramenti della linea Minimal Wood di De Carlo in legno di pino lamellare (finitura interna in bianco laccato e finitura esterna in nero intenso), con sistema di apertura ad anta a ribalta e cerniere a scomparsa. Grazie all’ampia superficie vetrata di cui sono caratterizzate le due linee di porte finestre è stato possibile fondere indoor e outdoor creando una contaminazione continua tra dentro e fuori. Con il loro basso impatto visivo – pur garantendo alti standard in termini di efficienza acustica e termica – hanno fatto da cornice a squarci prospettici opportunamente pensati.
Particolare, inoltre, il disegno personalizzato dall’architetto Ketty Salfa per i frangisole in legno di Accoya® (nella versione scorrevoli a libro e scorrevoli a mantovana); questi particolati serramenti rispondono da una parte a una necessità di decorazione del prospetto e dall’altra a un bisogno funzionale, in quanto garantiscono la privacy anche quando gli infissi sono aperti per far circolare l’aria all’interno dell’abitazione.


La scelta dell’Accoya®, un legno dalle alte prestazioni, risponde alla necessità di progettare un serramento da esterno sottoposto per lungo periodo ad agenti atmosferici. Il legno di Accoya®, infatti, è caratterizzato da una eccezionale durata e stabilità dimensionale rispetto ad altri legni, frutto di una tecnica di modificazione del legno – l’acetilazione – consolidata da lungo tempo e ampiamente dimostrata e di una tecnologia brevettata all’avanguardia. Ciò significa che le finestre non si gonfiano se chiuse, che le porte si aprono sempre agevolmente e che le persiane mantengono la loro originale bellezza. Il legno Accoya® può essere ricoperto con un rivestimento opaco, traslucido o trasparente e la sua minore necessità di manutenzione ne accresce l’efficacia.


Nel progetto, infine, un’attenzione particolare è stata riservata al giardino – progettato con diverse forme su vari livelli e arredato con piante autoctone – e alla luce, che ha giocato un ruolo da protagonista nella progettazione incorniciando ed enfatizzando forme e materiali. L’inserimento di una piscina, posizionata sotto quota, è un altro espediente che garantisce l’effetto sorpresa e garantisce la privacy.

1 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Le soluzioni stilistiche e architettoniche progettate dall’interior designer Ketty Salfa per la villa privata ubicata a Grottaglie, in provincia di Taranto, sono state profondamente influenzate dall’arte delle ceramiche, simbolo emblematico di questa particolare zona della Puglia.L’effetto sorpresa è il leitmotiv dell’intero progetto: porte a scomparsa, armadi raso muro, mobili che celano passaggi nei locali di servizio, sono solo alcuni espedienti utilizzati per...

    Project details
    • Year 2017
    • Work finished in 2017
    • Status Completed works
    • Type Apartments
    Archilovers On Instagram
    Lovers 1 users