Riqualificazione di piazzale Pablo - 1° classificato

Concorso ''Stanze Pubbliche all'Aperto'' Parma / Italy / 2009

6
6 Love 5,960 Visits Published
La proposta per la riqualificazione di piazzale Pablo può essere definito un progetto dei margini.

Nel disegno la piazza perde l’attuale perimetrazione protendendosi al contesto, preferendo l’assialità data dall’asse longitudinale della chiesa e da via Osacca. La scelta dell’assialità è da intendersi come rafforzamento del carattere del bordo rilevato sul sito, ovvero quello di una piazza che non è specchio della vita sociale degli edifici, ma è completamento delle funzioni di cui essi hanno bisogno per appartenere al corpo della città. Il progetto quindi non nega la presenza della viabilità perimetrale a piazzale Pablo, tutt’altro ne rafforza il ruolo di collegamento locale per la mobilità carrabile e di giusto filtro di accesso per la mobilità pedonale.

Sull’asse si agisce invece attivando una ‘propagazione’, partendo dalla chiesa e prolungandone il sagrato sino a viale Piacenza, che ne ha sempre negato la presenza. Presentandosi come una dilatazione spaziale nel fitto edificato, il disegno apre ad una trasversalità urbana nuova. Il sistema dinamico e veloce della mobilità urbana non locale di viale Piacenza è portato ad un rallentamento in corrispondenza di piazzale Pablo e quindi alla visione anche se in una percezione dinamica di una dimensione lenta, ‘umana’ e sociale della città: la sua piazza.

La direzionalità assiale data al sagrato, permette un trattamento laterale per fasce longitudinali. Vicino la chiesa si è scelto di conservare la natura di parco pubblico della città mentre muovendosi verso viale Piacenza, le fasce perdono la natura di parco e si trasformano in micro piazza minerali, proponendosi come parti catalizzatrici della vitalità dello spazio. Gli alberi che sono stati trattati come invarianti di questo progetto, definiscono anche la posizione delle nuove stanze della città, intese nel gesto creativo metaprogettuale un esperimento a metà tra un’istallazione dall’aspetto provvisorio e reversibile e tra un’architettura a zero cubatura.

Le stanze sono delimitazioni di pratiche spaziali non rigidamente definite, ma punti di accumulo delle stesse, liberamente distribuite nello spazio della piazza e particolarmente concentrate in questi recinti. Per mantenere la percezione visiva reciproca, la possibilità di traguardare per intero lo spazio, il trattamento delle superfici di chiusura di questi ambiti è volutamente diretto alla smaterializzazione dei piani verticali. I piani sono dati da elementi monodimensionali, le linee del cordame che si attorciglia intorno alla vegetazione e a dei sostegni appositamente posti, creando un affetto di trasparenza e al contempo la percezione di uno spazio interno, particolarmente evocativo.
6 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    La proposta per la riqualificazione di piazzale Pablo può essere definito un progetto dei margini.Nel disegno la piazza perde l’attuale perimetrazione protendendosi al contesto, preferendo l’assialità data dall’asse longitudinale della chiesa e da via Osacca. La scelta dell’assialità è da intendersi come rafforzamento del carattere del bordo rilevato sul sito, ovvero quello di una piazza che non è specchio della vita sociale degli edifici, ma è completamento delle funzioni di cui essi hanno...

    Project details
    • Year 2009
    • Client Comune di Parma
    • Status Competition works
    • Type Public Squares
    Archilovers On Instagram
    Lovers 6 users