concorso di progettazione AbitarECOstruire

progettazione di edilizia residenziale e sostenibile per cooperative di abitanti Tricase / Italy / 2009

1
1 Love 2,244 Visits Published
L’umanesimo ecologico a cui stiamo assistendo dovrebbe cogliere oggi l’occasione di istruire processi progettuali usando le antiche tecnologie, sedimentate a lungo nella storia dei popoli e dell’architettura, reinterpretate attraverso gli strumenti più avanzati.
La volontà di compiere un rimando alla tradizione architettonica locale, alla tipologia del “Caseddhu”, vuol dire per noi istituire un raccordo con il genius loci, attraverso la riconoscibilità del sito, delle identità culturali e dei valori propri delle espressioni architettoniche locali.
In questo tipo edilizio, originariamente casa dei contadini o ricovero per gli attrezzi, abbiamo intuito la possibilità di creare un riferimento progettuale per un nuovo modello residenziale adatto a cooperative di abitanti che, grazie alla semplicità della sua forma e struttura, alla reperibilità in sito dei materiali impiegati, al legame con la tradizione locale, sia in grado di rispondere sia al requisito della sostenibilità ambientale e del risparmio energetico che della qualità architettonica.
Reinterprentando con la bioedilizia e le nuove tecniche costruttive il tema del trullo, o “Caseddu”, siamo giunti a una soluzione progettuale suggestiva, in cui la struttura principale in blocchi di laterizio prodotti localmente viene avvolta da un muro di pietre, locali, inglobate in una rete metallica sui fronti nord, est ed ovest mentre a sud è stata inserita una serra bioclimatica come sistema soalre passivo per il controllo termico invernale (in estate le vetrate sono completamente removibili).
Appartamento tipo - composizione per 80 mq (estendibili a 95mq) : soggiorno, angolo cottura, 2 stanze da letto, 2 bagni, cantinola, posto macchina coperto a livello campagna, veranda.

Il progetto é interamente ispirato ai criteri dell'edilizia sostenibile e della bioarchittettura; le tematiche della sostenibilità sono affrontate anche dal punto di vista della dotazione impiantistica, prevedendo l'utilizzo di soluzioni tecnologicamente avanzate nei settori del riscaldamento, risparmio energetico e recupero dell'acqua.
A SUD:
giardino d’inverno per il guadagno termico, con struttura ventilata e schermabile, schermature solari esterne regolabili, ricovero invernale di piante da giardino che temono il freddo
A NORD:
bagni e stanze di servizio, muratura portante con alloggiamenti impianti
A OVEST:
- locale tecnico con impianto del soalre termico (serbatoio di accumulo e caldaia),
e stazione di pompaggio del sistema di recupero idrico
A EST:
- locale tecnico con impianto fotovoltaico che serve le tre utenze (contatori indipendenti)
- cassonetti per raccolta differenziata


1 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    L’umanesimo ecologico a cui stiamo assistendo dovrebbe cogliere oggi l’occasione di istruire processi progettuali usando le antiche tecnologie, sedimentate a lungo nella storia dei popoli e dell’architettura, reinterpretate attraverso gli strumenti più avanzati.La volontà di compiere un rimando alla tradizione architettonica locale, alla tipologia del “Caseddhu”, vuol dire per noi istituire un raccordo con il genius loci, attraverso la riconoscibilità del sito, delle identità culturali e dei...

    Project details
    • Year 2009
    • Status Competition works
    • Type Neighbourhoods/settlements/residential parcelling / Multi-purpose Cultural Centres / Libraries / Shopping Malls / Modular/Prefabricated housing
    Archilovers On Instagram
    Lovers 1 users