Carte GeoMorfologiche e Analisi di Stabilità dei Versanti in 2 sotto-bacini del Fiume Serchio

Carte GeoMorfologiche da Rilevamento e Analisi della Instabilità Potenziale dei Versanti con Overlay di Strati Informativi Tematici Vettoriali Sillico / Italy / 2000

2
2 Love 1,786 Visits Published

Nell'ambito del lavoro di redazione di due Tesi di Laurea in Scienze Geologiche dell'Università di Pisa dei Geologi David Pellegrini e Mario Giannoni, sono state informatizzate le mappe del Rilevamento Geomorfologico eseguito in SubBacini del Fiume Serchio ove sono presenti dissesti di varia natura: si tratta del bacino dell'affluente di Sx Torrente Sillico e dell'emibacino dx del Serchio da Camporgiano a Castelnuovo Garfagnana.


Dopo la prima fase di Rilevamento in campagna e tramite l'osservazione stereoscopica delle foto aeree disponibili, si è proceduto nell'informatizzazione in ambiente ArcView GIS 3 della mappa GeoMorfologica sulla base CTR 1:10.000 vettoriale disponibile con strati informativi poligonali (Litologia, Dissesti), lineari (faglie, contatti, ...) e puntuali (giaciture). 


Sono stati realizzati quindi i due SIT utili sia alla restituzione cartografica che all'interrogazione ed analisi spaziale dei dati rilevati. Particolare cura è stata posta nella creazione delle opportune e complesse simbologie geomorfologiche realizzando quelle non disponibili in ambiente ArcView 3, con procedure sviluppate ad hoc.


Nei 2 SIT sono stati importati altri strati informativi elaborati dalla CTR (es. DTM, Clivometria, Esposizione, ...) o raccolti da altre fonti come l'Uso del Suolo dal Corine Land Cover. Sono state analizzate la natura, la posizione e la distribuzione dei dissesti mettendoli in correlazione geografica con gli altri strati informativi poligonali vettoriali.


In questa fase sono stati elaborati anche altri dati poligonali per analizzare le correlazioni tra i dissesti ed elementi lineari come il reticolo idrografico e i displuvi. Sono state create con analisi GIS le mappe poligonali in classi delle distanze appunto dai displuvi e dagli impluvi. Da queste sono state realizzate con analisi spaziale le carte della Lunghezza e della Posizione Relativa dei Versanti.


L'analisi GeoStatistica della frequenza dei dissesti in correlazione geografica con i suelencati strati poligonali (Litologia, Clivometria, Esposizione, Lunghezza dei Versanti e Posizione Relativa sui Versanti) e lineari (orli di scarpata delle frane) è stata condotta con la Metodologia di Analisi delle Condizioni Uniche; questa, attraverso l'Overlay Topologico tra le mappe tematiche selezionate dà indicazione della frequenza e distribuzione dei dissesti in funzione dei parametri utilizzati.


Si sono ottenute quindi delle mappa delle Condizioni Uniche limitate alle aree dove sono presenti i dissesti con in tabella i valori delle classi dei fattori che possono avere influito nella loro attivazione e delle evidenze dei dissesti.


Intersecando ulteriormente le mappe ottenute, si è quindi derivata la Dendità del Dissesto in funzione dei valori dei fattori analizzati. Estendendo l'overlay delle mappe tematiche alle aree ove non sono presenti fenomeni franosi, si ottiene quindi la mappa di Propensione al Dissesto che valuta appunto la Stabilità Potenziale dei Versanti nelle aree dei due SubBacini.


Questa metodologia ha il vantaggio, rispetto ad altre analisi di overlay, di non richiedere l'assegnazione di un peso alle carte tematiche dei fattori di dissesto. Tuttavia molto lavoro è stato necessario nella definizione delle soglie delle classi per avere distribuzioni statistiche significative.


L'analisi condizionale delle UCU era stata già applicata in ambiente GIS (Proff. C. Bisci, V. Noti, ...) sempre usando l'approccio dell'overlay tra mappe raster; in questi progetti si è deciso di utilizzare il modello dati vettoriale, più laborioso, per evitare le tipiche scalettature dei pixel nei bordi poligonali e per avere in un'unica tabella tutti gli attributi delle classi dei fattori analizzati.

2 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Nell'ambito del lavoro di redazione di due Tesi di Laurea in Scienze Geologiche dell'Università di Pisa dei Geologi David Pellegrini e Mario Giannoni, sono state informatizzate le mappe del Rilevamento Geomorfologico eseguito in SubBacini del Fiume Serchio ove sono presenti dissesti di varia natura: si tratta del bacino dell'affluente di Sx Torrente Sillico e dell'emibacino dx del Serchio da Camporgiano a Castelnuovo Garfagnana. Dopo la prima fase di Rilevamento...

    Project details
    • Year 2000
    • Work started in 1999
    • Work finished in 2000
    • Client Università di Pisa Dipartimento di Scienze della Terra
    • Status Completed works
    Archilovers On Instagram
    Lovers 2 users