Centro Polisportivo a servizio della città – porto a Rosarno (Gioia Tauro)

Rosarno / Italy / 2012

0
0 Love 866 Visits Published

Il progetto architettonico 


L’idea progettuale di fondo nasce dal riconoscimento del valore paesaggistico del contesto rurale, con i suoi filari ordinati e caratterizzanti il paesaggio. L’idea è pertanto di realizzare un intervento di minimo impatto che conservi l’immagine del territorio agricolo, “sollevandolo” per inserirvi al di sotto le funzioni di progetto.


Il corpo di fabbrica progettato si configura come una “lingua di terra” soprelevata che copre una serie di ambienti dedicati alle diverse funzioni incardinate in un blocco servizi centrale compatto e con poche bucature, caratterizzato da un rivestimento continuo metallico (in alucobond). Questo corpo centrale, alto due piani, e che “fora” la copertura verde emergendone con un volume per le funzioni amministrative e di legame delle funzioni sportive con il parco, funge da nucleo funzionale.


A Nord ed a Sud di questo corpo si aprono le due grandi “aule” (strutturalmente indipendenti).


-          La prima (Nord) dedicata alle due piscine e caratterizzata da una grande struttura a portali in travi sagomate che garantiscono la luce di 24 metri necessaria ad ospitare le piscine con ampi margini utili per le attrezzature per gli esercizi e per il pre-riscaldamento, oltre alla fruizione in relax del bordo-vasca.


-          La seconda (Sud) si compone di una grande hall con il desk dell’accoglienza in immediata prossimità dell’ingresso principale. Questa Hall si configura come una grande piazza coperta polivalente, attrezzabile come area ricreativa in associazione con una cucina dimensionata per servire fino a sessanta coperti circa oppure, per particolari eventi con un’area per conferenze-incontri (etc…) fino ad una capienza di 100 posti. Le dimensioni della Hall-Piazza Coperta, le dotazioni antincendio e la collocazione delle uscite di emergenza consentono di svolgere in sicurezza anche le diverse attività in contemporanea, con l’opportuna collocazione di pannelli schermanti mobili da collocare a separazione delle diverse funzioni (dotazioni non incluse nell’offerta economica). Questo spazio viene arricchito architettonicamente da due grandi “masse” in dialogo reciproco: la prima a due livelli che costituisce il margine Ovest, l’altra “sospesa” è utile a conformare uno spazio di altezza contenuta che possa essere idoneo alla corretta rifrazione acustica per l’eventuale utilizzo per presentazioni, incontri, conferenze. I due volumi ospiteranno, il primo le cucine al piano terreno e magazzini ed ambienti tecnici (centrali termiche) al primo piano, in quota con gli emettitori delle due aulee principali; il secondo, “sospeso” ospiterà gli spogliatoi per i campi all’aperto e si colloca effettivamente alla quota di quest’ultimi, rilevata rispetto agli ambienti interni, su un terrapieno stabilizzato, realizzato con il volume terrigeno derivante dagli scavi necessari per la realizzazione della vasca e delle fondazioni.


Il progetto non trascura in oltre la tematica della visibilità dell’ambiente circostante dalla piscina che, con le sue pareti vetrate ed i lucernari si trova pienamente illuminata naturalmente ed immersa nel verde rurale su tutti i lati garantendo un ambiente particolarmente idoneo e rilassante, sia per l’esercizio sportivo che per la fruizione in relax del bordo-vasca. Per ottimizzare la fruizione del bordo vasca, si è indicata una specializzazione degli utilizzi:


- Le aree ad Ovest ed a Nord, la prima soleggiata nel pomeriggio, l’altra con luce diffusa, e più distanti dai percorsi di avvicinamento al fabbricato, saranno disposte con arredi per il relax.


- L’area Est, sottostante gli spalti, sarà invece dedicata al pre-riscaldamento prima dell’ingresso in vasca ed alle attività sportive collaterali gli esercizi in vasca. Costituendo, anche attraverso le attività che vi vengono svolte all’interno, un prospetto dinamico fortemente caratterizzante del complesso, infatti il percorso d’accesso alla struttura lambisce sul lato est la grande vetrata consentendo la visibilità, anche dall’esterno delle piscine, e dell’area destinata alle attività ginniche.


 


Le funzioni presenti nel complesso sportivo 


Il parco sportivo-naturalistico che conserva il carattere di campagna antropizzata con l’aranceto si integra con le attività del centro sportivo attraverso l’innervamento con percorsi ciclabili e pedonali attrezzati per attività ginniche all’aperto. Dal parco si può salire dolcemente sulla copertura attraverso un sistema di rampe che affiancano la sequenza dei campi sportivi all’aperto. Nei rilievi sono integrati gli spalti ed il rialzo in terrapieno costipato e stabilizzato è ottenuto dal terreno ricavato dallo scavo necessario per la realizzazione delle fondazioni e delle vasche.


La lingua di terra che si solleva dal terreno e che nella balsa più elevata assume la fisionomia della copertura verde del fabbricato ospita quindi i campi sportivi all’aperto, come richiesto dal “Capitolato Speciale d’Appalto” posto a base di gara:


Dalla copertura verde, che prolunga in continuità la sagoma del terrapieno al di sopra della Hall-Piazza Coperta e dell’aula delle piscine, svetta il blocco rivestito in pannelli metallici (alucobond) che costituisce ai due piani sottostanti il nucleo dei servizi e che in sommità ospita le funzioni direzionali con alcuni uffici ed un’amministrazione. A questo piano il corpo centrale si apre lasciando entrare il parco all’interno dell’architettura con un piazzale lastricato e pergolato utile per l’organizzazione di eventi o manifestazioni estive. Il corpo di fabbrica è sostanzialmente diviso in due ali, una per quattro piccoli uffici, l’altra per la direzione (dotata di un ingresso dalla segreteria ed uno indipendente). 


Il fabbricato sportivo, al di sotto della copertura verde è sviluppato su due piani: si accede dall’area amministrativa posta sulla copertura attraverso un corpo scala ad uso pubblico; un altro accesso (per i soli fruitori dei campi sportivi all’aperto) avviene direttamente alla quota del primo piano (complanare con il campo polivalente) negli spogliatoi dedicati ai quattro campi all’aperto. L’ingresso principale dal piano di campagna avviene nella grande Hall-Piazza Coperta in corrispondenza di un desk-reception. Lo spazio della Hall è caratterizzato da un volume articolato, con da ballatoi di passaggio al primo piano, lucernari ed il volume sospeso degli spogliatoi dedicati ai campi sportivi che definisce un’ampia porzione ad altezza ribassata, utile per il contenimento della rifrazione acustica in caso di utilizzo dello spazio per presentazioni, dibattiti od altro, come già descritto a monte. Sull’articolato spazio della piazza polivalente si affaccia la reception-accoglienza, una cucina idonea per un’attività ristorativa che possa disporre della Hall-Piazza Coperta per disporre i tavolini del servizio, eventualmente separati dalle altre attività da separè mobili (arredi non inclusi nell’offerta).


In immediata prossimità della reception si accede al blocco servizi che a questo piano ospita gli spogliatoi per le piscine divisi in due ambienti per adulti (uomini e donne) e due per bambini, per una affluenza totale di circa 200 perone contemporanee.


Il blocco servizi si eleva per due piani con due corpi scala con ascensore separati: il primo ad uso pubblico che arriva in copertura all’area dell’amministrazione, l’altro ad uso riservato per gli atleti che consente l’accesso alla palestra posta al primo piano dello stesso volume. La palestra, dotata di spazi idonei per le attrezzature fisse, le macchine ed un area tatami (arredi non inclusi nell’offerta) ha una superficie complessiva di 234 mq idonea ad ospitare circa sessanta atleti. La palestra ha affacci in quota sull’aula delle piscine e verso l’esterno per rendere più piacevole l’espletamento delle attività ginniche. Gli spogliatoi della palestra sono al piano ed anche in questo caso divisi per sessi in modo da non dover imporre giornate alterne di frequenza.


Sempre al primo piano, attraversando un ballatoio in affaccio sulla Hall di ingresso si accede al corpo “sospeso” degli spogliatoi a servizio dei campi all’aperto. Collegato in quota con questi.


I visitatori (pubblico) possono accedere anch’essi al secondo piano e percorrere il connettivo principale sul fronte est, dotato di un salottino d’attesa e di un’affaccio sulla palestra utile per poter mostrare la struttura agli interessati prima dell’iscrizione. Il percorso per i visitatori/pubblico termina in uno spalto affacciato sull’aula delle piscine a quattro file di sedute degradanti, anch’esso attrezzato con stalli per il pubblico diversamente abile.


In tutte le aree di servizio (Piscine Adulti, Piscine Bambini, Campi Sportivi all’Aperto, Palestra), sono previsti spogliatoi separati per gli istruttori; e tutti gli spogliatoi (sia per gli atleti che per gli istruttori) e tutti gli spazi connettivi come gli spazi di percorrenza e le aree di sosta e di pratica delle attività sono a norma per l’utenza diversamente abile; in ambedue le piscine (anche in quella alta), ad esempio, è prevista l’installazione di una pedana oleodinamica per consentire l’agevole discesa in acqua dell’atleta diversamente abile. 


Argomento a parte è l’organizzazione del piano interrato, presente soltanto nell’area delle piscine (corpo con struttura indipendente) e che avrà funzioni di servizio alla funzionalità delle stesse piscine. Per agevolare le funzioni di carico/scarico, quest’area avrà accesso carrabile indipendente tramite una rampa che corre lungo il prospetto Ovest. Il perimetro vasca, completamente ispezionabile (e carrabile) con altezza di 2,50 metri, ospiterà i locali per le vasche di compenso (dedicate ed idoneamente dimensionate in funzione delle due vasche balneabili, e collocate tra le du) ed i locali di filtraggio – pompaggio nonché, in zona opportunamente filtrata i depositi per le sostanze chimiche.

0 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Il progetto architettonico  L’idea progettuale di fondo nasce dal riconoscimento del valore paesaggistico del contesto rurale, con i suoi filari ordinati e caratterizzanti il paesaggio. L’idea è pertanto di realizzare un intervento di minimo impatto che conservi l’immagine del territorio agricolo, “sollevandolo” per inserirvi al di sotto le funzioni di progetto. Il corpo di fabbrica progettato si configura come una “lingua di terra”...

    Project details
    • Year 2012
    • Main structure Reinforced concrete
    • Client Comune di Rosarno
    • Contractor Cobar S.p.A.
    • Cost 5.114.000,00 €
    • Status Unrealised proposals
    • Type Parks, Public Gardens / Office Buildings / Sports Centres / Swimming Pools / Fitness Centres / Sports Facilities / Bars/Cafés
    Archilovers On Instagram