Concorso Internazionale 'Piazza Della Scala'

Milan / Italy / 2015

1
1 Love 802 Visits Published

Il progetto intende realizzare uno spazio che aggiunga valori alla situazione esistente.


In particolare si sono individuati tre aspetti focalizzanti.


 


1 - "Legare" la Piazza all'edificio del Teatro Alla Scala.


Sulla Piazza insistono altri importanti edifici cittadini, ma lo spazio nasce storicamente per creare una piazza adeguata di fronte al Teatro Alla Scala.


Attraverso il disegno della nuova Piazza si vuole sottolineare il legame del Teatro con la stessa.


La geometria dello spazio ha origine prolungando all'interno dell’attuale piazza le linee della cortina che definisce il lotto dell'edificio della Scala.


Queste linee principali generano un prolungamento virtuale del lotto che si nota a livello urbano dando un segno di forza e di legame per contrastare la forte presenza della linea tramviaria che rimane nella sede attuale.


A rafforzare questo concetto tutta l’area viene portata alla attuale quota della piazza annullando la differenza di livelli con i tratti carrabili, che a loro volta diventano percorsi a traffico e velocità limitata interni ad un area completamente pedonale.


All’interno del disegno centrale generato dal lotto della Scala, sono disposti gli arredi e la pavimentazione nobile.


La pavimentazione dell’intera area è prevista in lastre di granito in tre tonalità differenti. Griglio chiaro verso gli edifici, per riallacciarsi agli interventi già realizzati (vedi Piazza San Fedele), grigio scuro e bianco all’interno del disegno centrale, in modo da evidenziare ancora di più la geometria del disegno.


Il disegno della pavimentazione all'interno di questo spazio rimanda allo spartito musicale, così come la disposizione e la forma degli elementi che costituiscono l'arredo della piazza ricordano la presenza delle note musicali sullo spartito.


 


2 - Garantire la visione libera e priva di ostacoli sui principali assi visivi.


Il percorso più frequentato sulla Piazza e quello che va, nei due sensi di percorrenza, dalla Galleria Vittorio Emanuele alla Via Verdi.


Principalmente dai turisti che uscendo dalla Galleria si avvicinano alla Scala, per poi dirigersi verso Brera.


Lo stesso nel senso contrario.


Lungo questo percorso ci sono ostacoli rispetto ai coni visivi principali:


- chi esce dalla Galleria non riesce ad avere una visione completa della facciata della Scala (ci sono gli alberi che adesso circondano la statua di Leonardo da Vinci).


- chi arriva da Via Verdi ha la visione verso l’arcata d’ingresso della Galleria parzialmente coperta dalla presenza degli stessi alberi.


Nel disegno dello spazio quindi si è voluto ragionale su un progetto il più possibile ‘bidimensionale’, tenendo conto di questi coni ottici in maniera di mantenerli liberi alla vista e garantire una visione più completa dello spazio.


La percezione libera di questi elementi “misura” lo spazio e lo completa.


Uniche ‘verticali’ sono rappresentate dagli elementi naturali, la fontana e il bosco urbano, entrambi integrati in questo sistema di dischi, che diventano piccole oasi di sedute. Si aggiunge che sono state poste fuori dai coni visivi rilevanti e nella unica zona della Piazza che risulta soleggiata durante tutti i periodi dell'anno.


 


3 - Maggiore relazione tra gli eventi in corso nel teatro e lo spazio stesso.


Un altro obiettivo è quello di rendere "vivo" sulla piazza quello che accade all'interno della Scala rendendo l'utente maggiormente partecipe del legame con l'edificio.


Si è pensato di farlo attraverso il sistema d’illuminazione.


La piazza, infatti, prevede una griglia regolare di led RGB (incasso a pavimento).


La regolazione dell’intensità e del colore della luce di questo reticolo di Led garantisce una illuminazione gradevole nelle ore serali/notturne, con un colore bianco di intensità variabile con il variare della luce naturale.


Questa griglia di Led diventa anche il mezzo con il quale la Scala comunica con l’ambiente esterno.


Prima di ogni evento l’illuminazione dei led può diventare, per esempio, rossa e così come un ‘red carpet’, accompagnare la gente al Teatro.


Appena l’evento ha inizio (opera o concerto) il segnale sonoro proveniente dal palcoscenico della scala viene processato e inviato tramite software al sistema di Led che si accenderanno in maniera ritmica seguendo il suono, secondo schemi multiformi, colorati, o di intensità variabile a seconda del tipo di spettacolo.


Si vuol introdurre l’idea di uno spettacolo musicale ‘visivo’ oltre che sonoro.

1 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Il progetto intende realizzare uno spazio che aggiunga valori alla situazione esistente. In particolare si sono individuati tre aspetti focalizzanti.   1 - "Legare" la Piazza all'edificio del Teatro Alla Scala. Sulla Piazza insistono altri importanti edifici cittadini, ma lo spazio nasce storicamente per creare una piazza adeguata di fronte al Teatro Alla Scala. Attraverso il disegno della nuova Piazza si vuole sottolineare il legame del Teatro con la stessa. La geometria dello...

    Project details
    • Year 2015
    • Status Competition works
    • Type Public Squares / Urban Furniture / Restoration of old town centres / Lighting Design / Urban Renewal
    Archilovers On Instagram
    Lovers 1 users