Recupero urbanistico di Piazza del Mercato Centrale

Concorso di idee Latiano / Italy / 2004

0
0 Love 1,133 Visits Published
Il progetto prevede una generale valorizzazione dell’invaso urbano esistente, con soluzioni attente a non creare una ulteriore polarità alternativa a quelle del vicino Centro Storico.
Il fabbricato esistente dell’ex Cinema Tanzarella, ristrutturato su due livelli, ospita al livello superiore una sala polifunzionale/auditorium, attrezzata con uffici direzionali, spazi di servizio, ed ampi spazi pubblici di supporto. Tale struttura, progettata per essere molto flessibile, si rivolge per esempio ad associazioni che coltivino e divulghino la passione per la musica che ne farebbero quindi un uso non saltuario integrando le rappresentazioni con le attività quotidiane di studio.
Al piano inferiore dello stesso fabbricato, a livello strada, trova posto un ampio parcheggio dotato di un sistema passante ingresso/uscita posto sui due fronti contrapposti. Il progetto quindi esclude qualsiasi realizzazione interrata che porterebbe inevitabilmente ad un lievitare dei costi, e risolve il sistema-parcheggi semplicemente con la realizzazione di un impalcato intermedio sostenuto da pilastri.
L’accesso alla struttura polifunzionale è posto su di un ampio piazzale, aperto ed accessibile sia da Via Cavour che da Via D’Ippolito tramite un sistema articolato di scalinate e rampe il cui disegno concilia funzionalità ed effetti scultorei integrandosi con i nuovi corpi di fabbrica. La rampa, in particolare, è immaginata come una passeggiata attrezzata con verde ed alberature. La scalinata di collegamento con la piazza al livello inferiore ha caratteristiche tali da permettere la sosta e la seduta, rivolgendosi verso il proscenio rappresentato dalla piazza stessa, luogo urbano di riferimento e di identificazione.
Lo spazio della piazza è completato da un edificio di servizi, su due livelli. Un bar/caffetteria si affaccia sulla piazza con tavolini e sedute e, tramite la sua doppia altezza, si apre sul piazzale della struttura pubblica al livello superiore, integrandosi con la funzionalità degli spazi pubblici. Negozi commerciali mostrano le proprie vetrine sotto un portico schermato dalla attigua Via Cavour da un muro-scultura, variamente attraversato da bucature di forme diverse, e protetto dalle acque meteoriche da una falda trasparente.

Le strategie eco-compatibili

Progettare edifici eco-compatibili significa progettare ecologicamente. L’edificio ecologico è un manufatto edilizio di qualità, che non risparmia sui materiali ma, in compenso, la sua qualità dura nel tempo, con costi di gestione e di manutenzione molto ridotti.
L'edificio si adatta alle caratteristiche dell'ambiente circostante per ottenere il maggior vantaggio dal punto di vista termico e luminoso, e sfrutta lo stesso "intorno" per migliorare le proprie condizioni di comfort, e a questo si aggiunge l’uso razionale dell’energia e delle risorse naturali.
Tali obiettivi sono raggiunti nel progetto grazie alle seguenti strategie: orientamento dell’edificio, utilizzo del fotovoltaico, raccolta delle acque meteoriche, e utilizzo del verde.

Orientamento dell’edificio.
Nel progetto gli spazi ad uso pubblico (la piazza) sono orientati verso Sud per assicurare in inverno un adeguato soleggiamento e in estate adeguate zone d’ombra grazie al contributo delle alberature. Le ampie alberature della piazza, completate dal raddoppio delle alberature esistenti nel tratto stradale prospiciente, si prevedono del tipo caducifoglie (in particolare Tilia Cordata) garantendo ombreggiatura e soleggiamento e concorrendo alla qualità ambientale.

L’utilizzo del fotovoltaico.
Nel prospetto Sud del progetto, è prevista una parete fotovoltaica, sistema che oltre a contribuire al fabbisogno energetico, assolve il compito di chiusura verticale.
Il sistema previsto è grid connected, cioè collegato in rete , questo non prevede sistemi di accumulo, in quanto l'energia prodotta durante le ore di insolazione viene immessa nella rete; viceversa, nelle ore notturne il carico locale viene alimentato dalla rete.

La raccolta delle acque meteoriche.
Nel vano dei servizi al piano terra, è previsto il convogliamento delle acque meteoriche. L’utilizzo delle acque meteoriche permette un risparmio delle risorse naturali, sfruttando tale raccolta per l’irrigazione degli spazi a verde e per alimentare i servizi igienici della zona negozi – caffetteria e della sala polifunzionale.

L’utilizzo del verde.
L'adozione di apparati vegetali risponde alle esigenze di schermare, ombreggiare, proteggere e in generale di assicurare una sistemazione paesaggistica - ambientale adeguata all'area nella quale insiste e inoltre garantisce: una buona resistenza dell'essenza ai fattori inquinanti causati dai gas di scarico, ridotte esigenze di cura e manutenzione, assenza di produzioni viscose ed imbrattanti e ridotta perdita stagionale di fogliame che potrebbe intasare i sistemi d’allontanamento e smaltimento delle acque meteoriche.

La copertura a verde.
Il verde sul tetto oltre ad apportare benefici al microclima della zona in cui viene installato, migliora l'estetica e la qualità abitativa del singolo fabbricato e del quartiere in cui è ubicato. La sua realizzazione giova anche alle strutture di copertura, rallentando il loro invecchiamento e migliorandone le capacità termiche.
Il tetto verde è previsto sulla copertura della zona negozi-caffetteria è sarà di tipologia estensiva.
0 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Il progetto prevede una generale valorizzazione dell’invaso urbano esistente, con soluzioni attente a non creare una ulteriore polarità alternativa a quelle del vicino Centro Storico. Il fabbricato esistente dell’ex Cinema Tanzarella, ristrutturato su due livelli, ospita al livello superiore una sala polifunzionale/auditorium, attrezzata con uffici direzionali, spazi di servizio, ed ampi spazi pubblici di supporto. Tale struttura, progettata per essere molto flessibile, si rivolge per esempio...

    Project details
    • Year 2004
    • Work started in 2004
    • Work finished in 2004
    • Status Competition works
    • Type Multi-purpose Cultural Centres / Concert Halls / Bars/Cafés
    Archilovers On Instagram