Toftegårds Plads, Copenhagen

arch. Nicola Pisani (capogruppo),arch. Beatrice Del Vigo, arch. Caterina Riccioni, arch. Elena Traverso Copenhagen / Denmark / 2008

0
0 Love 2,485 Visits Published
Il progetto vuole riconsegnare al quartiere di Toftegårds una centralità in grado di qualificarlo e restituirgli identità accogliendo al suo interno funzioni di interesse pubblico oggi scadenti e diversamente dislocate. Alla base del progetto vi è stato il rifiuto di ricorrere ad un edificio “simbolo” di grande impatto visivo e volumetrico che a nostro avviso avrebbe corso il rischio di inserirsi in modo troppo episodico nel tessuto del quartiere, sia da un punto di vista urbanistico che da quello della percezone ed interazione con gli abitanti del quartiere. La sfida che il progetto pone è quella di poter sviluppare le volumetrie necessarie ad ospitare le funzioni richieste, senza sottrarre spazio pubblico per il quartiere, occupandosi piuttosto di darne una definizione e vocazione nuova, quella appunto di assurgere al ruolo di centralità qualificata di Toftegårds.

Il progetto propone lo sdoppiamento della piazza Toftegårds in una nuova di superficie, caratterizzata dalla presenza di ampi superfici calpestabili verdi, capaci di ospitare le attività all’aperto del quartiere, ed una coperta, parzialmente ipogea, che alerna spazi liberi e flessibili a spazi ben definiti ed attrezzati per le attività legate alla musica, all’arte e alla lettura. La volumetria in parte ipogea non sottrae spazio pubblico, ma bensì lo sagoma difendendolo dalle arterie ad alto scorrimento da un lato ed aprendolo al quartiere dall’altro. L’architettura infine si maschera ma non vuole nascondersi mettendo in scena il gioco dei tagli di luce la notte, delle aperture e dei volumi che si innalzano sullo spazio pubblico sagomandolo e creando le ambientazioni per musica, spettacoli e giochi.

0 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Il progetto vuole riconsegnare al quartiere di Toftegårds una centralità in grado di qualificarlo e restituirgli identità accogliendo al suo interno funzioni di interesse pubblico oggi scadenti e diversamente dislocate. Alla base del progetto vi è stato il rifiuto di ricorrere ad un edificio “simbolo” di grande impatto visivo e volumetrico che a nostro avviso avrebbe corso il rischio di inserirsi in modo troppo episodico nel tessuto del quartiere, sia da un punto di vista urbanistico che da...

    Project details
    • Year 2008
    • Client Arkitektforeningen Copenhagen
    • Status Competition works
    • Type Parks, Public Gardens / Public Squares / Urban Furniture / multi-purpose civic centres / Multi-purpose Cultural Centres / Leisure Centres / Urban Renewal
    Archilovers On Instagram