Un ufficio che fa bene all’ambiente in San Salvario

Vincitore ''Architetture Rivelate'' 2008 Turin / Italy / 2007

2
2 Love 3,154 Visits Published
Per la sua nuova sede Avventura Urbana ha recuperato un ex opificio nel cuore di San Salvario, quartiere storico e centro della Torino multietnica, contribuendo alla riqualificazione della zona attraverso il coinvolgimento dei vicini e degli artigiani locali e promuovendo la sostenibilità ambientale attraverso un'attenta progettazione bioclimatica.

Alto isolamento e inerzia termica dell’involucro, coperture verdi, controllo degli apporti solari estivi, utilizzo della ventilazione e dell’illuminazione naturale, impianto di riscaldamento a pannelli radianti con palchetto ligneo posato a secco su sabbia sono le principali strategie che hanno consentito di totalizzare 39 punti sui 50 massimi previsti dal nuovo "Allegato Energetico" al regolamento edilizio di Torino, di cui questo intervento ha costituito il primo test sul campo.

Una nuova casa/ufficio che ci assomiglia
Avventura Urbana è Isabelle Toussaint, Iolanda Romano, Andrea Pillon, Matteo Robiglio, con Roberta Minola e Monica Mazzucco.

Con chi l’abbiamo progettata
Cinzia Maga e Carlo Micono (sostenibilità ambientale), Equars (rete wireless), DMD (impianto elettrico), Sefit (strutture), Marco Ostini (light design), Davide Mazzucco e Bruno Griseri (informatica), Ariana Astolfi e Alessia Griginis / Onleco (acustica).


con chi l’abbiamo realizzata

Omniservice (opere edili, impianti e finiture interne), Tolin (parquet su sabbia), Coriver (tetto verde)

Il primo allegato energetico di Torino:
Con una superficie di 300mq, è il primo edificio che segue le indicazioni dell’Allegato energetico-ambientale al Regolamento Edilizio di Torino. Questo edificio consuma circa un quarto dell'energia che consuma normalmente un edificio per uffici in Italia. Emette meno di 5 kg/mq all'anno di CO2, circa il 20% in meno rispetto ad un edificio tradizionale.

Si scalda con poco:
il suo fabbisogno di calore per il riscaldamento, pari a 26 kWh/mq anno, a Bolzano sarebbe un “Casaclima classeA”. D'inverno la caldaia a condensazione riduce del 30% il consumo di metano e il pavimento radiante garantisce ottime condizioni di comfort termico.

Si raffresca da sola:
d'estate invece dell'aria condizionata usa la ventilazione naturale, il night cooling, l'inerzia termica. Le schermature in facciata ci permettono di controllare il carico termico solare.
Non ha bisogno di accendere sempre la luce:
le aperture sono studiate per utilizzare al meglio la luce naturale: il fattore medio di luce diurna è superiore al 3,5% e l'uniformità di illuminamento maggiore di 0,8. Ciò consente di avere elevate condizioni di comfort visivo in ambiente senza bisogno di accendere la luce. Quando bisogna accenderla, le lampadine impiegate sono in gran parte a basso consumo.

Usa risorse rinnovabili:
l'energia elettrica fornita da La220 (una nuova azienda energetica che fornisce elettricità con precisi standard di rispetto del consumatore e dell'ambiente) proviene esclusivamente da fonti rinnovabili.
Il legno impiegato per il pavimento proviene al 100% da boschi a taglio controllato.

Il progetto ha ottenuto un finanziamento “Decreto Bersani” DM 267/04 per “Interventi nelle aree urbane degradate”. Per le sue caratteristiche il progetto è stato finanziato da Banca Popolare Etica.
2 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Per la sua nuova sede Avventura Urbana ha recuperato un ex opificio nel cuore di San Salvario, quartiere storico e centro della Torino multietnica, contribuendo alla riqualificazione della zona attraverso il coinvolgimento dei vicini e degli artigiani locali e promuovendo la sostenibilità ambientale attraverso un'attenta progettazione bioclimatica. Alto isolamento e inerzia termica dell’involucro, coperture verdi, controllo degli apporti solari estivi, utilizzo della ventilazione e...

    Archilovers On Instagram
    Lovers 2 users