BabyLife

Vincitore del concorso di progettazione per un asilo nido pubblico a CityLife Milan / Italy / 2018

25
25 Love 6,965 Visits Published

SUMMARY


L’asilo nido BabyLife, che sorge nella neonata via Demetrios Stratos a CityLife a Milano, è un nuovo esempio innovativo di architettura sostenibile per l’infanzia.


Alla base dell’ambizioso progetto, infatti, c’è la volontà di costruire un luogo in grado di offrire una qualità di vita e di relazione superiore e che promuova un modo di vivere più attento alle risorse e alle necessità dell’ambiente.


Due gli obiettivi dell’idea progettuale: da un lato, combinare efficacemente architettura e pedagogia, così da realizzare un ambiente di supporto ai processi cognitivi e di crescita dei bambini, e dall’altro lato, scegliere una progettazione che segua i principi della bio-architettura determinati dal protocollo LEED, attenta alla relazione con il contesto climatico, alla salubrità ambientale e alle energie rinnovabili.


LA STRUTTURA


Per questo motivo i 1.000 mq della superficie dell’asilo sono inseriti all’interno di circa 3.000 mq di giardino protetto ospitati, in maniera funzionale e integrata, all’interno grande parco urbano di CityLife, di 173.000 mq complessivi.


Invece che optare per un volume unitario distaccato dal contesto, l’architettura dell’asilo si fonde con quest’ultimo grazie a una frammentazione dell’edificio in tante piccole casette che entrano in relazione sinergica con il verde.


I volumi si dispongono in maniera irregolare attorno agli alberi mantenendo un link centrale grazie al patio che avvolge e collega le casette creando la forma di Baby-life.


Lo sviluppo centripeto permette inoltre la massima flessibilità: non solo tutte le funzioni possono essere scambiate e modificate ma addirittura ampliate senza stravolgimenti. 


IL PROGETTO


Il progetto dell’asilo basato sull’edilizia sostenibile è il risultato del concorso indetto nel 2014 rivolto a giovani architetti under 35 ideato e promosso da CityLife in collaborazione con Federabitazione Lombardia - Confcooperative e AAA architetticercasi™. L’obiettivo di CityLife, in accordo con il Comune di Milano, è stato quello di realizzare un asilo pubblico in linea con le più recenti politiche scolastiche della Città volte a costituire strutture sempre più sostenibili e a basso impatto ambientale.


I lavori dell’asilo nido CityLife, realizzati da ITI Impresa Generale S.p.A. e Damiani-Holz&Ko S.p.A. (in seguito a una gara di evidenza pubblica) sono terminati ad aprile 2018 con un investimento di 3,5 milioni di euro.


LA SOSTENIBILITÀ


Il progetto segue le regole del Protocollo LEED Italia che permette di valutare la sostenibilità di un edificio in fase di progetto e costruzione, misurandone la prestazione rispetto a determinati criteri di valutazione. Le scelte di progettazione dell’asilo, tra cui i materiali e l’uso di energie rinnovabili, hanno come obiettivo il raggiungimento del massimo livello di certificazione, la certificazione LEED Platino.


In particolare, è stata posta attenzione alla ricerca del miglior rapporto con la posizione e il clima locale, all’orientamento dell’edificio, al risparmio energetico, al contenimento dei consumi energetici attraverso l’utilizzo di tecnologie solari, al contenimento dei consumi d’acqua grazie all’utilizzo di sistemi di recupero e valorizzazione delle acque meteoriche e di scarico, all’ottimizzazione degli impianti di produzione del calore, ai sistemi di coibentazione degli edifici, all’illuminazione e alla climatizzazione naturale, e infine all’introduzione di sistemi trasparenti di controllo quali la certificazione dei materiali utilizzati.


L'ottimizzazione e l'uso corretto dell'illuminazione naturale, assicurano le condizioni ambientali di benessere visivo degli spazi chiusi, riducendo, quando possibile, il ricorso a fonti di illuminazione artificiale.


Luci, colori, materiali e finiture esaltano la polisensorialità dell’ambiente per generare uno spazio ricco ed articolato, adatto alle esplorazioni cognitive dei bambini. 


MATERIALI ECONOMICI E SOSTENIBILI


Anche sul fronte dei materiali, la ricerca si è orientata verso una scelta ecologica e sostenibile, dando comunque rilievo a soluzioni architettoniche di facile gestione e manutenzione del corpo edilizio.


In particolare, per la struttura verticale e orizzontale dell’edificio, si prevede l’utilizzo di pannelli di legno tipo x-lam, sistema innovativo che presenta vantaggi sotto molteplici aspetti tra cui quello dell’efficienza termica: il legno ha infatti un valore di coibentazione di molto superiore a quella di altri materiali, consentendo di ridurre in modo significativo le dimensioni delle pareti a parità di prestazione richiesta. A tutela del patrimonio forestale vengono utilizzati solo ed esclusivamente legno e prodotti in legno FSC e PEFC. 


Per il rivestimento esterno della parete ventilata sono stati scelti due materiali differenti per garantire la varietà architettonica: pannelli composito in alluminio per le pareti bianche e rivestimento in listoni di ecolegno per le pareti tinte color legno.


Per l’isolamento di pareti, coperture e pavimento vengono usati diversi tipi di coibenti. In primis per le pareti un doppio strato di pannelli extra-porosi in lana di legno. Per coibentare il pavimento verrà invece utilizzato un isolante a base polimerica eco-compatibile, per una maggiore durabilità. Infine, per le coperture si prevede l’uso di un pannello sandwich costituito da un componente isolante espansa senza l’impiego di CFC o HCFC, rivestito su una faccia da velo vetro mineralizzato e sull’altra da un velo vetro addizionato da fibre minerali. Questo pannello ha il vantaggio di avere una grande coibenza anche a spessori ridotti, oltre ad un’alta resistenza al fuoco.


I materiali interni rispecchiano la necessità di comfort e funzionalità dell’asilo. Il rivestimento principale di pavimenti, pareti e soffitti all’interno delle tre diverse sezioni è il legno. Per una maggior resistenza all’usura e per facilità di manutenzione, le pavimentazioni di queste aree saranno però in un materiale vinilico eterogeneo visivamente simile al legno, assemblabile senza uso di colle.


Nell’atrio invece verrà posata una pavimentazione vinilica con effetto di resina chiara per rendere lo spazio più etereo unitamente al controsoffitto piano bianco illuminato attraverso luci scenografiche. Le pavimentazioni dei bagni, dei vari laboratori e dei servizi sono funzionali alle attività in essi svolte, dunque richiedendo maggiore resistenza si è optato per materiali ceramici. Per tutti gli arredi è stata data grande importanza alla sicurezza dei materiali per il bambino e alla stimolazione sensoriale: sono state individuate alcune aziende che producono arredi adatti e certificati per la prima infanzia, realizzati con materiali espansi ed ignifughi e rivestiti con tessuti sintetici ecologici conformi alla normativa Oeko-tex standard 100 (prodotti a diretto contatto con la pelle), attenti a un processo produttivo non inquinante. Gli arredi pensati per il gioco dei bambini sono costituiti di materiale morbido, soffice e deformabile, quindi in grado di proteggere da colpi accidentali e cadute; l’introduzione di elementi morbidi al posto di arredi tradizionalmente duri aumenta il livello di sicurezza dell’ambiente contro gli infortuni.

25 users love this project
Comments
View previous comments
    comment
    Enlarge image

    SUMMARY L’asilo nido BabyLife, che sorge nella neonata via Demetrios Stratos a CityLife a Milano, è un nuovo esempio innovativo di architettura sostenibile per l’infanzia. Alla base dell’ambizioso progetto, infatti, c’è la volontà di costruire un luogo in grado di offrire una qualità di vita e di relazione superiore e che promuova un modo di vivere più attento alle risorse e alle necessità dell’ambiente. Due gli...

    Project details
    • Year 2018
    • Work finished in 2018
    • Client CityLife con il Comune di Milano
    • Status Completed works
    • Type Kindergartens
    Archilovers On Instagram
    Lovers 25 users