Georgian Choreographic Centre

Tbilisi / Georgia / 2006

4
4 Love 2,369 Visits Published
La danza, l'eccezionalità del sito e il pendio a sud della collina verso il fiume sono stati i concetti chiave alla base del progetto.
Visto dal ponte ad ovest e dal fiume ad est il centro coreografico è caratterizzato dall'ansa del fiume, dalla chiusa del canale e dalla centrale elettrica in posizione più elevata.
La “casa” è l'icona del Centro e al tempo stesso si confronta con la curvatura del fiume e il pendio del terreno.
Il concetto è quello di una vigna a terrazzamenti che si eleva dal terreno e si trasforma in una costruzione, “tematizzando” così il fianco della collina in due sensi.
Un tema segue il pendio terrazzando le costruzioni; l'altro lascia che le costruzioni vengano fuori dal pendio e galleggino sul terreno. I temi sono unificati in un unico coerente movimento e sono affrontati nella parte settentrionale del foyer del teatro come una grotta di cristallo mentre la parte del sud è trasformata in una sequenza di terrazze.
La corrente e le turbolenze della “danza” del fiume sono equiparati nella costruzione a una sequenza musicale, dinamica, a forma di ventaglio, che conduce dalla grotta alle terrazze.

Il cuore del proscenio
Ad ovest, le sale “galleggiano” sul foyer, che diventa il cuore del complesso. Qui è dove il pubblico incontra la danza. Qui è dove le viste dagli studi guardano giù nel foyer e dove i ballerini presenti nelle sale a livello più alto sono visti dal pubblico.
Nell'interno è stata creata una sequenza spaziale dal foyer alla parte residenziale. I passaggi tra le unità agiranno come punti focali del complesso, conformati come due luoghi di incontro significativi.
Il “ventaglio” genera un sequenza dinamica di tre spazi esterni significativi.
Ad ovest è ubicata una pineta all'ingresso della piazza. Sotto le sale da ballo "galleggianti" il pendio è trasformato in terrazze e gradini che proseguono nel foyer. Sia il pendio che la piazza sono attrezzati per le funzioni esterne e per gli eventi estivi.
La parte centrale del complesso costituisce il secondo spazio in sequenza ove vi sono le stanze relax ubicate all’ombra degli alberi.
La sequenza termina ad est nel terzo spazio esterno con giardini e zone gioco vicino alla scuola e ai dormitori.

Il foyer del teatro
Il foyer è progettato come una cava al di sotto delle sale "galleggianti". È come un paesaggio di scale e terrazze che degradano verso il fiume. Le terrazze continuano esternamente al di là della facciata vetrata ad ovest. I livelli più alti proseguono verso l'interno con le balconate dell'auditorium e verso l'esterno con la grande sala sovrastante, occasionalmente utilizzata per eventi che necessitano di un pubblico seduto e della piattaforma telescopica.
Nell'angolo verso il giardino e il fiume è ubicato il ristorante. Le sale da ballo al di sopra fanno da schermo al sole del mattino e consentono l'ingresso della sola luce del pomeriggio.

L'auditorium
L'auditorium è progettato come un Teatro Shakespeariano con una corte fiancheggiata da vari livelli di balconate (georgiane) su tre lati. Anche queste ultime, seguendo la sagoma esterna, sono organizzate a terrazzamenti a forma di ventaglio
.

Georgian Choreographic Centre
4 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    La danza, l'eccezionalità del sito e il pendio a sud della collina verso il fiume sono stati i concetti chiave alla base del progetto. Visto dal ponte ad ovest e dal fiume ad est il centro coreografico è caratterizzato dall'ansa del fiume, dalla chiusa del canale e dalla centrale elettrica in posizione più elevata. La “casa” è l'icona del Centro e al tempo stesso si confronta con la curvatura del fiume e il pendio del terreno. Il concetto è quello di una vigna a terrazzamenti che si eleva...

    Archilovers On Instagram
    Lovers 4 users