Allestimento museale della STAZIONE DELL'ARTE

fondazione dedicata a Maria Lai Ulassai / Italy / 2008

0
0 Love 1,421 Visits Published
Nella nostra isola sempre più forte ci appare l’Arte come bisogno primario di nutrimento per la nostra identità. Poter fare dell’arte il pane quotidiano per la mensa dei Sardi. Pane che nutra le coscienze e risvegli il processo della crescita umana. Nasce la Fondazione “Stazione Dell’Arte “ per volontà dell’intero paese di Ulassai che dopo anni di silenzio vuol riprendere un percorso che sembrava interrotto. Ventiquattro anni fa era partita una spinta culturale con l’evento di Maria Lai “ Legarsi alla montagna”. Evento che, come ogni forma d’arte, ha avuto e forse avrà ancora tempi lunghi. La fondazione pur essendo beneficiaria della donazione di una nutrita collezione delle opere di Maria Lai, non nasce per conservare la memoria di un’artista, ma per farsi carico dei suoi sogni come semi lanciati a generare il nostro futuro. Oggi molte coscienze si stanno svegliando. Il nostro tempo ci impone nuove inquietudini, nuovi orizzonti. La Fondazione porterà avanti le seguenti proposte: Un programma che elabori nuove definizioni per l’arte e le prospettive culturali del nostro futuro. L’interpretazione delle leggende, dei linguaggi, dei miti della nostra antichissima storia. La possibilità di guidare lo sguardo dei giovani sulle opere d’arte così come sulla scrittura della lingua parlata. Elaborare e diffondere un alfabeto dell’arte visiva. L’esistente L’area interessata dall’intervento è situata nel territorio di Ulassai di proprietà delle Ferrovie Secondarie della Sardegna conosciuta come Stazione di Jerzu e inaugurata il 16 Novembre del 1893 come diramazione da Gairo a Jerzu. L’area ospita una serie di edifici che erano funzionali alle attività proprie della Stazione Ferroviaria: La casa per il custode, la stazione , un locale esterno adibito originariamente a latrina, un fabbricato utilizzato per il ricovero della locomotiva. La stazione ha funzionato sino agli anni 50 e per un lungo periodo ha subito uno stato totale di abbandono al punto di essere utilizzata come porcilaia. Solo negli anni 90 il Comune di Ulassai si è fatta carico di un progetto di recupero degli edifici esistenti realizzando altresì dei servizi igienici esterni. Descrizione dell’intervento L’intervento proposto prevede la realizzazione di tutte quelle opere interne necessarie per permettere l’allestimento museale all’interno dei locali della vecchia stazione. Nella definizione del tipo di arredi necessari sono intervenute oltre, alle tipologie delle opere da esporre, le necessità dettate dalla Fondazione La Stazione Dell’Arte. Ovvero quella di ottenere uno spazio flessibile, disponibile a variazioni di allestimento. Per tanto la scelta ricade sull’utilizzo di una fodera in legno ignifugo per tutte le pareti dei locali, fodera necessaria per rendere le pareti uniformi dal punto di vista formale e per tamponare le aperture attuali con conseguente aumento della superficie espositiva altrimenti insufficiente. Le opere verranno appese tramite funi sottili legate nella parte superiore della pannellatura evitando bucature di ogni genere, il cambio di allestimento in questo modo non comporterà particolari necessità di manutenzione. L’allestimento fisso sarà integrato da un numero di N° 13 blocchi espositivi mobili autoportanti delle dimensioni di cm 120*240*30 che permetteranno la creazione di comparti e percorsi separati, la sospensione delle opere avverrà come nei pannelli perimetrali. Saranno fornite delle basi espositive costituiti da parallelepipedi avente dimensioni cm 60*60*60 e 30*30*120, in numero di 10 per ogni dimensione, le basi serviranno per l’esposizione di libri in tessuto e di altre opere tridimensionali non esponibili su pannello. Verranno fornite delle panche necessarie per la sosta dei visitatori, realizzate inl legno ed acciaio con sovrastante cuscino in gommapiuma foderata. Per quanto riguarda il Corpo 1 è prevista la fornitura di arredamento realizzato su disegno per allestire una sala ricezione, eventuale biglietteria e vendita di libri inerenti il lavoro dell’artista e della fondazione. Nel Corpo denominato N° 3, il grande portone non praticabile per dimensione e per necessità di manutenzione continua, sarà trasformato dall’artista Maria Lai in un opera godibile dall’esterno, per tanto non sarà più utilizzabile come ingresso, l’opera sarà costituita da un grande pannello serigrafrato su disegno eseguito dall’artista, l’opera da realizzare riguarderà concettualmente l’approccio che il visitatore deve avere nell’affrontare la visita di un museo.
0 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Nella nostra isola sempre più forte ci appare l’Arte come bisogno primario di nutrimento per la nostra identità. Poter fare dell’arte il pane quotidiano per la mensa dei Sardi. Pane che nutra le coscienze e risvegli il processo della crescita umana. Nasce la Fondazione “Stazione Dell’Arte “ per volontà dell’intero paese di Ulassai che dopo anni di silenzio vuol riprendere un percorso che sembrava interrotto. Ventiquattro anni fa era partita una spinta culturale con l’evento di Maria Lai “...

    Project details
    • Year 2008
    • Work started in 2007
    • Work finished in 2008
    • Status Completed works
    • Type Museums
    Archilovers On Instagram