Installazione Ball-Nogues Studio

Experimental Architecture per l'11. Mostra Internazionale di Architettura Venice / Italy / 2008

1
1 Love 1,436 Visits Published
Nel nostro ambiente edificato si sussegue senza fine una proliferazione di strutture effimere. Se paragoniamo la città al delta di un fiume e l’architettura al suo ramo principale, lento nel fluire, allora le sue acque sono turbinosamente agitate da vortici di gazebi per feste, di ponteggi, di palchi per festival, di decorazioni stradali per luoghi di vacanza.
Questi ambienti rispecchiano il desiderio di allegria della comunità. Campi di primo soccorso e alloggi transitori per un'accoglienza di massa riguardano le emergenze umanitarie.
In qualità di progettisti noi abbiamo la possibilità di creare e adattare queste strutture facendone delle opportunità per influenzare le aspettative dell'individuo nei confronti del mondo edificato e delle sfide cui deve far fronte nella quotidianità.

Il fatto di vedere le strutture temporanee come speculazioni eseguite rapidamente ci consente di porre alcune domande. Qual è il rendimento di un nuovo materiale o di un nuovo processo di fabbricazione? In quale modo l'individuo interagisce con un determinato spazio rispetto al modo in cui noi prevediamo che reagirà? Strutture e ambienti temporanei costituiscono opportunità per indagare e formulare gli effetti ammessi dagli incontri architettonici, operando, nel contempo, all'esterno delle costrizioni limitanti imposte dalla prassi dell'architettura. Le tradizionali ossessioni dell'architetto - la struttura, la materialità, i sistemi di assemblaggio, l'organizzazione dello spazio e la sua occupazione - possono condizionare le strutture temporanee in un modo nuovo. Le strutture temporanee, banchi di prova per materiali, processi di fabbricazione e modi di concepire la progettazione, offrono la possibilità di sottoporre le idee a rapida verifica; idee che,
diversamente, potrebbero restare sulla carta, mentre si susseguono a cascata nel discorso sulla progettazione.

L'adattamento del processo progettuale a queste opportunità suggerisce un modello di produzione da capomastro. Traendo vantaggio da tale risposta, Ball-Nogues è impegnato nell'iter di costruzione dalla fase ideativa al momento realizzativo. La nostra è una metodologia progettuale che integra strettamente l'ideazione, il calcolo e la realizzazione. Coltiviamo la comunicazione e le influenze tra questi aspetti del processo che spesso vengono tenuti distinti e controlliamo la produzione progettandone gli strumenti e i metodi. Far sì che il costruttore e il fruitore della struttura possano disporre di tali strumenti indipendentemente dal progettista è uno degli obiettivi del nostro lavoro. È un ethos fai-da-te che ci consente di manifestare le idee che altrimenti rimarrebbero non collaudate. Nella cultura dell'architettura sperimentale, dove le immagini speculative hanno eclissato il costruire e l'esperienza umana come lingua franca, le strutture temporanee rappresentano il modo con cui restituire la materialità e l'uso al discorso sulla progettazione.


Foto 2: Unseen current 2008
3000 catenarie, stampa a getto d’inchiostro su maglia. 7,5 x 5 x 4 m
Extension Gallery, Chicago Illinois, USA.
1 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Nel nostro ambiente edificato si sussegue senza fine una proliferazione di strutture effimere. Se paragoniamo la città al delta di un fiume e l’architettura al suo ramo principale, lento nel fluire, allora le sue acque sono turbinosamente agitate da vortici di gazebi per feste, di ponteggi, di palchi per festival, di decorazioni stradali per luoghi di vacanza. Questi ambienti rispecchiano il desiderio di allegria della comunità. Campi di primo soccorso e alloggi transitori per un'accoglienza di...

    Project details
    Archilovers On Instagram
    Lovers 1 users