Aleph Reorganizing Vision

11. Mostra Internazionale di Architettura Venice / Italy / 2008

0
0 Love 1,270 Visits Published
Aleph is an experimental public display, that is using the spaces, people and objects it faces as a palette to display messages from hidden viewpoints. When looking at a small mirror, it reflects a fraction of the space around us, when looking at a mirror façade, it reflects most things around us, containing segments that are dark or bright, red or green. But if we build a matrix of small mirrors, which can adjust their tilt according to the site they are facing, we can create a display that uses the ever changing flux of the place to show images from certain points in space. [IT] La bellezza tangibile della “Peer Property Creazione di qualità culturali mediante la realizzazione di sistemi di architettura aperti e interattivi Quando si consente a una comunità variegata di partecipare alla realizzazione di sistemi interattivi di architettura, le qualità culturali di un sistema di tal genere vanno oltre le tradizionali caratteristiche “hi-tech” e “smart home” e creano qualcosa di genuino che, al tempo stesso, appartiene non all'identità di un singolo autore o artista, bensì a un indefinito gruppo di "partecipanti". Insieme ad Anita Pozna e Peter Hudini abbiamo avviato i nostri primi progetti nel 2002. Al pari Di molti altri giovani studi, abbiamo costituito un’equipe di ex compagni di corso e abbiamo lavorato come consulenti investendo tempo e denaro guadagnato con il web design per sviluppare i nostri personali contenuti ed esperimenti. Nel corso degli anni abbiamo compreso che operare con professionisti di altre discipline presenta un grande vantaggio: i progetti vengono realizzati in collaborazione e noi apprendiamo costantemente da persone nuove. Di conseguenza, tutti i progetti creati sono il frutto di una collaborazione con altri. Nella scienza sociale questo modello viene definito "peer production" ("produzione tra pari"), nella quale gli individui costituiscono reti orizzontali su una base di progetto per progetto. Oggi abbiamo volutamente scelto di operare in questo modo. Nonostante le molte sollecitazioni, rifiutiamo di ingrandirci e assumere altra gente, continuiamo invece a cercare professionisti interessanti con cui creare progetti congiunti. Poiché la "peer production" dà vita a una "peer property" ("proprietà tra pari"), un contenuto culturale creato in collaborazione, utilizziamo una procedura di licenze che consente un ulteriore rimescolamento e condivisione: il Creative Commons. Mentre le regole del copyright proibiscono il riutilizzo del prodotto culturale, la condivisione tramite licenza CC consente imitazioni, remix ecc. Uno dei primi validi esempi di questa pratica è l'opuscoletto-manuale redatto da me e Usman Haque nel 2004 con il titolo “Lowtech Sensors end Actuators” http://lowtech.propositions.org.uk], il quale è stato pubblicato con licenza CC e messo gratuitamente a disposizione su internet. Nel 2006, in occasione della 10. Mostra Internazionale di Architettura della Biennale, abbiamo usato questo opuscolo per costruire alcune delle grandi installazioni del progetto Reorient http://www.reorient.hu] che ha ottenuto anch'esso la licenza nel medesimo modo. Nella primavera del 2007, agevolati da questo sistema, io e Usman abbiamo riutilizzato molte parti dell'installazione di Reorient per costruire Reconfigurable House http://house.propositions.org.uk] in occasione dell'esposizione tenutasi a Tokyo per celebrar il decennale dell'NTT ICC. In questo modo, nel corso degli anni sono stati riutilizzati p rodotti e idee da varie persone e sono state create opere che ne imitano altre. Adam Somlai-Fischer
0 users love this project
Comments
    comment
    Enlarge image

    Aleph is an experimental public display, that is using the spaces, people and objects it faces as a palette to display messages from hidden viewpoints. When looking at a small mirror, it reflects a fraction of the space around us, when looking at a mirror façade, it reflects most things around us, containing segments that are dark or bright, red or green. But if we build a matrix of small mirrors, which can adjust their tilt according to the site they are facing, we can create a display that...

    Project details
    • Year 2008
    • Work finished in 2008
    • Status Completed works
    • Type Exhibition Design / Exhibitions /Installations
    Archilovers On Instagram