Asilo di Andriano

Vincitore Premio CasaClima A+ Andriano / Italy / 2007

0
0 Love 1,604 Visits Published
Felice inserimento ambientale e scelta di materiali naturali ad alta valenza didattica per uno spazio a misura di bambino

Esito di un concorso di progettazione indetto dal Comune di Andriano nel 2005, la nuova scuola materna progettata dagli architetti Gilbert e Michael Dejori occupa un’area poco distante dal centro, in mezzo ai vigneti, su cui sorgeva un vecchio fienile pericolante.
Nell’estate 2006 sono stati avviati i lavori con la demolizione della vecchia struttura; nell’autunno 2007 la scuola materna ha potuto accogliere i suoi primi piccoli ospiti.

Costruire con il paesaggio

L’edificio si presenta come un corpo ad un unico piano su un terreno in leggera pendenza. Il tetto a verde estensivo segue con la sua inclinazione questa pendenza, per poter aprire una prima parte dell’edificio, leggermente rialzata, verso una zona verde e verso il paese. La costruzione ripropone con il cambiamento dei suoi materiali lasciati naturali le meravigliose tonalità di colore del paesaggio circostante: pino cembro non trattato per la facciata, legno di rovere oliato per pavimenti e arredamenti, ferro grezzo per le parti portanti.
Tutti gli elementi della costruzione come lampade, lucernari, arredi, venature dei pavimenti in legno seguono la linearità dei filari di vite (direzione Nord-Sud).Tutte le funzioni dell’edificio sono organizzate invece parallelamente alla pendenza: ingresso, foyer, amministrazione e cucine nella parte posteriore; ambedue le sezioni dell’asilo con ognuno guardaroba, lavatoio e servizi igienici, aula per i lavori di gruppo e aula per il gioco, sessanta centimetri più in basso nella parte anteriore. Attraverso la differenza di livelli l’inclinazione della pendenza esterna viene così portata anche all’interno. Un’ampia terrazza con una scala esterna conduce infine dalle stanze per il gioco allo spazio libero antistante.

Soluzioni a misura di bambino
Il visitatore che entra nel nuovo asilo può riconoscere già dal foyer tutti gli spazi di ambedue le sezioni. Porte interamente vetrate garantiscono infatti la trasparenza e la visione d’insieme. L’accesso alle diverse aule avviene attraverso comode rampe, lungo le quali sono allineati i guardaroba. I lavatoi ed i servizi igienici sono invece direttamente raggiungibili dall’aula. Le aule per il gioco, a diretto contatto fra loro, possono essere unite assieme attraverso lo spostamento e la trasformazione del mobilio ottenendo una grande aula per gli spettacoli.
La vera ricchezza di questo luogo è però il suo straordinario panorama a 180°. Le vetrate a tutta altezza permettono anche ai bambini la vista verso l’esterno, sulla Val d’Adige in basso, sul monte Tschöggel di fronte e verso il cielo in alto. Il paesaggio inquadrato dalle ampie finestre si trasforma così all’interno in tanti quadri sulle cui cornici i bambini possono sedersi. Piccole finestre circolari ricavate nelle pareti interne ad altezza di bambino permettono loro di gettare uno sguardo in cucina e negli uffici.

Efficienza energetica e comfort nel rispetto dell’ambiente
L’involucro in calcestruzzo armato con isolamento in lana di roccia da 16 cm è chiuso da una facciata ventilata rivestita in assi di pino cembro non trattato a richiamare il vecchio fienile che per decenni aveva occupato questo spazio. Le ampie vetrate utilizzano vetri a doppio strato termoisolanti con un valore Ug di 1,1 e con protezione solare. Tutte le vetrate, compresi i lucernari in copertura, sono dotati di dispositivi meccanici o manuali per l’oscuramento. Un tetto a verde estensivo su struttura in legno, coibentato con 24 cm di lana di roccia chiude superiormente l’involucro. L’ampia terrazza che conduce all’aperto può essere trasformata nella stagione fredda in un giardino d’inverno, che si comporta come buffer-zone, grazie a degli elementi in vetro movibili e fissabili manualmente che durante la stagione estiva possono essere altrettanto semplicemente impacchettati.
L’intero edificio è riscaldato tramite un sistema a bassa temperatura a pavimento alimentato da una caldaia a pellet. Un impianto di ventilazione meccanica ad alta efficienza permette un ricambio d’aria senza grandi sbalzi di temperatura e senza fastidiose correnti d’aria. L’impianto è inoltre dotato di sistema automatico di filtraggio dell’aria di ricambio per garantire la massima salubrità negli ambienti. L’aria ha la possibilità di essere preriscaldata in inverno e preraffrescata in estate grazie ad uno scambiatore a terreno: in questo modo nella stagione calda non è richiesta altra climatizzazione.


0 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Felice inserimento ambientale e scelta di materiali naturali ad alta valenza didattica per uno spazio a misura di bambino Esito di un concorso di progettazione indetto dal Comune di Andriano nel 2005, la nuova scuola materna progettata dagli architetti Gilbert e Michael Dejori occupa un’area poco distante dal centro, in mezzo ai vigneti, su cui sorgeva un vecchio fienile pericolante. Nell’estate 2006 sono stati avviati i lavori con la demolizione della vecchia struttura; nell’autunno...

    Project details
    • Year 2007
    • Work finished in 2007
    • Client Comune di Andriano
    • Status Completed works
    • Type Schools/Institutes
    Archilovers On Instagram