Monumento ai Caduti di Nassiriya

Il Giardino dei 19 Mandorli (Progetto finalista del concorso) Rome / Italy / 2006

0
0 Love 1,036 Visits Published
Il cuore del progetto risiede nell’alveo umano e nell’aspetto civile di convivenza, principio al di sopra di ogni religione, stato, arma, estrazione politica e sociale. Un monumento originato da un sentimento d’intimità e di coscienza che traccia 19 linee di congiunzione fra le persone scomparse nella strage. Dall’efferata volontà di annientamento nasce un forte sentimento di vita, di instancabile naturale ricostruzione-riconciliazione, simboleggiato dal piccolo giardino composto da 19 mandorli piantati sulla sommità di un terrapieno. Ogni mandorlo, simbolo della rinascita in quanto il primo albero a fiorire in Primavera, è chiamato per nome attraverso un’iscrizione retroilluminata posta ai suoi piedi a ricordare la tradizione giudaica secondo la quale attraverso la base di un mandorlo è possibile entrare nella città immortale di Luz. Contemporaneamente il “giardino” è fulcro di un esploso, l’epicentro che dissemina nel prato tanti frammenti luminosi che custodiscono al loro interno un piccolo oggetto appartenuto ad ognuna delle vittime.

0 users love this project
Comments
    comment
    user
    Enlarge image

    Il cuore del progetto risiede nell’alveo umano e nell’aspetto civile di convivenza, principio al di sopra di ogni religione, stato, arma, estrazione politica e sociale. Un monumento originato da un sentimento d’intimità e di coscienza che traccia 19 linee di congiunzione fra le persone scomparse nella strage. Dall’efferata volontà di annientamento nasce un forte sentimento di vita, di instancabile naturale ricostruzione-riconciliazione, simboleggiato dal piccolo giardino composto da 19...

    Project details
    • Year 2006
    • Client Ministero dei Beni Ambientali e Culturali, Provincia di Roma, Comune di Roma
    • Status Competition works
    • Type Monuments
    Archilovers On Instagram